Imprese lombarde, i Paesi Extra Ue nuovo mercato di riferimento | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Eventi

Imprese lombarde, i Paesi Extra Ue nuovo mercato di riferimento

di Redazione EconomyUp

13 Nov 2013

Una impresa lombarda su cinque aumenta il proprio giro d’affari grazie ai mercati fuori dall’Europa, solo l’1,7% riceve benefici dal vecchio continente. È quanto emerso dalla XXII Convention Mondiale delle Camere di commercio Italiane all’Estero che si è appena conclusa a Monza

Un momento della convention
All’ Autodromo a Monza sono stati più di 2000 gli incontri bilaterali tra le imprese provenienti da tutta Italia e i delegati delle Camere di commercio italiane all’estero: si è conclusa così  la “XXII Convention Mondiale delle Camere di commercio Italiane all’Estero”, la quattro giorni promossa da Camera di commercio di Monza e Brianza e Assocamerestero, dedicata all’internazionalizzazione e alla promozione del “Made in Italy”, che si è tenuta a Monza dal 9 al 12 Novembre. E con la crisi i principali mercati di riferimento per le imprese lombarde sono i Paesi Extra Ue: 1 impresa lombarda su 5 aumenta, infatti, il proprio giro d’affari grazie ai mercati fuori dall’Europa. A ricevere benefici dall’Europa solo l’1,7% delle imprese. Le imprese lombarde guardano al mondo di più rispetto alla media italiana: il 20,5% delle imprese lombarde dichiara che le aree di mercato in cui ha operato sono i paesi Extraeuropei, contro il 14,1% del dato italiano. Anche in fatto di concorrenza, le imprese lombarde sentono molto più la “competizione” nei confronti del mondo rispetto all’Europa: non considerando i concorrenti italiani, l’8% degli imprenditori lombardi (si ferma al 5,6% il dato italiano) dichiara che i principali concorrenti di impresa hanno sede nei Paesi ExtraUE, tra BRIC e il resto del mondo. È quanto emerge da elaborazioni dell’Ufficio Studi della Camera di commercio di Monza e Brianza su dati Istat- 9° Censimento generale dell’industria e dei servizi e Censimento delle istituzioni non profit.

“Come Camera di commercio – ha dichiarato Carlo Edoardo Valli, Presidente della Camera di commercio di Monza e Brianza –  la Convention ha rappresentato una grande opportunità per le nostre Piccole e Medie imprese,  in particolare per quelle aziende che non hanno la struttura interna per andare autonomamente sui mercati internazionali. Proprio queste aziende hanno incontrato qui, a Monza, i rappresentanti delle Camere di commercio italiane all’estero che possono essere di concreto supporto per entrare in relazione con questi mercati.”

Monza e Brianza ha immediatamente colto l’esigenza che le Camere avevano di incontrare un territorio così ricco di aziende dinamiche – ha dichiarato Leonardo Simonelli, Presidente di Assocamerestero – Questa Convention incentrata sul tema dell’Expo 2015 e su quello dell’internazionalizzazione ha gettato le basi per costruire progetti comuni che valorizzeranno l’azione del Sistema camerale Italia-mondo”.

Redazione EconomyUp

Articoli correlati