Come cambia l'editoria (e la raccolta della pubblicità) | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Scenari

Come cambia l’editoria (e la raccolta della pubblicità)

di Redazione EconomyUp

04 Apr 2014

Al Simply Publisher di Firenze si è dibattuto sulle opportunità di incontro tra aziende e nuovi media digitali, sempre di più legate alla qualità dei contenuti e della relazione con le comunità di riferimento. Tra le case history presentate anche EconomyUp.

Non c’è più la pubblicità di una volta. E non ci sarà più. Perché i media sono cambiati e i pubblici ora governano le danze. Dal Simply Publisher di Firenze, il summit della nuova editoria digitale organizzato da Simply Adv, la piattaforma pubblicitaria del Gruppo Dada, arriva un messaggio chiaro: l’advertising sul web cresce ma conquistarlo è un lavoro che richiede sì quantità (il traffico) ma anche qualità (i contenuti). Sembra tutto molto più difficile ma non c’è stato un momento migliore per fare informazione e produrre contenuti.

L’incontro, giunto alla terza edizione, è diventato un appuntamento per la comunità della nuova editoria digitale alla ricerca di risorse da una parte e dei professionisti che lavorano per i brand e hanno bisogno di canali di comunicazione dall’altra. Tra le case history presentate quest’anno sul palco è salita anche EconomyUp, che ha presentato gli importanti risultati raggiunti dopo sei mesi di attività, insieme con ItaliaOnLine, che l’hanno scorso ha lanciato nuovi siti tematici; Engage.it, nuovo magazine dedicato alla comunicazione fondato da Simone Freddi; UncoMag, originale iniziativa su chi è riuscito a inventarsi un lavoro lanciata a Padova da Alessio Sartore e TheFlorentine, testata dedicata agli anglofoni in Toscana migrata dalla carta al web.

Le aziende hanno bisogno di contenuti, di storie e di “punti di contatto” con i loro clienti attuali e potenziali, segnala Roberto Barberis, direttore di SimplyAdv. Ad offrirli sono i media che riescono ad avere un’audience coerente e fedele. L’importante è saperla ascoltare, misurare e seguire nelle sue richieste. In sintesi, quel che vale è la relazione che si riesce a instaurare e a “trasferire” ai brand interessati ai profili coinvolti.

La partita è costruire la “loyalty”, sintetizza Andrea Pia, general manager di H-Art, agenzia del gruppo Wpp. «Siamo ben oltre la pubblicità classica. Adesso è possibile sapere chi c’è dietro ogni click, come si comporta online e anche offline». Ogni media company deve quindi essere anche una techcompany, consiglia Federico Gai, Engagement manager di Xaxis Italia che propone altri cinque comandamenti: la qualità conta più della quantità; il sito deve essere disegnato in maniera semplice e riconoscibile; bisogna conoscere bene utenti e inserzionisti e diventare accessibili per entrambi; conviene adottare le novità del mercato con parsimonia e soprattutto in maniera coerente con il proprio progetto.

Fondamentale nella creazione della “loyalty” sono i social media: al centro c’è il sito, attorno si sviluppa una corona di canali, ciascuno con una propria funzione: da qui parte la ricca analisi di Angela Barison, Head of social media strategy di H-Art. Come ci vediamo noi e come ci vedono gli altri? Dai social la risposta che permette di capire come si orientano i nostri lettori, quali esigenze hanno, che cosa preferiscono e perché. Un lavoro di ascolto continuo che rappresenta anche una grande opportunità commerciale.

Il mondo dell’editoria è stravolto, ricorda Layla Pavone, managing director di Isobar e presidente del centro studi di Assocom. Le attività tradizionali sono in crisi, quelle digitali si moltiplicano ma fanno ancora fatica a trovare le risorse necessarie per essere sostenibili. Perché gli investimenti in advertising online crescono ma sono ancora poca cosa rispetto a quelli sulla tv e soprattutto sono molto polverizzati. Da qui l’invito a fare sistema e soprattutto a semplificare e a standardizzare l’offerta: la televisione ha solo due formati, osserva, sul web ce ne sono troppi e spesso sono confusi. (re.eu)

Redazione EconomyUp

Articoli correlati