Dalla rassegna free press al nuovo network per l’industria 4.0: tutte le mosse di Pool Industriale a favore delle aziende | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

SERVIZI

Dalla rassegna free press al nuovo network per l’industria 4.0: tutte le mosse di Pool Industriale a favore delle aziende

14 Mag 2018

Il Centro di studi e servizi di mercato distribuirà a maggio la nuova rassegna cartacea di fornitori leader in tutti i settori industriali rivolti alle imprese. Ha già lanciato la piattaforma 100 mostre: il primo portale di informazione settoriale per lo sviluppo innovativo dell’intero sistema industriale e manifatturiero

“Noi siamo solo la cornice di un gruppo di aziende”: così parla Giorgio Ramaroli, fondatore di Pool Industriale quando presenta l’azienda. Toni modesti per una realtà che, come ammette lui stesso, tante aziende ringraziano: “Ci sono società che hanno costruito la propria fortuna grazie a noi, perché pur avendo creato buoni prodotti non avevano a disposizione forza pubblicitaria né capacità comunicative per riuscire a promuoverli. Sono riusciti in questo scopo grazie a noi”.

Pool Industriale, infatti, è il Centro di studi e servizi di mercato nato oltre 40 anni fa come progetto collaborativo strategico di 70 aziende leader alla ricerca di modelli innovativi per acquisire visibilità sul mercato con azioni strategiche attive di comunicazione tecnico-commerciale e supporto alle vendite.

Da allora ha lanciato una rassegna cartacea con la selezione di fornitori leader in tutti i settori industriali rivolti alle imprese, il portale di servizi digitali poolindustriale.it e la piattaforma Expointec con 100 mostre Industria 4.0, che rappresenta una rivoluzione nella comunicazione tecnico-commerciale per la diffusione delle tecnologie più avanzate.

La rassegna di Pool Industriale

Per capire la portata rivoluzionaria di questo servizio bisogna partire dall’attività di Pool Industriale: dal 1975 l’azienda analizza e valuta tutti i possibili fornitori di un prodotto proponendo poi ai lettori e al mercato italiano una selezione di aziende leader. “L’idea di offrire questo servizio è nata dalla consapevolezza che tutte le aziende hanno le stesse esigenze: chi produce qualcosa ha bisogno di capannoni, pavimenti, scaffalature e di tutto ciò che ha a che vedere con la logistica” spiega il fondatore.

Questo significa che i potenziali clienti delle aziende partner del Pool sono, praticamente, tutte le aziende italiane. Per mettere in contatto chi ha bisogno di un servizio con chi lo offre, Pool Industriale ha scelto un tipo di comunicazione attivo e non passivo: “Non basta avere un sito internet, perché la gente scelga di visitarlo. Per questo, abbiamo deciso di effettuare un servizio di free press, una rassegna stampa, primo e unico mass media cartaceo distribuito gratuitamente alle imprese italiane, per entrare direttamente e in maniera viva nelle aziende sulla scrivanie di chi prende le decisioni.

Un servizio svolto con successo da più di 40 anni e costantemente aggiornato nei contenuti. “È stata una vera e propria rivoluzione. Prima del nostro servizio, per promuovere un prodotto le aziende avevano a disposizione le campagne pubblicitarie e la partecipazione alle fiere, ma sono eventi a cui partecipa solo una parte di potenziali clienti e i giorni sono ridotti; le riviste di settore, ma hanno una tiratura limitata, informano solo su abbonamento e sono rivolte solo a piccole nicchie di settore”. Una rassegna free press gratuita arriva, invece, a tutti.

L’altra rivoluzione della rassegna di Pool Industriale è il tipo di comunicazione adottata: non una comunicazione pubblicitaria ma una comunicazione tecnico-commerciale: “Nella rassegna free press i prodotti vengono presentati tutti allo stesso modo, non vengono inseriti i loghi delle aziende, non ci sono redazionali né interviste pubblicitarie, perché ciò che conta è presentare i prodotti nella migliore forma possibile” spiega Giorgio Ramaroli. E puntualizza: “Non vi è altro modo di collegare i fornitori con tutte le aziende italiane potenziali clienti. La nostra rassegna ha assolto un compito informativo che nessuno a tutt’oggi ha mai assolto, non aveva e non ha concorrenti, né free né a pagamento”.

La rassegna viene poi inviata ai decision maker delle imprese che possono contare su un lavoro di selezione fatto a priori da Pool Industriale: “Le aziende che noi scegliamo devono avere un prodotto di qualità, devono essere commercialmente organizzate su tutto il territorio italiano e devono essere aziende leader, cioè strutturate, organizzate e tecnologicamente avanzate”.

Il nuovo portale Pool Industriale con 100 mostre Expointec industria 4.0

Oltre alla rassegna, nel 1996 Pool Industriale ha lanciato anche un portale online: “Era l’anno in cui il quotidiano Repubblica lanciava il primo sito di informazione. Noi siamo stati il primo portale aziendale” continua il manager.

Ma non è tutto. Lo scorso luglio, Pool Industriale ha lanciato la piattaforma rivoluzionaria: Expointec, il primo tool di informazione settoriale per lo sviluppo innovativo dell’intero sistema industriale e manifatturiero, oggi ospitata da poolindustriale.it. “L’idea è nata dalla necessità di colmare un buco informativo specifico: immaginate un’azienda che opera nell’automotive che vuole sapere quali siano le realtà imprenditoriali che offrono soluzioni specifiche per il suo settore, ad esempio robot per saldare sistemi automatizzati di movimentazione e simili. Insomma, questo è uno spazio specifico pensato ad hoc per le singole aziende di specifici settori.

Expointec ospita 100 mostre di settore: per la prima volta al mondo, si riuniscono nello stesso posto espositori e visitatori, come in una fiera virtuale nella quale però i visitatori sono al contempo anche espositori e viceversa. “Un’unica piattaforma compendia soluzioni specifiche e generali per ogni settore industriale, da quello meccanico all’alimentare al farmaceutico”.

Chi entra in questa fiera virtuale ha a disposizione due padiglioni: da una parte la Fabbrica Intelligente 4.0, un padiglione digitale dinamico suddiviso in singole mostre di settore che propone tutte le tecnologie innovative per ogni specifico settore produttivo e di applicazione; il secondo padiglione è la Fabbrica Organizzata 4.0, suddiviso in rassegne organizzative con tutte le soluzioni specifiche per organizzare ogni singolo comparto aziendale.

Dalla rassegna più arricchita all’uso dell’intelligenza artificiale

A maggio Pool Industriale distribuirà la nuova rassegna: “Sarà un’edizione arricchita per la prima volta con casi selezionati dalle 100 mostre. Un modo per offrire un servizio sempre più approfondito alle imprese” spiega Ramaroli.

Ma non è l’unica novità che Pool Industriale sta mettendo in cantiere: “Per stare al passo con la digital transformation stiamo sperimentando un sistema di intelligenza artificiale progettato al Politecnico di Milano” dice. Non mancano poi tutti i servizi che il digitale mette a disposizione: dai white paper alle landig page alle newsletter. “Non a caso a Pool Industriale si rivolgono solo alcune aziende: quelle che sono leader e innovative o che aspirano a esserlo”.

  • 326 Share

Articoli correlati