OPEN INNOVATION

Startup e aeroporti: a Fiumicino l’innovation hub di ADR, ecco come funzionerà

A inizio 2022 sarà inaugurato il primo Innovation Hub aeroportuale d’Italia al Leonardo Da Vinci a Fiumicino. Il programma di sperimentazione di ADR (Aeroporti di Roma), in collaborazione con LVenture Group, prevede un processo di co-creazione tra le startup selezionate e Aeroporti di Roma. Ecco il percorso e le 6 challenge

Pubblicato il 04 Nov 2021

Un rendering di Innovation Hub Fiumicino

Le startup innovative “decollano” in aeroporto. Aeroporti di Roma (ADR), società che gestisce gli aeroporti di Roma Fiumicino e Ciampino, e LVenture Group, holding di Venture Capital quotata in Borsa e tra i principali acceleratori di startup a livello europeo, hanno sottoscritto una collaborazione per realizzare un programma di sperimentazione (Proof of Concept) da sviluppare nel primo Innovation Hub aeroportuale d’Italia, che verrà inaugurato a inizio 2022 al Leonardo Da Vinci a Fiumicino, con uno spazio di 650 metri quadri presso il Terminal 1.

L’obiettivo delle Proof of Concept (PoC) è instaurare un processo di co-creazione tra le startup selezionate e ADR per testare, all’interno dell’ecosistema aeroportuale, i loro prodotti e servizi innovativi. Le startup avranno accesso agli asset e alle risorse di ADR, che supporteranno il test delle soluzioni, il raggiungimento degli obiettivi e lo sviluppo di un rapporto sinergico tra startup con le Business Unit della società.

LVenture Group gestirà il processo di sperimentazione, mettendo a disposizione delle startup la sua metodologia e il suo know-how nello sviluppo di impresa nelle fasi iniziali, basato su un track record di oltre 120 startup accelerate.

Innovation Hub: come sarà il percorso per le startup

Il percorso è composto da due fasi: Setup e Delivery.

La fase di Setup, della durata di un mese, consiste nella definizione di tutti gli aspetti che orbitano attorno alle singole PoC, dall’introduzione degli stakeholder coinvolti, alla presentazione degli asset messi a disposizione da ADR e della loro modalità di fruizione. Gli esperti di ADR forniranno il know-how necessario per supportare le startup nella fase di progettazione. A questa seguirà la fase di Delivery, circa quattro mesi intensivi di sviluppo delle PoC, in cui saranno adottate le metodologie tipiche dei programmi di accelerazione di LVenture Group.

Le 6 challenge

A questo programma potranno partecipare tutte le startup con soluzioni innovative nelle 6 challenge individuate da ADR: miglioramento della puntualità dei voli e incremento della capacità aeroportuale; sistemi “data driven” di pianificazione e gestione real time delle aree Terminal e Airside; riduzione dei consumi energetici o incremento dell’energia da fonti rinnovabili; “passenger digital experience”, servizi digitali al passeggero che ne arricchiscano l’esperienza; automazione dei processi o dei presidi all’interno dello scalo; “omnichannel commerce”, offerte dedicate acquistabili non solo nel punto vendita.

“Insieme a LVenture Group – ha commentato Emanuele Calà, Vice President Innovation & Quality di Aeroporti di Roma – entriamo nella fase esecutiva della strategia di Open Innovation, basata sulla volontà di creare un ecosistema di cooperazione per traguardare gli obiettivi di transizione energetica e digitale degli Aeroporti di Fiumicino e Ciampino. Oggi siamo pronti a ingaggiare le startup investendo sulle loro idee all’interno dell’Incubation HUB di Fiumicino non solo in termini economici ma soprattutto in termini di know-how e competenze, promuovendo e incentivando lo sviluppo e la crescita di nuove aziende e imprenditori, generando un fenomeno di contaminazione di cui beneficia tutto il sistema aeroportuale nazionale”.

“Siamo orgogliosi di collaborare con Aeroporti di Roma alla realizzazione della loro strategia di Open Innovation, – ha dichiarato Antonella Zullo, Head of Open Innovation di LVenture Group – mettendo a disposizione la nostra esperienza nello sviluppo delle startup nelle fasi iniziali e nella creazione e gestione degli Hub, le piattaforme fisiche che aumentano il tasso di contaminazione funzionale alla loro crescita. Le soluzioni innovative delle startup ricopriranno un ruolo centrale nella trasformazione delle infrastrutture a servizio della passenger experience e della sostenibilità, tra le grandi sfide del futuro”.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 3