Made in Italy, l'agroalimentare verso il record storico | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Export

Made in Italy, l’agroalimentare verso il record storico

21 Ago 2013

I prodotti simbolo del food nazionale fanno registrare performance sorprendenti nei mercati internazionali: dal +19% di aumento in valore dello spumante al +16% dell’olio, secondo un’analisi Coldiretti. Il fatturato all’estero ammonta a 34 miliardi. L’Italia leader anche nel turismo enogastronomico

Vola il made in Italy sulle tavole straniere con tutti i prodotti simbolo dell’alimentare nazionale che fanno registrare performance sorprendenti nelle esportazioni, in netta controtendenza rispetto alla crisi, dal +19% di aumento in valore dello spumante al +16% dell’olio, ma risultati positivi fanno segnare anche i dolci e le conserve di pomodoro (+12 %), la frutta (+11 %) e la pasta (+8%). E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base dei dati Ismea relativi ai primi quattro mesi del 2013 dalla quale si evidenzia che le esportazioni dei prodotti del Made in Italy alimentare hanno registrato nell’insieme un incremento dell’8% che spinge l’agroalimentare verso il record storico di 34 miliardi fatturati all’estero durante l’anno. Tra i principali settori del Made in Italy alimentare, il prodotto più esportato – precisa la Coldiretti – e’ il vino seguito dall’ortofrutta fresca, dalla pasta e dai formaggi.

Tra i paesi che apprezzano maggiormente il made in Italy alimentare – continua la Coldiretti – sono aumentate soprattutto le esportazioni dirette in Russia (+10,1%), in Canada e in Giappone (+8,6%) e negli Stati Uniti (+8,3%) fuori dall’Europa ed in Austria (+9,1%), nel Regno Unito (+6,6%) e nei Paesi Bassi (+6,1%) tra i paesi Ue. La passione degli stranieri per la tavola e’ confermato dalle indagini sui flussi turistici che evidenziano come sia il vero plus della vacanza Made in Italy .

L’Italia è infatti leader nel turismo enogastronomico a livello mondiale con oltre 24 miliardi di euro spesi dai turisti nazionali ed esteri nel belpaese per consumare pasti in ristoranti, pizzerie, trattorie o agriturismi, ma anche per acquistare prodotti tipici, secondo l’analisi della Coldiretti dalla quale si evidenzia che e’ destinata alla tavola ben un terzo (33 per cento) della spesa di italiani e stranieri in vacanza in Italia. Il mangiare e bere e’ il vero valore aggiunto delle vacanze made in Italy e tra tutti gli elementi della vacanza, dall’alloggio ai trasporti, dai servizi di intrattenimento a quelli culturali, la qualita’ del cibo in Italia – precisa la Coldiretti – e’ quella che ottiene il piu’ alto indice di gradimento trai i turisti stranieri e italiani.
 
Un successo che – conclude la Coldiretti – conferma i primati dell’agricoltura italiana che ha scelto di non coltivare ogm, ha il primato europeo nel numero di aziende biologiche e vanta inoltre ben 4698 i prodotti alimentari tipici presenti sul territorio nazionale che sono ottenuti secondo regole tradizionali, la leadership nei prodotti riconosciuti a livello comunitario con ben 252 denominazioni di origine sono 331 vini a denominazione di origine controllata (Doc), 59 a denominazione di origine controllata e garantita (Docg) e 118 a indicazione geografica tipica. (AGI) .

 

Redazione

  • Anonimo

    Ciao Concetta , ti mando questo link perché e’ la conferma di quello che ti dissi a casa tua .
    Credo valga la pena pensarci e fare qualcosa. Lasciami pensare, ma ascolto molto le idee altrui quindi….
    Al prossimo contatto. Ti abbraccio
    Gino

Articoli correlati