Open Innovation: l'innovazione in Aci passa dai nuovi progetti digitali | Economyup

STARTUP INTELLIGENCE

Open Innovation: l’innovazione in Aci passa dai nuovi progetti digitali



L’Ufficio Innovazione Digitale di Aci, composto da 5 Innovation Manager, ha sviluppato nuove proposte per il 2020 tra cui digitalizzazione dei processi di registrazione dei veicoli, Fascicolo digitale del veicolo e Auto 3D, portale web che fornisce informazioni all’utente per esplorare il mondo automotive. Ecco gli altri

di Eliana Bentivegna

15 Mag 2020


L'innovazione in ACI

L’Automobile Club d’Italia è la Federazione che associa gli Automobile Club e, in virtù della Legge n.70 del 1975, è un Ente Pubblico non economico la cui missione è quella di presidiare i molteplici versanti della mobilità (educazione e sicurezza stradale, sport, turismo) e di diffondere una nuova cultura dell’automobile, rappresentando e tutelando gli interessi generali dell’automobilismo italiano, del quale promuove e favorisce lo sviluppo. L’ACI è impegnato in due ambiti d’intervento: istituzionale e pubblico.

ACI, partner Startup Intelligence dal 2014, circa tre anni fa ha avviato un cambio organizzativo che ha visto la Direzione Innovazione e Sviluppo e la Direzione dei Sistemi Informativi unirsi sotto la comune Direzione Sistemi Informativi e Innovazione (DSII), guidata da Vincenzo Pensa. All’interno di questa nuova struttura sono stati previsti due uffici: l’Ufficio Innovazione Digitale (UID), sotto la direzione di Francesca Zampa, e l’Ufficio Organizzazione Digitale (UOD), sotto la direzione di Daniele Pianura.

Vincenzo Pensa è anche Responsabile Transizione Digitale dell’ACI, con il compito di diffondere la cultura della trasformazione digitale all’interno di questa PA secondo le linee d’azione definite dal Piano Triennale dell’Agenzia per l’Italia Digitale. “In ACI questo obiettivo si concretizza attraverso l’organizzazione di eventi formativi e informativi monotematici e trasversali per spiegare che l’innovazione non è fatta da una singola persona ma viene portata avanti da tutta l’azienda”, spiega Francesca Zampa, che aggiunge: “abbiamo quindi in programma Workshop dedicati all’app ACI Space, alla piattaforma Auto3D, alla data-driven organization, ai sistemi di sicurezza, come anche alla valorizzazione del patrimonio informativo dell’Ente”.

L’Ufficio Innovazione Digitale (UID) è composto da 5 Innovation Manager che hanno proprio il compito di intercettare trend di innovazione che possano rispondere alle esigenze di ACI a 360°, di valutare nuovi modelli di business, nuove metodologie di lavoro, e di sviluppare l’approccio di Open Innovation. Si tratta di un’unità organizzativa al servizio dell’Ente caratterizzata da grande fermento e voglia di innovare.

Anche per il 2020 UID sviluppa importanti novità progettuali.

La prima riguarda la completa digitalizzazione dei processi di registrazione dei veicoli nel Pubblico Registro Automobilistico. L’intero progetto è stato sviluppato In collaborazione con il Ministero dei Trasporti. Entrambe le amministrazioni hanno realizzato importanti interventi sui sistemi informativi e un rilascio massivo di firme elettroniche avanzate per il personale degli uffici che si occupa di convalidare le richieste presentate dagli utenti. L’intero processo conduce alla emissione di un documento unico che accorpa la carta di circolazione ed il certificato di proprietà.

FORUM PA 6 - 11 LUGLIO
Le imprese come bene comune: misure e incentivi per orientare la capacità innovativa del Paese
Open Innovation
Startup

Segue poi un ripensamento di ACI Space per supportare l’utente in movimento sul percorso più agevole per giungere alla destinazione desiderata. “Per fare questo, abbiamo da un lato stretto una collaborazione con Infomobility e il suo servizio Luce Verde, che tramite trasmissioni radio fornisce aggiornamenti in tempo reale sul traffico in città”, spiega Federica Caracciolo, Innovation Manager di ACI, che aggiunge: “dall’altro lato, ACI ha sviluppato, tramite l’Intelligenza Artificiale, un assistente vocale che riconosce e supporta il conducente, proprio come se si trattasse di un Consigliere della mobilità”.

L’ACI partecipa inoltre al progetto di cittadinanza digitale del Governo italiano denominato “IO”, una nuova app che è stata realizzata dal Team per la trasformazione Digitale della Presidenza del Consiglio dei Ministri e che istituisce un punto di accesso per tutti i servizi digitali.

L’ACI partecipa alla sperimentazione con alcuni propri servizi connessi al Certificato di Proprietà Digitale (CDPD) e al bollo auto. “In sostanza”, spiega l’Innovation Manager Stefania Biagioni, “l’app IO invia dei messaggi ai cittadini che si sono registrati ai servizi della PA per avvisarli su scadenze, per fornire informazioni e inviare comunicazioni da parte delle PA. Grazie all’integrazione con PagoPA il cittadino può anche pagare direttamente dall’app i servizi tra cui, ad es. il bollo auto”. La sperimentazione si è conclusa in questi giorni e a breve l’app sarà rilasciata sugli store IOS e Android.

Altro importante progetto in via di sviluppo è la piattaforma Auto 3D, che nasce dall’idea di mettere l’automobile al centro attraverso un’offerta integrata di servizi. “Auto 3D è un portale web che fornisce informazioni all’utente per esplorare il mondo automotive, gestire la propria vettura e valutare l’acquisto di nuovi veicoli. Attraverso un bando che abbiamo lanciato lo scorso anno, abbiamo avviato convenzioni con alcuni partner”, spiega Federica Caracciolo. In questo modo, chi vuole acquistare un’auto nuova, a km 0 o usata e richiedere un finanziamento online, può rivolgersi direttamente ad Auto 3D.

Infine, sul portale Auto 3D e su ACI Space è disponibile il Fascicolo digitale del veicolo. Si tratta di un curriculum vitae del veicolo che tramite tecnologia Blockchain, tiene traccia di tutti i dati inseriti e convalidati dal proprietario della vettura, dalle officine, da ACI stessa. “L’obiettivo di questa iniziativa è creare un ecosistema di attori che producano dati e che li convalidino tramite Blockchain. Quest’anno il nostro obiettivo è di sperimentare l’ampliamento del fascicolo anche ai concessionari e ad altri attori”, conclude Zampa.

Eliana Bentivegna
Osservatorio Startup Intelligence - Osservatorio Design Thinking for Business