Edicola italiana, una scommessa difficile per la stampa in crisi | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Innovazione

Edicola italiana, una scommessa difficile per la stampa in crisi

21 Gen 2015

Il chiosco digitale lanciato da un consorzio di editori con Digital Magics arriva tardi ma presenta alcune caratteristiche interessanti. Adesso lo attende la prova di un mercato dominato da Apple. La video-opinione di Paola Dubini, docente della Bocconi

Enrico Gasperini, Fondatore e Presidente di Digital Magics
E finalmente arrivò l’Edicola Italiana, il chiosco digitale dove è possibile acquistare e leggere quasi tutti i quotidiani e i periodici italiani. Quasi 7 anni dopo l’Apple Store, forche caudine da cui sono dovuti passare tutti gli editori quando hanno scoperto, troppo tardi, che c’era un pubblico anche per la versione digitale dei loro giornali. Ci sono voluti anni di prove e tentativi spesso dispendiosi, e qualche volta corretti, ma quasi sempre con la visione sbagliata, cioè quella del mercato analogico, per capire che nel frattempo la carta stava diventando non un reperto del passato, come con faciloneria da anni vanno ripetendo i i talebani dell’innovazione, ma solo uno dei “media” dello scenario comunicativo. A differenza, però, della radio che si aggiunse alla carta e della tv che “potenziò” la radio, il web ha imposto cambiamenti radicali nella produzione, nella distribuzione e nel consumo.


Per anni gli editori, e il management delle aziende editoriali, preoccupati di salvaguardare l’esistente e i loro bonus, hanno ritenuto che bastasse parlarne nei convegni e nelle convention aziendali, magari con qualche ospite scoppiettante e dissacratore. Senza vedere che i “clienti” nel frattempo invecchiavano o emigravano e le aziende inserzioniste guardavano i numeri, crescenti, e misurabili della Rete, credendo sempre meno alle rilevazioni generose della stampa. Ci è voluta la pazienza e la tenacia di un innovatore moderato come Enrico Gasperini, fondatore di Digital Magics, che tessendo per qualche anno una impensabile tela è riuscito a in un Consorzio tutti i principali editori italiani (da Mondadori a Rcs, c’è tutta l’industria), convincendoli che la migliore difesa è l’attacco. Da sferrare con l’aiuto di una startup, PremiumStore, su cui il suo venture incubator ha investito 1milione di euro. 


Edicola Italiana, quindi, è un tentativo che va accolto con favore. Come dic nel video qui sotto la professoressa Paola Dubini del Dipartimento di Management e Tecnologia della Bocconi, ha degli elementi di novità che fanno sperare bene: l’account unico; la formula “all you can read” che dalla musica e dai libri viene sperimentata sui periodici; la possibilità di ricerca su tutte le testate in vetrina. 

La videoguida a  Edicola Italiana.

Adesso bisognerà vedere se il sistema funzionerà, se i  vecchi “clienti” troveranno conveniente migrare da AppleStore e i nuovi saranno attirati dalla semplicità del nuovo chiosco; se l’alleanza fra concorrenti resterà salda; se la dimensione nazionale del business è sostenibile. E se gli editori, e i loro manager, finiti i convegni e chiuse le riunioni, non continueranno a pensare che le copie digitali sono solo “cannibali” del loro business, una necessità da tollerare. Senza capire che prima o poi dovranno cambiare davvero anche i loro giornali di carta.

di Giovanni Iozzia