Dark store - Definizione - Economyup

GLOSSARIO

Dark store – Definizione



Il dark store un magazzino dedicato alla preparazione degli ordini della spesa online. Ecco come funziona e di quali strumenti dispone

25 Giu 2021


Dark store
Il dark store (letteralmente: “negozio oscurato”) è un magazzino dedicato alla preparazione degli ordini della spesa online. La sua crescente importanza nel mondo della logistica per il retail si deve alla costante crescita del quick commerce, il “commercio veloce” che promette di consegnare le merci in poche ore. Perché questo sia possibile sono necessari i dmarts (delivery-only local warehouses), chiamati appunto anche dark store. Sono spazi movimentatissimi ma non aperti al pubblico il cui numero e la cui capillare distribuzione rendono possibile il servizio. Devono essere centrali e posizionati in modo strategico. Strategica è la capacità, da parte di chi lo gestisce, di indovinare cosa mettere in stock.
Di fatto si tratta di un supermercato, organizzato in corsie,  ma al suo interno non possono accedervi i clienti: lo spazio è riservato agli operatori (picker) che raccolgono i prodotti. In un dark store, possono essere implementate strumenti software e hardware che riescono a velocizzare e rendere più efficienti tutte le operazioni.

Il darkstore deve anche essere in grado di gestire i prodotti a peso variabile e la preparazione della merce dai banchi freschi. Alcuni sistemi sono in grado di effettuare anche una sostituzione automatica degli articoli, se il cliente conferma la possibilità di farlo in fase di ordine.

Nel periodo di massimo picco della pandemia da Covid19, alcune aziende statunitensi, come Whole Foods Market, la grande catena di grocery acquistata da Amazon, hanno riconvertito alcuni punti vendita tradizionali in dark store. Altre hanno aperto store temporanei nei pressi delle grandi metropoli. Di fatto i dark store stanno diventando essenziali per le società di delivery quali Glovo e molte altre.