L'Enel Innovation Hub apre a Boston: ecco che cosa farà | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

OPEN INNOVATION

L’Enel Innovation Hub apre a Boston: ecco che cosa farà



Il decimo laboratorio di innovazione aperto da Enel nel mondo è ospitato da GreenTown Labs, grande incubatore di startup del cleantech: consentirà all’azienda italiana di stringere collaborazioni con realtà innovative per tutte le linee di business, in particolare green, trasformazione energetica, infrastruttura smart

13 Mag 2019


Ernesto Ciorra, Chief Innovability Officer di Enel, presenta l'Enel Innovation Hub a Boston

Come anticipato da EconomyUp a marzo scorso, è stato finalmente inaugurato il nuovo Innovation Hub di Enel sulla East Coast, a Boston: è il secondo negli Stati Uniti dopo quello aperto a San Francisco nel 2017 e il decimo nel mondo.

Innovation Hub ENEL, prossima apertura a Boston: il decimo in tre anni

L’Enel Innovation Hub a Boston consentirà alla grande azienda italiana di energia di collaborare con le startup locali su soluzioni e prodotti innovativi nel campo delle energie rinnovabili, della e-mobility, della digitalizzazione delle infrastrutture e nel campo delle reti, con lo scopo finale di trasformare il settore dell’energia. Come ha specificato il responsabile dell’innovazione di Enel, Ernesto Ciorra, “la scelta di Boston per il nuovo hub è cruciale al fine di coprire la costa est degli Stati Uniti e il Canada”.

Il laboratorio di innovazione di Enel è ospitato nella sede di Boston di Greentown Labs, circuito di innovation hub del Nord America che attualmente ospita 140 startup. È tra i più grandi incubatori di startup focalizzate sul cleantech, l’energia e le tecnologie green degli Stati Uniti. Si gestisce attraverso l’affitto degli spazi e il 35% delle spese è sostenuto dalle imprese partner, tra le quali ora c’è anche Enel. “L’80% delle startup che selezioniamo ha una storia di successo – spiega Emily Reichert, CEO del laboratorio- Il tempo di permanenza medio è di 2-3 anni: la crescita poi avviene attraverso acquisizioni, fondi di investimento o IPO”.

Gli Innovation Hub di Enel: Catania, Tel Aviv, Milano, Pisa, Mosca, Rio de Janeiro…

Gli Innovation Hub di Enel nel mondo sono allo stesso tempo antenne per cogliere i segnali di innovazione e fonti alle quali attingere: in entrambi i casi l’innovazione può arrivare dalle startup e dalle piccole e medie imprese. I laboratori sono disseminati dalla Silicon Valley a Mosca, da Madrid a Santiago del Cile, da Tel Aviv a Rio de Janeiro, senza ovviamente dimenticare l’Italia con presenze a Milano, Pisa e Catania.

Enel nel fintech

In occasione dell’inaugurazione dell’Enel Innovation Hub, l’azienda ha annunciato che EnelX, società dei servizi innovativi del gruppo Enel guidata da Francesco Venturini, si trasformerà in un operatore del fintech. È stata infatti autorizzata dalla Banca d’Italia a operare come istituto di moneta elettronica ed è stata iscritta nell’apposito albo.  La nuova società del gruppo elettrico si chiamerà EnelPay e dovrebbe essere lanciata prima dell’estate.