Amazon è sempre più una catena fisica e ora vuole comprare i negozi di Toys 'R' Us | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

MERCATO

Amazon è sempre più una catena fisica e ora vuole comprare i negozi di Toys ‘R’ Us

22 Mar 2018

Aziende

Altri argomenti

Il colosso di Jess Bezos ha già 450 punti vendita dopo l’acquisto di Whole Foods Market nel 2017. Adesso vorrebbe acquisirne alcuni del marchio di giocattoli fallito anche per l’effetto Amazon. Obiettivo: avere magazzini decentrati e integrare fisico e digitale per migliorare le consegne, anche con l’uso di droni

Amazon sta considerando la possibilità di acquisire alcuni dei punti vendita di Toys ‘R’ Us, il gigante dei giocattoli che, finito in bancarotta, ha annunciato la liquidazione. Secondo Bloomberg, il colosso di Jeff Bezos non è interessato a mantenere il marchio ma vorrebbe utilizzare la rete di negozi, che presto resteranno vuoti, per aumentare la propria presenza fisica negli States. Si tratterebbe, insomma, di un’involontaria beffa ai danni di Toys ‘R’ Us, che proprio Amazon ha contribuito (anche se indirettamente) a far chiudere a causa dell’espansione inarrestabile del commercio online a discapito dei retailer americani.

 

Amazon, le cinque più grandi acquisizioni della sua storia

Per la multinazionale di Seattle, invece, l’acquisizione consentirebbe il raggiungimento di una capillare presenza territoriale aggiungendo location fisiche alle 450 già in possesso di Amazon dopo l’acquisto, lo scorso anno di Whole Foods Market. E sebbene Amazon Go, il supermercato senza casse e senza cassieri aperto al piano terreno del quartier generale della compagnia, sia ancora visto come un esperimento, non è escluso che prima o poi i vertici della multinazionale decidano di espandere  l’esperienza e, forti di centinaia di punti vendita, lancino l’assalto a Walmart, CostCo e agli altri supermercati tradizionali. Ma la presenza di store fisici, secondo Bloomberg, può essere anche l’occasione per Amazon di creare una rete simile a quella degli Apple Store, mettendo in vetrina i prodotti proprietari come la linea di dispositivi Echo, basati sulla piattaforma vocale Alexa, e facendo toccare con mano questa tecnologia ai potenziali clienti.

Amazon contro negozi, 10 anni di caduta libera del retail americano

O, ancora, Bloomberg suggerisce l’ipotesi che Bezos voglia semplicemente approfittare dell’affondamento di Toys ‘R’ Us per portare a casa a prezzi stracciati una serie di locali che potrebbero poi diventare magazzini decentrati di Amazon, a disposizione dell’azienda per consentire consegne più veloci a clienti del vicinato. Magari con l’ulteriore espansione dell’utilizzo dei droni per portare gli acquisti a domicilio.

La crisi dei centri commerciali potrebbe essere l’inizio di una nuova vita per le periferie

Aziende

Altri argomenti

Concetta Desando

Due menzioni speciali al premio di giornalismo M.G. Cutuli, vincitrice del Premio Giuseppe Sciacca 2009, collaboro con testate nazionali. Per EconomyUp mi occupo di startup, innovazione digitale, social network

Articoli correlati