Larry Page e Sergey Brin lasciano Google: ecco la versione integrale della lettera di addio | Economyup

DIGITAL GIANTS

Larry Page e Sergey Brin lasciano Google: ecco la versione integrale della lettera di addio



Page e Brin, cofondatori di Google e finora rispettivamente CEO e presidente della società madre Alphabet, lasciano la guida di quest’ultima a Sundar Pichai, già loro braccio destro. Qui la lettera d’addio (“Se l’azienda fosse una persona, sarebbe un 21enne che deve lasciare il nido” scrivono) e l’email di Pichai ai Googler

04 Dic 2019


Larry Page e Sergey Brin

I co-fondatori di Google Larry Page e Sergey Brin, che finora hanno ricoperto rispettivamente il ruolo di CEO e presidente della società madre Alphabet hanno annunciato martedì 3 dicembre 2019 che rinunceranno ai loro ruoli di leadership in azienda.

Il CEO di Google Sundar Pichai assumerà il controllo come amministratore delegato di Alphabet, il che significa che supervisionerà Google e le cosiddette Other Bets, ovvero otto società fondate o acquisite nel tempo che si occupano di diversi ambiti, dal life science alla guida autonoma (Access, Calico, CapitalG, GV, Nest, Verily, Waymo, X).

“Non siamo mai stati quelli che mantengono i ruoli dirigenziali quando pensiamo che ci sia un modo migliore per gestire l’azienda”, si legge nella lettera inviata da Page e Brin ai dipendenti del colosso di Mountain Views. “E Alphabet non ha più bisogno di due amministratori delegati e di un presidente”.

Ecco il testo integrale della lettera pubblicato sul blog di Google:

La lettera di Larry Page e Sergey Brin

La nostra prima lettera  risalente al 2004 iniziava così:

“Google non è un’azienda convenzionale. Non abbiamo intenzione di diventarlo. Nel corso dell’evoluzione di Google come azienda privata, abbiamo gestito la compagnia in modo differente. Abbiamo anche promosso un’atmosfera di creatività e di sfida, che ci ha aiutato a fornire un accesso imparziale, accurato e gratuito alle informazioni per coloro che si affidano a noi in tutto il mondo”.

Crediamo che questi principi centrali siano ancora oggi veri. L’azienda non è convenzionale e continua a fare scommesse ambiziose sulle nuove tecnologie, specialmente tramite la nostra struttura Alphabet. La creatività e la sfida rimangono sempre presenti come prima, se non di più, e sono sempre più applicate a una varietà di campi come l’apprendimento automatico, l’efficienza energetica e i trasporti. Tuttavia, il servizio principale di Google, che fornisce un accesso libero, preciso e gratuito alle informazioni, rimane al cuore pulsante dell’azienda.

“L’azienda non è convenzionale e continua a fare scommesse ambiziose sulle  tecnologie, specialmente tramite la nostra struttura Alphabet”

Da quando abbiamo scritto quella prima lettera, l’azienda si è evoluta ed è maturata. All’interno di Google, ci sono tutti i servizi più diffusi per i consumatori dopo la nascita e la realizzazione del Search, cioè Maps, Photos e YouTube; un ecosistema globale di dispositivi alimentati dalle nostre piattaforme Android e Chrome, compresi i nostri dispositivi Made by Google; Google Cloud, compresi GCP e G Suite; e, naturalmente una base di tecnologie fondamentali per l’apprendimento automatico, il cloud computing e l’ingegneria del software. È un onore che miliardi di persone abbiano scelto di rendere questi prodotti centrali per la loro vita. Questa è una fiducia e una responsabilità su cui Google lavorerà per essere sempre all’altezza.

E strutturalmente l’azienda si è evoluta in Alphabet nel 2015. Come avevamo scritto in una lettera del 2015 in cui parlavamo della fondazione di Alphabet

“Alphabet riguarda la crescita delle aziende attraverso leader forti e attraverso l’indipendenza”.

Da quando abbiamo scritto ciò, centinaia di abitanti di Phoenix utilizzano le auto a guida autonoma di Waymo, e molti di questi senza autista! Wing è diventata la prima azienda produttrice di droni ad effettuare consegne commerciali ai consumatori negli Stati Uniti, e Verily e Calico stanno svolgendo un lavoro importante, attraverso una serie di grandi partnership con altre aziende del settore sanitario. Alcune delle nostre “Other Bets” hanno i loro consigli di amministrazione con membri indipendenti e investitori esterni.

Questi sono solo alcuni esempi di società tecnologiche che abbiamo costituito all’interno di Alphabet, oltre alle società di investimento GV e Capital G, che ne hanno supportate altre centinaia a loro volta.  Insieme a tutti i servizi di Google, questo è un insieme di scommesse tecnologiche in una vasta gamma di settori industriali, tutti con l’obiettivo di aiutare le persone e affrontare le sfide più importanti.

La nostra seconda lettera da fondatori cominciava così:

“Google è nato nel 1998. Se fosse stata una persona, avrebbe iniziato la scuola elementare alla fine dell’estate scorsa (intorno al 19 agosto), e oggi avrebbe quasi finito la prima elementare”.

Oggi, nel 2019, se l’azienda fosse una persona, sarebbe un giovane adulto di 21 anni e sarebbe arrivato il suo momento di lasciare il nido. Mentre è stato un enorme privilegio essere profondamente coinvolti nella gestione quotidiana dell’azienda per così tanto tempo, crediamo che sia il momento di assumere il ruolo di genitori orgogliosi, offrendo consigli e amore, ma non assillandovi ogni giorno!

“Oggi, nel 2019, se l’azienda fosse una persona, sarebbe un giovane adulto di 21 anni e sarebbe arrivato il suo momento di lasciare il nido

Con Alphabet ormai consolidato, e Google e Other Bets che operano efficacemente come società indipendenti, è arrivato il momento di semplificare la nostra struttura di gestione. Non siamo mai stati quelli che mantengono i ruoli dirigenziali quando pensiamo che ci sia un modo migliore per gestire l’azienda. E Alphabet e Google non hanno più bisogno di due CEO e un Presidente. In futuro, Sundar sarà il CEO sia di Google che di Alphabet. Sarà l’amministratore delegato responsabile, e sarà responsabile della gestione di Google e dell’investimento di Alphabet nel nostro portafoglio di Other Bets. Siamo profondamente impegnati a lungo termine con Google e Alphabet e continueremo a partecipare attivamente come membri del Consiglio di amministrazione, azionisti e co-fondatori. Inoltre, abbiamo in programma di continuare a parlare regolarmente con Sundar, soprattutto su argomenti che ci appassionano!

“Non siamo mai stati quelli che mantengono i ruoli manageriali quando pensiamo che ci sia un modo migliore per gestire l’azienda”

Sundar porta ogni giorno umiltà e una profonda passione per la tecnologia ai nostri utenti, partner e dipendenti. Ha lavorato a stretto contatto con noi per 15 anni, attraverso la formazione di Alphabet, come CEO di Google e membro del Consiglio di amministrazione di Alphabet. Condivide la nostra fiducia nel valore della struttura di Alphabet e nella sua capacità di affrontare grandi sfide attraverso la tecnologia. Non c’è nessuno su cui ci siamo affidati di più da quando è stato fondato Alphabet, e nessuna persona è migliore di lui per guidare Google e Alphabet nel futuro.

“Sundar porta ogni giorno umiltà e una profonda passione per la tecnologia ai nostri utenti”

Siamo profondamente onorati di aver visto un piccolo progetto di ricerca svilupparsi in una fonte di conoscenza e di empowerment per miliardi, una scommessa che abbiamo fatto quando eravamo due studenti di Stanford e che ha portato a una moltitudine di altre scommesse tecnologiche. Non avremmo potuto immaginare, nel 1998, quando abbiamo spostato i nostri server da una stanza del dormitorio a un garage, il viaggio che sarebbe seguito.

L’email di Sundar Pichai ai Googlers

Dopo la lettera dei founder Larry Page e Sergey Brin, Sundar Pichai ha inviato questa mail ai Googlers.

“Ciao a tutti,

Quando ero in visita ai Googlers a Tokyo qualche settimana fa ho parlato di come Google è cambiato nel corso degli anni. Infatti, nei miei 15 e più anni con Google, l’unica costante che ho visto è stata il cambiamento. Questo processo di continua evoluzione, che i fondatori spesso chiamano “scomodamente eccitante”, fa parte di ciò che siamo. Questa affermazione sarà particolarmente vera oggi quando leggerete le notizie che Larry e Sergey hanno appena pubblicato sul nostro blog.

Il messaggio chiave che Larry e Sergey hanno condiviso è questo:

Anche se è stato un enorme privilegio essere coinvolti nella gestione quotidiana dell’azienda per così tanto tempo, crediamo che sia il momento di assumere il ruolo di genitori orgogliosi, offrendo consigli e amore, ma non assillandovi ogni giorno!

Con Alphabet ormai consolidato, e Google e Other Bets che operano efficacemente come società indipendenti, è arrivato il momento di semplificare la nostra struttura di gestione. Non siamo mai stati quelli che mantengono i ruoli manageriali quando pensiamo che ci sia un modo migliore per gestire l’azienda. E Alphabet e Google non hanno più bisogno di due CEO e un Presidente. In futuro, Sundar sarà il CEO sia di Google che di Alphabet. Sarà l’amministratore delegato responsabile e responsabile della gestione di Google e dell’investimento di Alphabet nel nostro portafoglio di Other Bets. Siamo profondamente impegnati a lungo termine con Google e Alphabet e continueremo a partecipare attivamente come membri del Consiglio di amministrazione, azionisti e co-fondatori. Inoltre, abbiamo in programma di continuare a parlare regolarmente con Sundar, soprattutto su argomenti che ci appassionano!

Ho incontrato Larry e Sergey per la prima volta nel 2004 e da allora ho beneficiato della loro guida e delle loro intuizioni. La buona notizia è che continuerò a lavorare con loro anche se con ruoli diversi sia per loro che per me. Saranno ancora in giro per consigliare in qualità di membri del consiglio di amministrazione e co-fondatori.

Voglio essere chiaro che questa transizione non influenzerà la struttura di Alphabet o il lavoro che facciamo giorno per giorno. Continuerò ad essere molto concentrato su Google e sul lavoro profondo che stiamo facendo per superare i limiti dell’informatica e costruire un Google più utile per tutti. Allo stesso tempo, sono entusiasta di Alphabet e del suo impegno a lungo termine nell’affrontare le grandi sfide attraverso la tecnologia.

“Questa transizione non influenzerà la struttura di Alphabet”

I fondatori hanno dato a tutti noi un’incredibile possibilità di avere un impatto sul mondo. Grazie a loro, abbiamo una missione senza tempo, valori duraturi e una cultura di collaborazione ed esplorazione che rende eccitante venire al lavoro ogni giorno. È una solida base su cui continueremo a costruire. Non vedo l’ora di vedere dove andremo e non vediamo l’ora di continuare questo viaggio con tutti voi”

– Sundar