Open innovation e startup, 4 modi per sopravvivere dopo la fusione con un'azienda | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Mini guida

Open innovation e startup, 4 modi per sopravvivere dopo la fusione con un’azienda

05 Dic 2016

Northwestern Mutual, storica società di assicurazioni statunitense, ha acquistato LearnVest, startup fornitrice di servizi per le finanze personali. «È stato eccitante dar vita a una terza entità che produce decisioni innovative e data-driven» dice la Ceo Alexa Von Tobel. Che svela i segreti per l’integrazione con una big company

Un’azienda con 106 anni di storia alle spalle acquisisce una rampante startup con sette anni di vita: cosa succede? Nessuno ci perde, tutti ci guadagnano. Questo racconta Alexa Von Tobel, Ceo di LearnVest, startup fornitrice di servizi per la pianificazione finanziaria acquisita poco tempo fa da Northwestern Mutual, storica società di assicurazioni statunitense. “La cosa buona della post-acquisizione è che niente è cambiato” afferma Von Tobel in post apparso sul  blog di McKinsey Company. “È stato davvero eccitante creare dall’unione delle due realtà una terza cultura che produce decisioni innovative e data-driven e lo fa in un’economia di scala. Penso che finora stia andando alla grande perché i nostri valori di base sono totalmente allineati. Sappiamo tutti con precisione dove vogliamo andare. Anzi, per la verità oggi il percorso è meno confusionario, perché a livello di leadership c’è molta condivisione di pensiero”. Ma vediamo chi sono i due attori in campo e quali buone pratiche ha portato la startup nella grande azienda (e viceversa).

Cosa fa LearnVest –Alexa von Tobel nell’autunno 2008 è entrata alla Harvard Business School, ma ha subito preso un periodo di aspettativa proprio per lanciare la sua società. La startup ha sede a New York e vende un software per gestire le finanze personali. Il Programma LeanVest è focalizzato sui cambiamenti di comportamento e aiuta il cliente a tagliare le spese e a stabilire il budget per futuri investimenti. Il New York Times ha lodato LearnVest per aver reso i servizi di pianificazione finanziaria d’eccellenza “accessibili a milioni di americani”.

Cosa fa Northwestern Mutual – È una società di servizi finanziari che offre una varietà  di soluzioni assicurative e di investimento. Dalla sua fondazione nel 1857 ha resistito ad ogni recessione e attraversato i periodi di boom economico focalizzandosi sul lungo periodo e offrendo solidità finanziaria ai propri clienti anno dopo anno.

Come ha fatto LearnVest a integrarsi perfettamente in Northwestern Mutual?

Lo spiega la sua founder Alexa Von Tobel in 4 punti.

Avere una missione forte – “Noi siamo convinti – dice – che qualsiasi famiglia americana meriti un piano finanziario e che chiunque dovrebbe essere ottimista riguardo al proprio futuro se è in grado di ottenere i dati dei quali ha bisogno. Là fuori ci sono 50 milioni di famiglie che hanno disperatamente bisogno di queste informazioni, ma qualsiasi dipendente ha avuto un’esperienza negativa con la gestione del denaro. Perciò le persone si uniscono al nostro team e lavorano molto duramente: perché amano la loro missione”.

Essere data-driven – “Le opinioni non contano – afferma Alexa – noi guardiamo ai dati. I dati ci portano alle decisioni, guidano le strategie, contribuiscono a definire le road map. Sono liberatori, perché tutto fa riferimento ai dati, e i dati sono piuttosto chiari”. La Ceo di LearnVest ha poi spiegato di aver cominciato con i dati basilari a cui riusciva ad avere accesso, mentre adesso sta passando ai dati predittivi e sta inserendo questi dati predittivi nei dati machine-learning. “Saranno loro a guidare il prossimo passo nella nostra evoluzione”.

Comportarsi da cliente – “Alcune società – spiega Alexa – dicono ai loro dipendenti: ‘Dovete agire come se foste i proprietari’. Io dico ai miei: ‘Agite come i clienti. Noi siamo i clienti’”. A questo proposito l’imprenditrice ama raccontare un aneddoto: quando assume persone a LearnVest, chiede loro di fare un piano finanziario, perché devono vivere tutte le emozioni, lo stress e l’ansia che comporta capire come sta andando e come potrà andare il proprio personale percorso finanziario. Una volta una sua dipendente si era trasferita con il fidanzato in un appartamento sopra una pizzeria a Brooklyn: una domenica, un mese dopo che la donna era stata assunta a LearnVest, la pizzeria era andata a fuoco, così anche l’appartamento era stato devastato dalle fiamme. Ma lei era tranquilla. “Avrò tutta roba nuova – disse al telefono al suo capo Alexa – perché ho acquistato l’assicurazione per inquilini che mi aveva consigliato il programma LearnVest. Era 20 dollari al mese, oggi posso arredare le mie stanze da zero”.

Essere davvero digitali – “Una delle cose che amo fare quando assumo una persona nuova – afferma la Ceo di LearnVest – è chiederle di mostrarmi il suo cellulare. Guardo quali app ha installato, perché questo la dice lunga sul fatto se sia o meno una persona realmente consumatrice di tecnologia. Ha 5 o 150 app? Sono nuove o rudimentali? Sono le ultime novità e le migliori? Non pretendo che tutti abbiano le più in voga, ma personalmente aggiorno regolarmente le mie app e il mio software per testare nuovi prodotti. Penso – conclude – che questo sia uno degli aspetti di essere un consumatore veramente digitale: sei il primo a sperimentare. Tu sei il cliente”. 

Articoli correlati