L'innovazione secondo Netflix, poche regole e molti talenti | Economyup

LETTURE

L’innovazione secondo Netflix, poche regole e molti talenti



Dove sta l’innovazione di Netflix, che ha permesso di trasfpormare un distributore di DVD in un distributore digitale e produttore di contenuti? In una cultura organizzativa ispirata a tre principi: densità di talenti, trasparenza, zero controlli. La racconta il CEO Reed Hastings in un libro con spunti utili a molte aziende

di Andrea Cavallaro

2 giorni fa


Photo by Mollie Sivaram on Unsplash

“No Rules Rules: Netflix and the Culture of Reinvention“, tra i finalisti nella categoria miglior libro di business 2020 del Financial Times, può essere un punto di riferimento, carico di spunti sui quali riflettere e ai quali ispirarsi, per tutti i manager e i leader di imprese e organizzazioni che competono in contesti dinamici, ambigui e turbolenti, dove diventa sempre più rilevante, e forse indispensabile, puntare sull’innovazione.

Scritto da Reed Hastings, CEO e fondatore di Netflix, e da Erin Meyer, docente presso l’INSEAD Business School di Parigi, il libro ha l’obiettivo di raccontare e condividere la peculiare cultura organizzativa di Netflix, chiamata “Freedom and Responsibility” che si contrappone a quella “Rules and Processes”, eredità di un mondo focalizzato sui principi di efficienza, riduzione degli errori e prevenzione dei rischi, presente ancora oggi in moltissime aziende.

Cultura, quest’ultima, che sempre più frequentemente ha condotto ad un eccesso di burocratizzazione, limitando la libertà di sperimentazione per i dipendenti che, di fatto, ha condotto a bloccare sul nascere tentativi di innovazione e cambiamenti in aziende mature e consolidate.

Innovazione Netflix, la cultura organizzativa

Chi ha già visto “uno dei documenti più importanti mai usciti dalla Silicon Valley” (parole di Sheryl Sandberg, COO di Facebook) – il famoso deck di slide condiviso per la prima volta nel 2009 da Reed Hastings – ritroverà nel libro gli stessi contenuti, con l’aggiunta di moltissimi esempi concreti di situazioni vissute all’interno di Netflix.

La cultura organizzativa “Freedom and Responsibility” è stata uno degli ingredienti che hanno permesso a Netflix di diventare una delle organizzazioni di maggior successo, essendo stata in grado di fare cambiamenti radicali del proprio modello di business – in circa 20 anni almeno 2 grandi trasformazioni: la prima da un modello basato sulla distribuzione di DVD a piattaforma di erogazione contenuti in streaming e, la seconda, da sola piattaforma di erogazione in streaming a produttrice di contenuti.

I premi ottenuti, molti Emmy awards e un paio di Oscar, testimoniano la qualità di film e serie prodotte dal colosso americano; l’aumento di abbonati, di ricavi e la continua ascesa del titolo in borsa certificano il successo di queste trasformazioni del modello di business. Un risultato difficilmente immaginabile per un’azienda che a fine anni ’90 del secolo scorso si occupava di spedire DVD via posta.

Forse, nel prossimo futuro, potremmo aggiungere anche che Netflix avrà contribuito a reinventare l’ambito della “cultura organizzativa” qualora i principi alla base della propria cultura diverranno parte integrante di tutte quelle organizzazioni che punteranno su innovazione e imprenditorialità per competere in mercati altamente dinamici e in continuo cambiamento.

Innovazione Netflix, Freedom e Responsability

La cultura “Freedom and Responsibility” si basa su 3 soli principi:
1. crea densità di talenti
2. aumenta candore e trasparenza
3. rimuovi i controlli.

Contrariamente a quanto indicato nel titolo (nessuna regola), molti sono i principi, le procedure, i framework e le linee guida che hanno permesso ad Hastings e ai suoi collaboratori di costruire quel tipo di cultura Netflix e, di conseguenza, a creare il contesto adatto per eliminare tante delle regole e procedure presenti nella maggior parte delle nostre organizzazioni. Basti pensare che la prima presentazione sulla cultura dell’azienda era composta da oltre 120 slide e il libro stesso è composto da 4 differenti sezioni.

Una ricetta che richiede adattamenti

Naturalmente non è una ricetta valida per tutte le imprese e in tutti i contesti, lo stesso Hastings è cosciente del valore di regole e processi in settori dove sicurezza e prevenzione degli errori sono di vitale importanza (anche per alcuni dipartimenti di Netflix), ma si trovano tanti spunti da cui prendere ispirazione, per poter promuovere l’innovazione all’interno delle aziende.

Gli autori medesimi non hanno la pretesa di offrire una risposta valida per tutti o una ricetta da seguire, ma semplicemente condividono quanto – e come – ha funzionato per Netflix. Anzi, nel processo di internazionalizzazione, Netflix stessa ha dovuto perlomeno riadattare ai contesti e alle culture locali alcuni dei principi cardine applicati nel contesto statunitense.

“No Rules Rules”, nella semplicità dell’approccio di management descritto dagli autori, rende evidente alcuni aspetti di estremo interesse nello scenario di mercato attuale:

  • in contesti in continuo e rapido cambiamento, dove innovazione, creatività, velocità e flessibilità diventano fonti di vantaggio competitivo è sempre più necessario costruire organizzazioni basate sui principi di imprenditorialità e agilità (Freedom & Responsibility piuttosto che Rules with Processes)
  • la fondamentale importanza del “lavoro” sulla cultura aziendale, imprescindibile per favorire innovazione e imprenditorialità (le esperienze riportate da Hastings e dagli intervistati ci mostrano quanto concreti e pratici siano tutti i principi culturali di Netflix).

 

Andrea Cavallaro

Manager Partners4Innovation