Wetaxi: 1,3 milioni di euro per l'app del taxi condiviso e trasparente | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

STARTUP E SMART MOBILITY

Wetaxi: 1,3 milioni di euro per l’app del taxi condiviso e trasparente



Wetaxi, servizio per prenotare un taxi da smartphone, ha ottenuto 700.000 euro dall’aumento di capitale sottoscritto da business angel e family office, e 600.000 da Mediocredito Italiano. Sono entrati due nuovi soci: Maider e Grimmer, attivi nel private equity. Inoltre la startup ha vinto la selezione per EndeavorX

26 Lug 2019


Gli investitori credono nella nuova mobilità urbanaWetaxi, la startup che ha creato l’applicazione che trasforma il servizio di trasporto urbano garantito dai taxi, annuncia un round di investimento dal valore complessivo di 1,3 milioni di euro.

Nel dettaglio, 700.000 euro provengono dall’aumento di capitale sottoscritto da business angels e family offices, mentre i restanti 600.000 euro sono finanziati da Mediocredito Italiano spa (gruppo Intesa Sanpaolo).

Con l’aumento di capitale (Aucap), Wetaxi accoglie in particolar modo due nuovi soci: il primo è Maider Srl, società di private equity e venture capital guidata da Andrea Marangione, lead investor dell’operazione, che ha coinvolto diversi investitori tramite un proprio veicolo, We Invest S.r.l.. Il secondo nuovo socio di Wetaxi è Grimmer S.s., veicolo di RSM Studio Palea di Torino, primario studio commercialistico italiano attivo nel settore del private equity e delle startup, membro del network internazionale RSM.

Maider Srl e Grimmer S.s. si aggiungono così agli attuali soci – che hanno investito nell’Aucap – tra cui Simon Fiduciaria Spa, società del Gruppo Ersel, e Wetrust Srl, società guidata dall’amministratore delegato Davide Canavesio. Il round di finanziamento è stato coordinato da Giorgio Ramotti, partner della boutique indipendente Nash Advisory, mentre gli aspetti legali sono stati curati dall’Avv. Alice Ravinale dello studio Ravinale e Associati.

App per chiamare i taxi: i servizi e le tecnologie che stanno innovando le auto bianche

Che cosa fa Wetaxi

Nata nel 2017 come spin off del Politecnico di Torino, Wetaxi Grazie alle partnership strette con le maggiori cooperative dei radiotaxi italiane, Wetaxi permette tramite l’app su smartphone di prenotare il taxi conoscendo in anticipo il prezzo del viaggio, semplicemente inserendo il punto di partenza e di arrivo. A fine corsa, Wetaxi garantisce il pagamento del valore inferiore tra quello calcolato al momento della prenotazione e quello indicato dal tassametro. In più, Wetaxi permette di condividere la corsa con altri utenti con un percorso simile, assicurando ulteriore risparmio. Il pagamento può avvenire tramite app oppure a bordo. Il servizio, partito da Torino, ad oggi è presente in oltre 20 città tra cui Napoli e Modena.

Wetaxi e l’aumento di capitale: i commenti

“Gli investimenti ricevuti rappresentano una spinta per lo sviluppo del nostro business, non soltanto in termini economici ma anche perché ci danno l’opportunità di contare su nuovi soci e su un network sempre più ampio”, sottolinea Massimiliano Curto, CEO di Wetaxi. “Con la nostra piattaforma intendiamo trasformare il servizio di trasporto urbano e renderlo sempre più semplice e trasparente, fornendo alle cooperative dei taxi di cui siamo partner digitali l’innovazione tecnologica fondamentale per competere in un mercato come quello della mobilità in continua espansione. Grazie alle nuove risorse finanziarie – conclude Curto –  consolideremo la nostra struttura nelle città in cui il servizio è già attivo, e allo stesso tempo procederemo spediti con l’espansione in ulteriori città italiane”.

Massimiliano Curto, CEO di Wetaxi

“Impatto ambientale, trasporto collettivo, mobilità intelligente e innovazione tecnologica: parole chiave che ormai appartengono alla nostra quotidianità, sempre più attenta alla sostenibilità, non solo economica”, dichiara Andrea Marangione, CEO di Maider Srl. “Il progetto di espansione di WeTaxi è ambizioso e seguiremo da vicino la crescita e il consolidamento della piattaforma, mettendo a disposizione del team tutte le nostre competenze e il nostro network”.

“Come RSM Studio Palea Lauri Gerla di Torino crediamo molto in Wetaxi, che ha tutte le carte in regola per diventare il benchmark del suo mercato di riferimento in Italia”, sottolinea Ivan Gasco di RSM Studio Palea di Torino. “La piattaforma digitale è in grado di fornire un valido supporto tecnologico agli operatori del trasporto pubblico urbano, e d’altra parte la app – gratuita, innovativa e di facile utilizzo – consente agli utenti di prenotare in pochi secondi e piena trasparenza il taxi dal proprio smartphone, in modo simile a quanto già avviene per il car-sharing”.

Wetaxi e la partecipazione a EndeavorX

Un successo, quello dell’aumento di capitale, che si aggiunge alla vittoria ottenuta da Wetaxi nella selezione per partecipare ad EndeavorX, il programma – sviluppato da Endeavor Italia in collaborazione con Fondazione CRT ed EY – che supporta gli imprenditori che dimostrano di avere il potenziale per giocare, in futuro, un ruolo di primo piano nell’ecosistema imprenditoriale locale e internazionale.

Wetaxi accederà dunque ad un percorso di 6 mesi che include valutazione iniziale del piano di lavoro in collaborazione con EY, mentorship personalizzate, eventi di networking e workshop tenuti da Business Coach e Strategic Advisor Ed Capaldi in OGR a Torino. Nel corso del programma, gli imprenditori di EndeavorX avranno la possibilità di partecipare ad un Investor Day, dove riceveranno feedback imparziali sulla strategia di raccolta fondi, pitch e deck da parte di investitori internazionali dalla rete Endeavor Investor.