Il Gruppo Telepass entra nell'insurtech con Telepass Assicura: polizza auto su misura | Economyup

MOBILITÀ INTEGRATA

Il Gruppo Telepass entra nell’insurtech con Telepass Assicura: polizza auto su misura



È nata Telepass Assicura, agenzia assicurativa di Telepass in partnership con Great Lakes Insurance SE del Gruppo Munich Re. Offrirà polizze commisurate all’effettivo utilizzo dei mezzi. Il CEO Benedetto: “Servizio personalizzato ai clienti che utilizzano quotidianamente la nostra piattaforma di servizi di mobilità”

12 Apr 2021


Telepass Assicura

Da una società nata per il pedaggio autostradale, Telepass, nasce  un’agenzia assicurativa, Telepass Assicura. Un’evoluzione guidata dall’innovazione che non sorprende chi conosce questa azienda, diventata negli ultimi anni un ricco ecosistema di servizi integrati per la mobilità, dal pagamento del bollo auto, del carburante o del parcheggio fino alla prenotazione di scooter e monopattini elettrici o del lavaggio in strada del proprio veicolo. Adesso Telepass offre anche una polizza auto, nell’ambito della sua proposta di servizi assicurativi legati alla mobilità.

L’ingresso a pieno titolo nel mondo dell’insurtech (la tecnologia applicata all’insurance) avviene appunto con Telepass Assicura, agenzia assicurativa nata in partnership con Great Lakes Insurance SE, del Gruppo Munich Re. Ma è stato in realtà un percorso graduale, iniziato un anno fa con Telepass Broker, esperimento per consentire ai clienti, con pochi tap sullo smartphone, di scegliere e sottoscrivere la polizza assicurativa di uno dei partner di Telepass. A inizio aprile, poi, la società guidata da Gabriele Benedetto ha firmato un accordo con Assicurazioni Generali che prevede il rimborso automatico pari al 50% del valore del pedaggio in caso di gravi rallentamenti nella tratta autostradale percorsa dovuti a incidenti: servizio già attivo e funzionante sugli oltre 200 mila clienti che negli anni hanno sottoscritto l’offerta Assistenza Stradale europea.

Ed ora la nuova tappa di questo percorso del gruppo nell’ambito nel mondo assicurativo: una nuova società con formula che consente a Telepass di offrire ai propri clienti polizze auto le cui tariffe sono misurate sull’effettivo utilizzo del mezzo. 

Come funziona Telepass Assicura

Una polizza su misura per i circa 700.000 clienti di Telepass Pay, l’app di Telepass diventata lo spazio dal quale è possibile attivare una molteplicità di servizi. Grazie al dispositivo Telepass già installato sulle auto, la nuova società è in grado di creare un’offerta assicurativa senza bisogno di installare black-box aggiuntive né ricorrere alla raccolta di dati tramite app o alla compilazione di formulari digitali via web. L’obiettivo è poter offrire un servizio assicurativo in modo semplice, veloce e su misura, in primo luogo per i clienti più evoluti di Telepass Pay. Il primo servizio offerto da Telepass Assicura è la garanzia RC Auto, a cui sono abbinabili altre 10 garanzie accessorie, oltre all’Assistenza Stradale su tutto il territorio europeo e al già citato Servizio Ritardi di Telepass nato dalla partnership con Generali Italia.

La nuova iniziativa assicurativa beneficia del posizionamento trentennale di Telepass che, attraverso l’addebito diretto sul conto corrente del cliente, consentirà sia il pagamento in un’unica soluzione sia la possibilità di rateizzare il premio in dodici mensilità, senza oneri e costi aggiuntivi.

“Oggi il digitale consente di offrire un servizio personalizzato e unico ai clienti che utilizzano quotidianamente la nostra piattaforma di servizi di mobilità e permette anche di adeguare il costo delle polizze assicurative al corrispondente profilo di rischio” afferma Gabriele Benedetto.

Le “nuove” assicurazioni: un ecosistema integrato

Ma cosa c’entra un’azienda nata per consentire alle persone di pagare il pedaggio in autostrada con un assicuratore di autoveicoli? C’entra nel momento in cui si comprende come il mondo della mobilità e quello delle assicurazioni non siano più,  da tempo, compartimenti stagni, ma si stiano riconfigurando all’interno di ecosistemi alimentati dalle reciproche diversità. “Telepass non è un assicuratore, ma vede un grande spazio di innovazione nel mondo insurtech, così come avvenuto negli ultimi cinque anni nel mondo dei pagamenti digitali” spiega infatti il CEO Benedetto.

“Per questo motivo – prosegue – la partnership con il Gruppo Munich Re ci permette la distribuzione di prodotti e servizi assicurativi attraverso le nostre avanzate tecnologie data driven, su misura per ogni singolo caso ed esigenza”.

Il parco auto italiano conta circa 34 milioni di vetture immatricolate. Di queste  24 milioni utilizzano la rete autostradale. La metà, circa 12 milioni, è cliente di Telepass. L’ambizioso obiettivo di Telepass, entro la fine del 2024, è raggiungere con la copertura assicurativa  il 10 per cento dei clienti, ovvero 1,2 milioni di vetture.

Ma, come ha ribadito più volte Benedetto, “non siamo assicuratori e né vogliamo diventarlo. Per essere chiari: non vogliamo fare soldi con le polizze a tutti i costi, vogliamo solo dare un migliore servizio ai nostri clienti”. Il target di Telepass Assicura dovrebbe aggirarsi sui 400 milioni di euro di premi a fine 2024, ma è la sfera dei servizi a cui punta Telepass.