Digital signage 2021: i cinque trend nella nuova normalità | Economyup

DOPO LA PANDEMIA

Digital signage 2021: i cinque trend nella nuova normalità



Digital signage 2021 significa ripensare come operatori e consumatori hanno imparato a convivere con il regime di distanziamento sociale e di lockdown. Touchscreen in disparte, compensato da tante altre tecnologie

di Laura Zanotti

08 Lug 2021


Digital signage 2021 significa riconsiderare ancora una volta le infinite potenzialità di comunicazione e di ingaggio delle tecnologie LED (Light Emitting Diode), tradizionali o trasparenti, nonché delle varie loro evoluzioni OLED (Organic Light Emitting Diode) o QLED (Quantum Dot Led). Dai primi e costosissimi schermi piatti degli anni 60, infatti, l’R&D nell’ambito della segnaletica digitale ha continuato a investire e sperimentare in nuovi materiali e nuovi componenti che hanno incrementato risoluzione, contrasto, illuminazione e performance.

Digital signage 2021-2027: CAGR del 4,3%

Secondo gli analisti di Meticulous Research, da qui ai prossimi 5 anni il mercato del digital signage crescerà a un CAGR (Compound Annual Growth Rate, il tasso annuo di crescita composto) del 4,3%, arrivando a movimentare un volume pari a 19,44 miliardi di dollari. Il nuovo trend del digital signage 2021? In questa fase ancora caratterizzata dall’incertezza pandemica, saranno più utilizzati i display la cui interattività è garantita da nuove tecnologie gestuali e vocali, ma anche dall’interazione contactless tramite smartphone (che i consumatori ritengono decisamente più sicura e funzionale).

WHITEPAPER
Impianti e produzione: perché (e come) modernizzare la sicurezza
Logistica/Trasporti
Manifatturiero/Produzione

New normal e digital signage

Guardando allo stato attuale del mercato del digital signage, ci sono buone e cattive notizie. Per rispettare le normative sanitarie è vero che è calato l’uso degli schermi touch. Ma è anche vero che display e totem interattivi in vetrina o agli ingressi dei punti vendita sono stati utilizzati in modo estensivo per comunicare, oltre a video e messaggi promozionali anche tutte le info legate:

  • a diversi orari di apertura
  • alle misure di sicurezza necessarie
  • al numero massimo di persone consentito

L’evoluzione omnicanale dei consumatori, potenziata a dismisura dai nuovi ritmi dell’e-commerce e dall’uso intensivo delle app e di tutti i servizi digitali annessi e connessi (social in primis), ha portato i brand a ragionare di convergenza e a trasformare anche le soluzioni di digital signage in touchpoint strategici del customer journey, in quanto importante punto di intersezione tra i consumatori e i brand.

Digital window per rendere gli spazi connessi e comunicanti

Per il mondo della distribuzione (ma anche della sanità, dei trasporti o della PA) utilizzare i display interattivi durante il regime di continui stop & go ha permesso di mantenere una certa qualità nella comunicazione e nei servizi. Senza contare la possibilità di realizzare schermi di qualsiasi forma e misura, gestendo la regia della programmazione in maniera altamente coreografica, che permette anche a chi ha poco spazio o aree di ingresso anguste di poter introdurre superfici digitali tridimensionali luminescenti e suggestive che garantiscono esperienze immersive ad alto tasso di ingaggio.

Digital Signage 2021: i 5 trend da conoscere

Nel regime di continui stop & go il digital signage ha continuato ad avere una valenza importante. Ecco i 5 trend da conoscere assolutamente:

1. Display touch vs display contactless

Come già accennato più sopra, a causa del carattere altamente contagioso del Covid19 una caratteristica fondamentale dell’interazione umana come il tatto è diventata obsoleta, persino pericolosa. Il 2020 ha visto una rapida scomparsa delle soluzioni touch e questa tendenza sarà ancora più attuale da qui ai prossimi mesi. Il digital signage 2021 vede ancora alcune soluzioni caratterizzate dalle tecnologie tattili nei chioschi e in alcuni schermi interattivi, ma quest’anno gli analisti evidenziano una netta crescita degli schermi con altre tipologie di interazione come, ad esempio:

  • Riconoscimento vocale
  • Riconoscimento facciale
  • Sensori corporei
  • Near Field Communication
  • RFID
  • QR code

Banche, aeroporti e negozi al dettaglio, ad esempio, possono implementare nei propri locali soluzioni digitali avanzate di gestione delle code che possono consentire ai clienti di utilizzare i propri smartphone e generare biglietti in modo completamente contactless. All’utente basta scansionare un codice QR univoco da un chiosco e in pochi secondi il biglietto virtuale è a sistema sul suo cellulare.

2. Intelligence Digital Signage

Anche il digital signage 2021 permette ai brand di colpire il cuore e la mente del consumatore attraverso le più disparate installazioni: artwall, ledwall, magic mirror, teche interattive e via dicendo. La differenza è che i brand in questi ultimi due anni hanno incrementato la loro capacità di analizzare i flussi informativi in entrata e in uscita per erogare messaggi sempre più pertinenti, rilevanti e contestuali a clienti, commensali, cittadini, passeggeri e pazienti. La regia dei palinsensti, infatti, è supportata da piattaforme di gestione basate sull’Intelligenza Artificiale e il machine learning che, in tempo reale, elaborano grandi set di dati per capire sempre meglio comportamenti e aspettative, automatizzando schemi di risposta sempre più funzionali per un precision marketing ad alto tasso di fidelizzazione.

3. Content Management as a Service

Digitale e automazione vanno in tandem. Incastonare un display in un qualsiasi dispositivo fisso o mobile dotandolo di un’intelligenza di sistema analoga a quella di un computer ha diversificato soluzioni e postazioni: dai chioschi self-service automatizzati nelle stazioni di servizio alle casse automatiche nei negozi di alimentari. Nel regno del marketing e della pubblicità digitale anche la pianificazione dei contenuti passa dall’automazione. Nel back end gestionale, infatti, le consolle permettono di gestire un Content Management sempre più spinto, spesso affidato a fornitori terzi che hanno studios e sale di registrazione, ma anche team di copy writer, grafici, illustratori e web designer che per conto dei brand si occupano della realizzazione e della produzione dei contenuti, erogando il palinsesto da remoto.

4. Videostorytelling sempre più contestuale

Il digital signage 2021 è anche uno strumento che aiuta i brand a comunicare ai consumatori il piacere di tornare in negozio. Le customer insight analytics a disposizione del marketing permetteranno di diversificheranno le strategie narrative mixando tecniche di Experience Design e di Design Thinking. La possibilità di analizzare tutti i feed back legati all’interazione omnicanale dei consumatori renderà possibile riformulare proattivamente la struttura dei contenuti e le modalità di comunicazione proposte. In questo modo il videostorytelling sarà progettato in modo più dinamico, per consentire in alcuni punti attività di gamification, in altri un’esperienza immersiva in base all’architettura e all’illuminazione dell’ambiente, in altre ancora un servizio di infopoint a seconda del momento topico customer journey.

5. Digital signage polifunzionale

La versatilità, la variabilità e il valore del digital signage consentono alle installazioni indoor e outdoor di trascendere l’originale funzione di media per integrare ulteriori tecnologie e funzionalità. Le postazioni interattive continueranno ad arricchirsi di funzionalità come, ad esempio, fornire agli utenti la possibilità di ricaricare i loro dispositivi mobili o fungere da hotspot wi-fi. Il motion tracking associato all’uso della Realtà Aumentata può aiutare a creare situazioni di infotaiment molto ingaggianti. Le tecniche di facial recognition e imagine recognition abilitano nuovi servizi associati all’uso più evoluto delle carte fedeltà, delle app, del Bluetooth. In chiave IoT, l’NFC integrato negli smartphone e nei tablet utilizzati dagli utenti apre nuove modalità di interazione e di servizio (basti pensare alla rivoluzione dei pagamenti contactless).

Digital signage 2021: esempi applicativi

Nel corso degli anni, abbiamo visto buoni progressi nell’integrazione del digital signage con i social media, feed RSS, feed di notizie e meteo e molte altre utili applicazioni. Ora questa modalità di integrazione sta diventando sempre più complessa e sofisticata. Ad esempio, una segnaletica della stazione degli autobus che mostra informazioni di arrivo/partenza in tempo reale basate sulla posizione GPS dell’autobus e sul sistema di localizzazione automatica del veicolo. Entrando più nel dettaglio, l’applicazione dell’Intelligenza Artificiale e di altre tecnologie combinate apre davvero infinite possibilità applicative al digital signage 2021.

  • Ad esempio, se un bambino passa davanti a una vetrina di un negozio dipartimentale dotata di segnaletica digitale basata sull’intelligenza artificiale, il dispositivo identificherà il soggetto come bambino da una serie di parametri come, ad esempio, altezza, comportamento, deambulazione, concludendo che, in quanto bambino, potrebbe aver bisogno di giocattoli (e non di una salsa barbecue!) e in base alla valutazione mostrerà prodotti e promozioni in target.
  • Oltre a mostrare contenuti promozionali e di intrattenimento, il digital signage può essere utilizzato per regalare buoni sconto per un insieme personalizzato o casuale di consumatori. Un grande schermo digitale posizionato strategicamente sulla vetrina del negozio regala uno sconto digitale del 10% su qualsiasi prodotto ai primi 50 clienti che scansionano il codice QR sullo schermo. I clienti che passano dal negozio potrebbero non aver bisogno del prodotto immediatamente, ma saranno comunque tentati di memorizzare il codice per usufruire in seguito dello sconto.
  • Un altro esempio? Immaginatevi di camminare lungo una strada in una mattina d’estate abbastanza calda. Un ledwall all’incrocio della strada riproduce uno spot di un gelato, poi uno spot di occhiali da sole e uno spot di caffè freddo. Oltre agli annunci pubblicitari, il digital signage 2021 è in grado di mostrarvi anche la posizione più vicina della gelateria, del negozio di occhiali da sole e della caffetteria insieme alla congestione del traffico in tempo reale, agli orari degli autobus di tali percorsi e via dicendo. Queste soluzioni di digital signage intelligenti sono progettate per comprendere le esigenze del vari target di consumatori e pubblicizzare prodotti e servizi mirati. Man mano che le esigenze di un consumatore cambiano, anche le pubblicità si adattano di conseguenza. Questo approccio è chiamato trigger-based advertisement.
  • In un ospedale, distribuire più soluzioni di digital signage collegati in modalità wireless con i dispositivi di monitoraggio vitale di ogni paziente o con i pulsanti di emergenza al posto letto consente di potenziare i livelli di presidio e tutela dei pazienti. In caso di emergenza, l’avviso viene visualizzato su tutti gli schermi posizionati in tutta la struttura ospedaliera, garantendo una maggiore attenzione agli avvisi ad alta priorità e una risposta rapida da parte di qualsiasi professionista sanitario che si trova nelle vicinanze.

Evoluzione delle tecnologie display

Dal punto di vista dello sviluppo, quest’anno i produttori e OEM si concentreranno sulla ricerca di modi nuovi e innovativi per migliorare le esperienze degli utenti per rendere il digital signage 2021 sempre più accessibile e intuitivo, ampliando la sua diffusione sui mercati. I display a raggi ultravioletti, dopo una lunga fase di abbrivio, finalmente sono arrivati a un punto di arrivo, consentendo agli utenti di visualizzare comodamente gli schermi anche negli ambienti più luminosi. Gli osservatori prevedono che il costo di questi display quest’anno diminuirà, il che li renderà più attrattivi e competitivi.

 

Laura Zanotti

Ha iniziato a lavorare come technical writer e giornalista negli anni '80, collaborando con tutte le nascenti riviste di informatica e Telco. In oltre 30 anni di attività ha intervistato…