Mobilità del futuro: 11 idee da 11 startup innovative | Economyup

SMART MOBILITY

Mobilità del futuro: 11 idee da 11 startup innovative



11 progetti destinati a cambiare la mobilità del futuro, presentati nell’ambito del programma Techstars Smart Mobility Accelerator, con le OGR Tech di Torino. Da tecnologie integrate nelle auto a un nuovo modo di sicurezza valanghe per gli sciatori, ecco le loro proposte.

14 Mag 2020


La mobilità per le città del futuro

Sistemi condivisi di micromobilità per le aziende, sperimentati con successo già durante l’emergenza Covid-19, reti di ricarica per veicoli elettrici di nuova generazione, tecnologie integrate nelle auto per automatizzare l’intera esperienza di guida, fino ai sensori per la sicurezza degli sciatori contro le valanghe: ecco 11 progetti destinati a cambiare la mobilità del futuro, presentati nell’ambito del programma Techstars Smart Mobility Accelerator, con le OGR Tech di Torino.

Le 11 startup selezionate provengono da Italia, Norvegia, Germania, Portogallo, Stati Uniti, Ucraina e Regno Unito e rappresentano una vasta gamma di tecnologie nel settore smart mobility. Si chiamano Automotus, GetHenry, Go To-U, Nickelytics, Parkofon, PowerMarket, Think Outside AS, TUC, Urban SDK, V2X Network e Goover. Alcune di loro hanno già visto l’avvio dei loro progetti.

Mobilità del futuro, ecco i progetti delle 11 startup

Hanno già avviato i loro progetti con la città di Torino quattro startup internazionali: AutomotusUrban SDKParkofon PowerMarket, ma sono molte le idee che hanno ottenuto un riconoscimento dal programma di accelerazione e saranno presto messe in pista. Vediamo le proposte innovative di tutte e 11 le startup selezionate.

Automotus

Automotus consente alle città di comprendere e gestire al meglio il loro mutevole panorama della mobilità utilizzando l’analisi video e fornendo informazioni critiche e automazioni per il flusso di lavoro.

GetHenry

GetHenry fornisce un sistema condiviso di micro-mobilità basato su stazioni ai clienti aziendali. L’offerta comprende veicoli connessi, software white label, finanziamenti e assistenza. Operando in ambienti chiusi, GetHenry elimina la maggior parte dei fattori di rischio che le società di condivisione della mobilità B2C (Business to Consumer) stanno affrontando.

Il giorno dopo la comunicazione del blocco da parte del governo austriaco per l’emergenza sanitaria, GetHenry ha iniziato a raggiungere centinaia di ristoranti, corrieri, ospedali, farmacie e servizi medici per offrire loro veicoli per il trasporto individuale o consegne. Da allora, hanno elaborato più di 1000 corse. Soprattutto nel settore sanitario stanno registrando tassi di utilizzo dei veicoli estremamente elevati.

Go To-U

GoTo-U è una rete di ricarica per veicoli elettrici di nuova generazione. Go To-U trasforma le stazioni di ricarica di aziende private in generatori di entrate attraverso la sua tecnologia. Consente alle aziende di controllare la ricarica dei veicoli elettrici aumentando al contempo il tempo di permanenza dei clienti attraverso strumenti di marketing e PR integrati e aumentando la fidelizzazione dei clienti tramite un’app per mobile devices.

Nickelytics

Nickelytics integra perfettamente soluzioni pubblicitarie nel settore del car-sharing e della micro-mobilità. Questo consente di offrire la potenza della tradizionale pubblicità fuori casa con il retargeting digitale per offrire alle aziende risultati reali e misurabili.

Uno dei fondatori ha riattivato un precedente progetto “Supply Samaritan” per fornire aiuti a seguito del COVID-19. Nickelytics stesso sta unendo le forze con il leader di mercato italiano per le prenotazioni di taxi (partnership USA-Italia).

Parkofon

Call4ideas CARDIF
Il Next Normal di Open-F@b?Call4Ideas. Proponi il tuo progetto innovativo!
Digital Transformation
Open Innovation

Parkofon è la tecnologia di mobilità di nuova generazione che già guarda al futuro: si integra direttamente all’interno delle auto per automatizzare l’intera esperienza di guida, inclusi parcheggio, pedaggi, pagamenti in auto, assicurazione e navigazione. Associata all’app, la loro tecnologia brevettata utilizza la posizione precisa del veicolo per automatizzare tutte le transazioni relative alla guida senza infrastrutture aggiuntive.

PowerMarket

PowerMarket sta sviluppando un software in grado di sfruttare i dati satellitari per aiutare il settore dell’energia per localizzare, monitorare, aggregare e visualizzare ogni singolo impianto solare, in qualsiasi parte del pianeta, consentendo loro di ottimizzare la strategia di trading e minimizzare i rischi. L’impresa è stata sostenuta e finanziata dall’Università di Oxford e dall’Agenzia spaziale europea.

Think Outside

Think Outside utilizza un’avanzata elaborazione del segnale insieme ai progressi nella tecnologia dei sensori per monitorare e ridurre l’incertezza nei settori legati alla neve e all’acqua. Sfruttando prodotti hardware e sistemi di software, Think Outside genera dati per l’industria idroelettrica, l’approvvigionamento idrico, i settori legati allo sci, le sue infrastrutture e le assicurazioni, oltre che per il commercio di energia e per la ricerca sui cambiamenti climatici. 

TUC

La missione di TUC è quella di stabilire un nuovo standard per gli interni delle automobili. Adottando un approccio modulare, l’interno non è solo completamente e semplicemente personalizzabile, ma aggiunge un nuovo livello di connettività attraverso soluzioni brevettate per sedili, cruscotti e altri dispositivi IoT. Il loro approccio è interamente plug-and-play e riduce le difficoltà nell’aggiunta o nella sottrazione di elementi all’interno del veicolo.

Urban SDK

Urban SDK fornisce analisi di mobilità, sicurezza e trasporto connesse per le Smart Cities. Recentemente, Urban SDK ha stretto una partnership con Twili per fornire una piattaforma di informazioni e comunicazione COVID-19 in tempo reale per lo stato della Florida. Il loro software combina tecnologie di mobilità emergenti, connesse e intelligenti per semplificare digitalmente i servizi di mobilità pubblica, le strade e i veicoli connessi. USDK è in grado di automatizzare un servizio COVID-19 al primo tocco per fornire accesso in tempo reale alle informazioni, automatizzare e integrare le tradizionali operazioni di call center con Live Voice, chat sui siti web, e-mail e messaggi di testo in tutti i siti web delle ONG e del governo della Florida. Un sistema di risposta COVID-19 in tempo reale consentirà a tutte le città di fornire informazioni coerenti e pertinenti ai cittadini in modo automatizzato e proattivo, dall’alto verso il basso.

V2X Network

V2X Network è una piattaforma di transazione autonoma per l’ecosistema della mobilità che consente ai veicoli di prendere le decisioni autonome ed eseguire pagamenti per i servizi connessi. Utilizzando le tecnologie di contabilità distribuita, V2X consente la trasmissione di dati peer to peer (da pari a pari) e transazioni di pagamento tra veicoli e fornitori di servizi connessi.

WeGlad

WeGlad è un Open Social Navigator che acquisisce dati sulla mappatura da un pubblico responsabile e identifica un percorso sicuro e personalizzato, risolvendo una vasta gamma di problemi di mobilità a partire dall’analisi delle disabilità più gravi e assicurando che la soluzione sia inclusiva per tutti.

Techstars, innovazione per la mobilità

Acceleratore di startup fondato in America nel 2006, Techstars ha dato il via al suo primo programma europeo di accelerazione alle Ogr Tech di Torino, città sempre attiva nell’innovazione per la mobilità,per far crescere in Italia nuove realtà  attraverso una call dedicata a nuove idee per la mobilità del futuro. Il programma si è svolto in collaborazione con Fondazione CRTCompagnia di San Paolo e Intesa Sanpaolo Innovation Center, è durato 13 settimane, ha coinvolto i oltre 120 mentori ed è stato diviso in tre fasi: mentoring, growth e investments, dedicate al confronto, all’ascolto, allo sviluppo, allo studio di modelli di business e marketing, nonché al perfezionamento dell’attività.
Ha selezionato i progetti vincenti tra centinaia provenienti da 55 Paesi del mondo: dall’Italia agli Stati Uniti, dal Canada agli Emirati Arabi, dal Regno Unito a Israele, da Singapore all’India, dalla Germania alla Russia. Includendo le 11 selezionate nella sua prima edizione, l’iniziativa si propone di accelerare in tre anni oltre 30 startup innovative, con l’obiettivo di rendere presente il futuro della mobilità.