CASE STUDY

Come usare l’intelligenza artificiale nell’eCommerce: il caso Shopware

Shopware offre una piattaforma omnicanale open source indirizzata alle aziende B2b e B2c, la cui caratteristica principale è la flessibilità. E ora introduce l’intelligenza artificiale per offrire ai merchant nuove funzionalità che accelerano e semplificano le attività nel front e back office. Ecco come funziona

Pubblicato il 27 Lug 2023

Shopware

Come si può usare l’intelligenza artificiale nell’eCommerce? Lo sta facendo una piattaforma omnichannel per soluzioni tecnologiche open source per l’eCommerce, Shopware. Fondata in Germania (Schöppingen) attorno all’anno 2000 dai fratelli Sebastian e Stefan Hamann, l’azienda è cresciuta in fretta, trasformandosi da realtà locale caratterizzata da una “conduzione familiare” a leader europeo. Con oltre 45mila clienti attivi tra Europa e Stati Uniti, Shopware è arrivata in Italia con l’obiettivo di farne un mercato primario per lo sviluppo del proprio business, anche a seguito del round di investimenti pari a 100 milioni di dollari da parte di Carlyle e PayPal nel 2022 che le ha consentito di accelerare l’innovazione di prodotto e il processo di espansione in nuovi mercati. Shopware ha di recente introdotto l’intelligenza artificiale con la soluzione “AI Copilot”, per ottimizzare le strategie eCommerce di aziende di medie e piccole dimensioni. “L’intelligenza artificiale ha il potenziale per inaugurare la prossima rivoluzione industriale, supportando i merchant attraverso la semplificazione dei processi, la riduzione dei costi e la creazione di una brand identity personalizzata”, ha dichiarato Stefan Hamann, che oltre a essere il co-fondatore è anche co-CEO di Shopware.

Stefan Hamann /Fonte Shopware

Da ultimo, nel mese di luglio, Shopware ha siglato una Partnership Platinum con Nexi, una delle principali Paytech europee. In base a questo accordo, Nexi potrà meglio soddisfare le esigenze dei commercianti B2b e di mercati verticali specifici come Pharma, Retail e Furniture, aiutandoli a cogliere nuove opportunità di business. La partnership, inoltre, abilita una suite omni-commerce.

Davide Giordano /Fonte Shopware

Shopware: un software open source rivolto alle aziende B2b e B2c 

Creata per soddisfare le esigenze di aziende di ogni settore, la piattaforma Shopware si rivolge, in particolare, alle aziende sia B2b che B2c del segmento mid-market, che necessitano di funzionalità più avanzate rispetto alle piattaforme plug&play, ma più flessibili rispetto alle soluzioni total custom dedicate alle grandi aziende.

Secondo una recente ricerca condotta dall’Osservatorio Digital della School of Management del Politecnico di Milano, in Italia sette aziende su dieci del settore B2b intendono investire nello sviluppo del proprio canale eCommerce. Il mercato ha già superato i 400 miliardi di euro nel 2021, ma le potenzialità di crescita sono enormi e in parte ancora inesplorate. Secondo l’ultimo studio di Gartner, entro il 2025, l’80% degli scambi business-to-business avverrà tramite piattaforme eCommerce.

È proprio in virtù della sua natura open source che Shopware può consentire ai merchant il pieno controllo dello sviluppo dei siti di vendita on line. La chiave sta nella flessibilità del software, che può essere modificato secondo le più diverse necessità, mantenendo sempre elevate caratteristiche di sicurezza, flessibilità e trasparenza.

“Il nostro obiettivo è quello di offrire soluzioni tecnologiche Open Source per l’eCommerce, continuando il processo di internazionalizzazione del nostro business. L’Italia è un mercato primario per noi e siamo felici di supportare le aziende del promettente segmento mid-market nel loro percorso di sviluppo, dando loro modo di accogliere e comprendere a pieno i vantaggi e i benefici dell’innovazione in ambito eCommerce B2C, ma soprattutto B2B. Un comparto, quello dell’eCommerce B2B dalle enormi potenzialità, ma ancora poco esplorato. Vogliamo aiutare le aziende ad accogliere e a lavorare su una cultura dell’innovazione come vero trampolino di lancio per potenziare la propria strategia di business in ogni settore, dall’Automotive, al Pharma fino al Food e al Fashion”.

Dopo il lancio di Shopware 6 – ultima versione della piattaforma – l’azienda tedesca è stata inserita nel prestigioso report Magic Quadrant for Digital Commerce di Gartner, a conferma del proprio ruolo primario nel settore del commercio digitale.

Un software disponibile in diverse soluzioni di hosting 

Shopware è disponibile attraverso diverse soluzioni di hosting: Paas (Platform as a service), Saas (Software as a service) e nella versione self-hosted. Offre anche l’opportunità di scegliere la modalità di installazione che meglio si adatta alle proprie esigenze.

Uno dei vantaggi derivanti dall’utilizzo di questa piattaforma consiste nel gestire l’intero flusso di vendite on line tramite un’unica dashboard, generando – in definitiva – una customer experience su misura, anche grazie alle numerose funzionalità di cui dispone, tra cui la gestione personalizzata dei prodotti e del processo di checkout e l’integrazione con una vasta gamma di sistemi di pagamento e di spedizione.

“Abbiamo da poco lanciato due strumenti all’avanguardia, il Guided Shopping e AI Copilot che porta con sè una serie di funzionalità basate sull’Intelligenza Artificiale. Siamo convinti che le nuove tecnologie siano un potente elemento di differenziazione nel settore dell’eCommerce: un vero e proprio supporto per semplificare ed efficientare processi tradizionali a volte estremamente lunghi. Nuove modalità di vendita generano un vantaggio competitivo e aumentano la scalabilità del business, rafforzando al contempo le connessioni interpersonali con i propri clienti e, di conseguenza, la fedeltà al marchio”, spiega Giordano.

AI Copilot, l’intelligenza artificiale di Shopware applicata all’eCommerce 

AI Copilot è disponibile per tutti i clienti Shopware, attuali e futuri, e sottolinea la convinzione dell’azienda che l’IA sia un potente elemento di differenziazione nel settore dell’e-commerce. Cosa è possibile fare con il potenziamento dell’IA? Vediamo quali funzioni aggiunge alla soluzione Shopware.

  1. Riepilogo delle recensioni dei prodotti: i merchant possono utilizzare l’intelligenza artificiale per ottenere un riassunto di tutte le recensioni di un prodotto e quindi pubblicarlo nella pagina dei dettagli dell’articolo, consentendo ai clienti di visualizzare preziosi feedback che li aiuteranno a prendere decisioni, senza dover leggere ogni singola recensione;
  2. Assistente per la generazione di parole chiave delle immagini: la procedura guidata per le parole chiave è in grado di analizzare rapidamente una serie di immagini caricate e impostare keyword appropriate, facilitando l’identificazione di quelle più rilevanti all’interno del database. Le parole chiave assegnate possono inoltre essere salvate come image metadata per una semplice ricerca tramite l’admin search;
  3. Supporto nel CMS per generazione di contenuti: i merchant possono sfruttare la funzione di creazione dei testi con l’IA per produrre un’ampia gamma di contenuti, verificare l’ortografia ed effettuare le traduzioni in più lingue. Una funzionalità che velocizza moltissimo il processo di produzione dei testi per il sito di eCommerce;
  4. Messaggio di checkout personalizzato: i brand possono inviare agli acquirenti che hanno completato un acquisto un messaggio personalizzato generato dall’IA in base al contenuto del loro carrello, a scopo di fidelizzazione;
  5. Classificazione dei clienti: l’intelligenza artificiale può associare tag ai clienti in base al comportamento di acquisto e all’analisi della cronologia degli ordini precedenti. In questo modo i merchant possono creare comunicazioni di marketing mirate come, ad esempio, l’invio ad hoc di offerte speciali;
  6. Caratteristiche del prodotto: l’intelligenza artificiale suggerisce automaticamente le diverse caratteristiche e proprietà del prodotto in base alla descrizione dell’articolo, velocizzando la creazione di opzioni di filtro nello storefront;
  7. Traduzione delle recensioni: le recensioni dei prodotti possono essere tradotte utilizzando la funzione di traduzione supportata dall’IA, consentendo ai clienti di consultare facilmente anche le recensioni in lingua straniera;
  8. Assistente AI Export: AI Export Wizard consente di esportare dati specifici dal sistema dello store in un file CSV utilizzando un singolo comando.

Guided Shopping, come migliorare l’interazione con il cliente 

Nel corso dell’evento NetComm 2023, tenutosi a maggio, Shopware ha presentato una funzionalità innovativa studiata per migliorare l’esperienza di acquisto delle aziende clienti per il settore B2b, chiamata Guided Shopping.

Grazie a questa, i merchant possono presentare i prodotti digitalmente e in modo efficace sul proprio portale online, facilitando l’interazione con i potenziali acquirenti, stimolando l’interesse e rispondendo in tempo reale alle loro domande.

Come funziona Guided Shopping? La soluzione integra la tecnologia video all’interno del sistema di gestione dei contenuti (CMS), permettendo ai rivenditori di ospitare sul proprio sito eCommerce eventi di shopping interattivi, simili alle soluzioni di Live Shopping disponibili per i consumatori B2c.

Gli strumenti integrati di CRM di Shopware consentono poi l’analisi dettagliata delle preferenze dei clienti, indispensabili per modellare un’offerta personalizzata che risponda perfettamente alle loro esigenze. Uno dei vantaggi principali di questa nuova funzionalità è il risparmio di tempo e di costi sia per i rivenditori, sia per gli acquirenti, che non devono spostarsi fisicamente per concludere una transazione. Le risposte in tempo reale danno ai clienti la possibilità di trovare rapidamente il prodotto che soddisfa le loro esigenze, e ciò riduce notevolmente il tasso di resi.

“Il tema collaborazione è centrale nella nostra strategia di business: ci affidiamo a una vasta rete di Integration Partner e agenzie specializzate nello sviluppo di sistemi eCommerce, per offrire una soluzione tecnologica modulare e un supporto consulenziale su misura. Il nostro obiettivo è quello di continuare a innovare e a offrire soluzioni all’avanguardia per le PMI italiane che desiderano differenziarsi rispetto ai competitor”, conclude Giordano.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Pierluigi Sandonnini
Pierluigi Sandonnini

Ho una formazione ibrida, tecnologica e umanistica. Nuove tecnologie I&CT e trasformazione digitale sono i miei principali campi di interesse. Ho iniziato a lavorare nella carta stampata, mi sono fatto le ossa al Corriere delle Telecomunicazioni negli anni a cavallo del Duemila. Collaboro con Digital360 dal 2020

Articoli correlati

Articolo 1 di 4