Maxiaffissione a Firenze: Renzi scegli uno smartphone italiano! | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

La provocazione

Maxiaffissione a Firenze: Renzi scegli uno smartphone italiano!

di Redazione EconomyUp

19 Dic 2013

Altri argomenti

Stonex, società italiana che propone soluzioni tecnologiche, invita il neosegretario del Pd a rottamare il suo telefono con uno a marchio italiano. Un messaggio semplice ma diretto nel cuore di Firenze, un appello del made in Italy a tutti quelli che rappresentano il cambiamento.

Una maxiaffissione a Firenze sul Lungarno invita il neosegretario del Pd, Matteo Renzi,  a rottamare il suo attuale smartphone e passare alla creatività italiana, scegliendo Stonex, la società italiana che propone soluzioni tecnologiche d’avanguardia e che non ha nulla da invidiare ai colossi americani e asiatici. Un messaggio semplice ma diretto nel cuore di Firenze, un appello del made in Italy a tutti quelli che rappresentano il cambiamento.

L’Italia ha sempre dimostrato di essere all’avanguardia, le menti del Belpaese sono le migliori al mondo nell’ideare. Tra i tanti record e invenzioni ricordiamo il Programma 101, il primo personal computer al mondo concepito da Pier Giorgio Perotto, ben cinque anni prima degli americani, di cui nel 2015 ovvero in concomitanza con Expo, ricorrerà il cinquantesimo anniversario da quando fu presentato alla fiera di New York.

Stonex ha scelto una comunicazione forte per tutti i cittadini italiani che credono che una riscossa dell’impresa, del lavoro e dell’economia ci possa essere. La libertà di scegliere è un elemento inalienabile della nostra società e il fatto che i nostri cittadini scelgano tecnologia, cibo, mobili, immobili di aziende italiane è un esempio per tutti quelli che ci guardano dall’estero.

Altri argomenti

Redazione EconomyUp

Articoli correlati