700mila euro per WiMAN, la startup che porta il wifi nei negozi | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Venture capital

700mila euro per WiMAN, la startup che porta il wifi nei negozi

di Redazione EconomyUp

19 Dic 2014

Il finanziamento fatto da Tim Ventures insieme con P101, Club Italia Investimenti2 e Nanabianca. La società, fondata nel 2012 da Massimo Ciuffreda e Michele di Mauro, ha già i suoi router in 2000 pubblici in Italia e 500 all’estero per un totale di 500mila utenti unici, di cui il 50% stranieri

Tim Ventures, società del gruppo Telecom Italia nata per investimenti dedicati alle migliori startup digitali, si unisce all’operatore di venture capital P101, a Club Italia Investimenti 2 e a Nanabianca, nell’investimento per complessivi 700mila euro in wiMAN, la startup che permette alle attività commerciali di condividere con i clienti la propria rete Wi-Fi, garantendo un accesso gratuito e immediato tramite l’autenticazione con l’account Facebook o Google.


wiMAN collabora con Telecom sin dal suo lancio nel 2012, su iniziativa di Massimo Ciuffreda e Michele di Mauro che hanno ricevuto un primo supporto da Matteo Riffeser Monti come angel investor dall’acceleratore Nanabianca.

I router wiMAN sono oggi utilizzati in 2.000 locali pubblici in Italia e 500 all’estero, inclusi i negozi sociali Tim, per un totale di 3 milioni di connessioni e 500mila utenti unici, di cui il 50% stranieri.


«wiMAN sta espandendo il proprio business e l’investimento sara’ in parte utilizzato per allargare il servizio a nuove attivita’ commerciali e non solo», dice Salvo Mizzi, amministratore delegato Tim Ventures. “Chiuderemo presto altri investimenti con le migliori startup innovative in ambito digital, internet, mobile e green Ict”.

Redazione EconomyUp

Articoli correlati