Innovazione e digital marketing, Eleonora Rocca: serve più trasparenza e maggiore "verità" | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

L'INTERVISTA

Innovazione e digital marketing, Eleonora Rocca: serve più trasparenza e maggiore “verità”

di Giovanni Iozzia

04 Set 2018

La founder del Mashable Social Day, in programma a Milano dal 18 al 20 ottobre, anticipa i principali contenuti dell’evento dedicato al rapporto fra innovazione e digital marketing. «In Italia c’è ancora molto da fare. Le aziende devono rischiare di più ma serve anche un’educazione per valutare l’affidabilità delle fonti»

C’è un rapporto molto stretto fra innovazione e digital marketing.  «Innovare significa rompere gli schemi. Il Digital Marketing può e deve essere parte integrante delle strategie di trasformazione delle aziende». E (anche) di innovazione, startup e company creation si parlerà ai Mashable Social Media Day 2018, in programma a Milano dal 18 al 20 ottobre, negli spazi della IULM. «L’attenzione e l’interesse sono cresciuti e questo è un segnale positivo, ma nella pratica c’è ancora molto da fare», dice Eleonora Rocca, che ha “importato” in Italia l’evento in Italia: a poco più di un mese dall’inizio sono già 875 gli iscritti, con un programma che prevede 150 relatori, 105 speech e 15 workshops. I social media sono un tema particolarmente caldo dopo #Ferragnez, il primo social wedding della storia italiana, quello di Chiara Ferragni e Fedez che ha raggiunto milioni di persone senza passare dalla tv. A Eleonora Rocca abbiamo chiesto di anticiparci le novità dell’edizione 2018 ma anche di segnalare le principale tendenze del digital marketing. Senza dimenticare l’uso sempre più aggressivo dei social nel dibattito politico.

Mashable Social Days 2018, quali sono le principali novità della quinta edizione?
Anzitutto quest’anno abbiamo scelto una nuova location, per garantire ai partecipanti più spazio sia all’interno (avremo infatti tre sale in contemporanea invece di due) sia all’esterno dell’edificio, per favorire i momenti di networking e di interazione tra partecipanti, relatori, influencer e aziende. Un’altra novità dell’edizione 2018 sono le interviste one to one: agli agli speech frontali si alterneranno interviste ad alcune personalità di punta come la celebrity Filippa Lagerback e la famosa Youtuber Tess Masazza, fondatrice della seguitissima serie: “Insopportabilmente donna”. L’obiettivo delle interviste è aumentare la conoscenza dei partecipanti rispetto a certi temi, ma anche di permettere loro di ispirarsi e prendere spunto da chi è riuscito a compiere percorsi originali e apprezzati. Aumenta inoltre anche il numero di workshop: momenti di formazione interattiva, che prevedono lo svolgimento di attività pratiche ed un contatto molto piu’ diretto con il relatore/docente.

C’è una relazione fra digital marketing e nuova imprenditoria?
Assolutamente si. E infatti durante i Mashable Social Day verranno forniti spunti pratici rispetto a una serie di temi del del Digital Marketing che hanno un impatto sull’imprenditorialità: dal Personal Branding alla UserExperience in ambito Food; dallo #Storytelling al #BrandJournalism fino alle strategie per utilizzare al meglio #Twitter. E poi ancora: CompanyCreation, per avviare attività imprenditoriali con modalità innovative; #UIDesign, per progettare la propria App; Tag Management, per imparare a strutturare una strategia utilizzando Google Tag Manager e le tecniche legate al Machine Learning. Infine – a stimolare il pensiero creativo e aiutare la ricerca di soluzioni efficaci e vincenti per creare l’identità del proprio progetto imprenditoriale – torneranno le metodologie LEGOSERIOUSPLAY + LeanModelCanvas.

Ci saranno quindi anche quest’anno le startup?
Sì, ma anche la Startup Competition sarà diversa in quanto abbiamo voluto creare qualcosa di creativo e innovativo. Il tradizionale “pitch” lascera’ infatti spazio al racconto della propria impresa attraverso le parole e le immagini, dando quindi vita alle cosiddette STARTUP MODEL BOARD. La Startup Model Board è una moodboard che permette di raccontare il proprio modello di business attraverso gli elementi visuali dove storytelling, creatività e pensiero strategico diventano un unico contenitore. Verranno premiate l’originalità e i progetti raccontati in maniera più innovativa e stimolante.

Quali saranno i principali temi al centro dei panel di discussione?
Avremo interessanti panel di discussione su temi caldi del momento ovvero Bitcoin, Blockchain, ICO e Criptovalute mentre il panel moderato da Chiara Dal Ben, Head of Influencer Network di Venicemesh, affronterà il tema dell’Influencer Marketing inserito all’interno di Piani di Comunicazione piu’ ampi, facendo il punto su strategie e misurabilità dei risultati. Il numero e gli argomenti trattati dai relatori internazionali saranno ancora di piu’ rispetto allo scorso anno, in arrivo da Londra, Los Angeles, dalla Silicon Valley e New York, come nel caso di Chimeren Peerbhai, Global Digital Product Manager della celebre casa farmaceutica GlaxosmithKline, la quale spiegherà come utilizzare nuove tecnologie come augmented reality e virtual reality possano essere utili per testare, convalidare e modellare l’offerta di prodotti di consumo garantendo risultati di maggiore impatto; o di Vin Clancy, Growth Hacker di fama mondiale in arrivo da Los Angeles, che condividerà alcune strategie segrete da applicare a fonti di traffico organiche e a pagamento, e tutto ciò che c’è di mezzo. Uno speech imperdibile per chi sta cercando metodologie innovative per far crescere la propria azienda.

Eleonora, tu lavori a Londra: come hai visto cambiare il digital marketing in questi anni? Quali sono ancora i limiti italiani rispetto ai mercati più evoluti?
L’interesse e la curiosità nei confronti di questi temi sono cresciuti e questo è un segnale positivo. Ma sull’applicazione degli stessi credo che ci sia ancora molto lavoro da fare. Nei mercati esteri c’è una maggiore attitudine al mettersi in gioco e ad affrontare i cambiamenti in maniera positiva. Per avere successo nel marketing, in generale, è necessario sperimentare e investire tempo ed energie per modificare le strategie e l’operatività tradizionali. Questo spesso risulta essere il problema in Italia, dove si tende al contrario a voler investire poco tempo e budget nelle cose nuove. Inoltre non bisogna dimenticare che molto spesso trasformazione digitale significa anche introduzione di nuove tecnologie, che richiedono una preparazione specializzata nei team interni alle aziende, che non riguardano soltanto la divisione marketing. Anche questo trovo che non sia ancora percepito nel modo giusto dalle aziende italiane, che dovrebbero impegnarsi di più nell’assumere personale altamente qualificato e nell’investire nella formazione interna.

Digital marketing e innovazione: quali sono le frontiere da tenere d’occhio?
Lato digital marketing e social media i contenuti video continueranno a mio avviso a dominare il mercato, per l’immediatezza della fruizione del contenuto stesso ma anche per la necessità che gli utenti hanno sempre più di stabilire un contatto ancora più personale con chi crea informazione. Lato tecnologia e innovazione Intelligenza artificiale, Virtual Reality e Augmented Reality continueranno ad evolversi alla velocità della luce e di conseguenza ad aprire scenari importanti per l’evoluzione e l’efficienza di prodotti e servizi. Un altro trend da tenere d’occhio è quello che riguarda la Blockchain, non soltanto per quanto concerne le cryptovalute ma anche per tutte le altre applicazioni potenziali.

Serve più trasparenza nel Digital marketing? Non solo nell’attività degli influencer ma anche nella nuova politica digitale…
Assolutamente si, serve maggiore trasparenza e soprattutto maggiore “verita’” oserei dire in tutto il settore digitale. Purtroppo stiamo affrontando un’era in cui per chi è capace di comunicare bene sui social anche se senza vero contenuto o vera conoscenza diventa semplice influenzare e vendere, specialmente se il target di riferimento non ha una conoscenza approfondita dell’argomento. Trovo che sia necessaria un’educazione diffusa per capire le fonti e verificare l’attendibilità e l’autorevolezza di un contenuto.

Digital marketing e innovazione: qual è il rapporto e come sarà raccontato durante i Mashable Social Day?
Innovare significa rompere gli schemi, nonchè introdurre processi e strategie che cambino il modo di approcciare proprio mercato di riferimento. Il Digital Marketing può e deve essere parte integrante delle strategie di trasformazione delle aziende, sia grandi sia piccole, in quanto rappresenta un nuovo modo di comunicare, di raccontare la storia del proprio brand o anche semplicemente un nuovo modo di vendere attraverso canali e tecnologie nuove, più immediate, veloci ed efficienti. Molte di queste sono al centro del Mashable Social Media Day + Digital Innovation Days 2018. Le racconteremo attraverso testimonianze e dati reali. Il punto di vista dei relatori internazionali, ma anche italiani che hanno sviluppato esperienze all’estero e che stabilmente vivono in paesi più avanzati dal punto di vista tecnologico come gli Stati Uniti e l’Inghilterra, sarà fondamentale, in quanto rappresentera’ un momento di confronto importante per riflettere sulle proprie strategie di marketing e non solo. Avremo diversi speech che andranno proprio a sottolineare l’importanza di legare le strategie digitali a quelle più tradizionali e anche di come queste ultime si siano effettivamente evolute grazie alla trasformazione digitale. Infine, non mancheranno talk e confronti anche piu’ slegati dal digital marketing e dai social media ma appunto maggiormente legati all’ innovazione a 360 gradi, alle nuove tecnologie e alle evoluzioni necessarie al fine di creare ecosistemi imprenditoriali funzionali ed in grado di produrre risultati soddisfacenti.

Giovanni Iozzia

Ho studiato sociologia ma da sempre faccio il giornalista e seguo la tecnologia . Sono stato direttore di Capital, vicedirettore di Chi e condirettore di PanoramaEconomy.

Articoli correlati