European Startup Festival: al via la prima edizione dal 21 al 23 settembre a Torino | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

European Startup Festival: al via la prima edizione dal 21 al 23 settembre a Torino

20 Set 2018

Altri argomenti

European Startup Festival: al via dal 21 al 23 settembre il primo festival delle startup. Il capoluogo piemontese si anima con conferenze, talk e masterclass e vedrò alternarsi sul palco ospiti internazionali del mondo digital

A partire da venerdì 21 settembre Torino ospita il primo European Startup Festival, l’evento internazionale dedicato al mondo delle startup. Il capoluogo piemontese si anima per una tre giorni ricca di conferenze, talk e racconti di imprenditori e creativi ma anche masterclass  e pitching competition, in cui le startup avranno la possibilità di farsi notare dai numerosi investitori in giuria. Community, progresso e know-how: queste sono le parole chiave con cui il festival intende animare la città creando un ecosistema di grande respiro e nuove opportunità di business.

Il Festival delle startup

L’idea è nata da Adriano Travaglia, co-fondatore dello studio legale Salomone & Travaglia e impegnato personalmente nello sviluppo di diverse startup e da Christine Michaelis, fondatrice di Creative Start-Up Academy, business coach, autrice e public speaker. Da un incontro durante una delle conferenze a tema è emersa l’esigenza di sviluppare un progetto unico per contenuti e obiettivi. European Startup Festival si pone come obiettivo la creazione di una community per il progresso senza confini fisici: tra i progetti in cantiere spicca la realizzazione di una piattaforma che permetterà di tracciare tutti i processi e i protagonisti del mondo startup. L’intento è garantire a tutti gli stakeholder ( imprenditori, investitori, università,  incubatori e acceleratori ) un’aggregazione di informazione e servizi per potenziare al massimo le opportunità di sviluppo e di business. Grazie al sistema di raccolta dati, per le giovani imprese diventerà più semplice ottenere visibilità e attrarre investitori interessati a nuove iniziative imprenditoriali.

Il programma

Trentasette relatori internazionali, 10 incontri pubblici, 25 masterclass, 400 partecipanti, 15 investitori professionali che premieranno le 3 migliori startup distribuendo un montepremi di 30mila euro in servizi: questi sono solo alcuni dei numeri del programma. Tutti  gli incontri sono aperti al pubblico previa registrazione tramite il sito www.eustartupfestival.com e vedranno alternarsi sul palco numerosi esperti del settore.

I protagonisti

Le personalità del mondo digital che si alterneranno sul palco si occuperanno di tematiche trasversali passando dell’ecosistema delle startup nel mondo alla raccolta fondi tramite Cryptocurrencies, fino alle licenze tecnologiche e alle strategie di sviluppo. Tra gli ospiti che interverranno: Florian Wimmer, l’esperto di Blockchain nei primi 30 della lista Forbes under 30 di Germania, Austria e Svizzera; il creatore di China Start (il programma che aiuta le startup europee ad espandersi in Cina) Bo Ji; lo specialista in innovazione del modello di business Stuart Hartley; l’accademica pluripremiata nel campo del digitale e dei social media Fatema Kawaf; il coach indiano di oltre 100 startup Jeffin Ani Johns; la “maga” del cambiamento Ana Silleras Villamayor, che ha reinventato il sistema economico usando il talento come moneta.  E ancora, Marco Cantamessa – professore ordinario presso il Politecnico di Torino, dove insegna Gestione dell’Innovazione e Sviluppo Prodotto, presidente non operativo del fondo di corporate venturing di Intesa Sanpaolo; Pier Paolo Mucelli, fondatore di eOffice (il primo spazio coworking in Europa) oggi attivo nella community di startup del Regno Unito e l’ingegnere della trasformazione aziendale Giorgio Borgonovo – che aiuta le aziende a sviluppare e promuovere strumenti per facilitare la condivisione delle conoscenze e dell’innovazione.

 La premiazione

La conclusione dei lavori è prevista per domenica 23 settembre con un Well-being Sunday a base di yoga e “kindness café”, ma il sabato sera avrà luogo la premiazione delle tre migliori startup selezionate per livello di maturità giudicate, tra gli altri, da Giulio Montoli, tra i 100 migliori italiani under 30 secondo Forbes per il settore Venture Capital; Luca Mentuccia, scopritore di startup e giovani talenti dopo 36 anni in Accenture; Philippa Martinelli, investitore con Fintech Circle; Mattia Carluccio, l’imprenditore digitale fondatore di MyTable (piattaforma di prenotazione online per ristoranti venduta a TripAdvisor); Russell Copley di Greenborough Management e Andrew Hutchison, co-fondatore di Aethon Partners (AP), già responsabile della strategia di Virgin StartUp, l’hub imprenditoriale del gruppo Virgin.  Su oltre 100 startup, saranno in 30 a contendersi l’attenzione dei giudici. Tra le stratup in gara: BEF Biosystems, la startup innovativa che alleva insetti per la conversione di rifiuti organici in derivati ad alto valore aggiunto; PassBot, il primo chatbot messenger che permette di ordinare dallo smartphone senza installare applicazioni, ma soprattutto di raccogliere e analizzare i dati dei clienti aumentando la fidelizzazione e il fatturato dei ristoranti; Weevil, il progetto finanziato dalla Commissione Europea per la realizzazione di un veicolo elettrico a tre ruote con una serie di innovazioni tecnologiche finalizzate al comfort, alla sicurezza e alla facilità di parcheggio (IAAD è tra i partner del progetto); La Scuola Possibile, la scuola di design e innovazione che mette in atto l’evoluzione del sistema didattico internazionale attraverso la personalizzazione del percorso formativo; Yolélé, food company africana che distribuisce nel mondo il più antico grano coltivato nell’Africa, il Fonio, cereale gluten-free.

Startup, l’impegno di Torino

Innovazione e sviluppo economico “sono la base e il futuro della nostra città e di tutte le grandi capitali che vogliono crescere oggi – afferma Paola Pisano, assessore all’Innovazione e Smart City della Città di Torino -”. Il capoluogo piemontese si pone come soggetto importante per creare innovazione e per guidare le realtà che vogliono attrarre progetti innovativi a livello nazionale e internazionale. L’European Startup Festival è molto vicino alla ricerca e all’open innovation e rappresenta una grande opportunità per attrarre sul territorio competenze, risorse e investitori.  Grazie a questa iniziativa, la Camera di Commercio di Torino intende promuovere lo sviluppo del territorio nel segno dell’innovazione digitale: tramite iniziative dirette come PID Punto Impresa Digitale ha garantito nello scorso anno un finanziamento a fondo perduto a 63 imprese, per un valore compressivo di 624.000 euro. Ora, fino al prossimo 21 settembre, le MPMI possono rispondere online al nuovo bando con una dotazione di 700.000 euro. Parallelamente, Camera di Commercio di Torino sta portando avanti un’altra importante iniziativa in favore delle giovani imprese, il progetto “Alpine Space – Scale up ALPS”, inserito nella rete europea Enterprise Europe Network. Il progetto analizza le risorse imprenditoriali del territorio e ha come priorità la trasformazione dell’arco alpino in un catalizzatore di imprese innovative per creare nuovi posti di lavoro. In previsione del Festival sono state selezionate una ventina di aziende a cui si offre la possibilità di partecipare alle Masterclass: seguire il cambiamento e farne parte significa fornire alle aziende e al territorio una grande opportunità di crescita e di valorizzazione delle risorse.

Altri argomenti

Articoli correlati