Freddy, la moda innovativa che investe in tecnologia | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Made in Italy

Freddy, la moda innovativa che investe in tecnologia

di Viviana Musumeci

17 Dic 2013

Dalla funzione Dry In Wet Out, applicata a prodotti per l’attività sportiva per facilitare l’evaporazione del sudore, alla recente WR.UP che assicura la funzione modellante dei jeans: l’azienda fondata da Carlo Freddi reinveste in tecnologia il 5% di un fatturato in continua crescita. “Solo così si sopravvive alla crisi”

Carlo Freddi
È nata nel 1976, specializzandosi in produzione e vendita di scarpe per la danza classica e per la ginnastica ritmica sull’onda della moda dell’aerobica, lanciata in quegli anni in tutto il mondo da Jane Fonda. E pochi anni dopo ha cambiato nome, diventando “Freddy” e iniziando l’ascesa verso il successo. Ora, dopo quasi quarant’anni di attività, l’azienda fondata da Carlo Freddi è un impero presente in 3mila negozi di tutto il mondo, dall’Italia alla Russia, dalla Francia alla Grecia, dalla Germania all’Australia, dagli Usa alla Corea. E grazie al successo ottenuto negli anni, nel 2006, Freddy ha inaugurato il proprio Concept Store nel centro di Verona, cui sono seguiti i Flagship Store di Milano, Roma, Washington, Mosca, Seul e Atene.

Una storia, quella dell’azienda ligure, che mostra la capacità di trasformare in successo l’innovazione: dalla tecnologia “Dry In Wet Out”, applicata a prodotti disegnati e studiati per l’attività sportiva per facilitare l’evaporazione del sudore, per arrivare alla recentissima “WR.UP” che costituisce la funzione “modellante” dei jeans Freddy, l’obiettivo è sempre stato quello di evolversi, tanto che, spiega il fondatore e presidente, Carlo Freddi, a Economyup.it, “reinvestiamo in tecnologia oltre il 5% del fatturato (che nel 2012 è stato superiore ai 50 milioni di euro, con un incremento previsto del 10% nel 2013. Perché – sottolinea – a costo di sbagliare bisogna sempre essere originali, innovare, avere nuove idee e dar vita a prodotti e progetti singolari”.

Solo così, anche durante i momenti di crisi, si riesce non solo a sopravvivere ma addirittura a prosperare: “Dai periodi bui – spiega Freddi – si esce investendo in stile, innovazione e tecnologia. Noi, ad esempio, abbiamo lanciato a ottobre il nostro nuovo progetto WR.UP Denim, ulteriore evoluzione del pantalone a effetto shaping. Si tratta di un new jeans realizzato con un innovativo tessuto bielastico jersey-elastam che permette al pantalone di avere lo stesso aspetto del jeans, ma mantenendo una vestibilità tipica del jersey che è impareggiabilmente confortevole. Un progetto che per noi ha rappresentato una sfida, che siamo riusciti a vincere”.

 

Viviana Musumeci