Heroes di Maratea, perché fare innovazione al sud è possibile | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

L’evento

Heroes di Maratea, perché fare innovazione al sud è possibile

30 Set 2016

La tre giorni lucana su innovazione e trasformazione digitale si è appena conclusa. Quasi duecento le startup partecipanti. Ecco il racconto di chi ha partecipato al convegno sul crowdinvesting e punta a sviluppare una rete imprenditoriale innovativa al meridione

Alla fine il primo “Euro mediterranean Coinnovation Festival”, la tre giorni di incontri dedicati ai temi della trasformazione digitale e dell’innovazione con focus sul crowdinvesting che si è svolta a Maratea dal 21 al 23 settembre, è stato un successo. Oltre centosessanta tra ospiti e relatori, cinquecento visitatori, 90 iniziative, 195 startup presenti di cui 47 in gara, sono i numeri che testimoniano la buona riuscita dell’iniziativa e che c’è un tessuto imprenditoriale che vive e vuole svilupparsi al meridione.

Al di là dei numeri però, ci interessa riportare le impressioni di alcuni partecipanti all’evento, che ci hanno raccontato come il convegno sul crowdinvesting sia stato particolarmente animato e le startup non si sono tirate indietro nel condividere i loro progetti.

Leggi i commenti di tre relatori su Startupbusiness.it  

Fabrizio Marino
Giornalista

Sono stato responsabile della sezione Innovazione e Tecnologia de Linkiesta, ho gestito la comunicazione di Innogest, sono Content Creator per PoliHub. Per EconomyUp mi occupo di innovazione e startup.

Articoli correlati