TECNOLOGIA SOLIDALE

Come il digitale può aiutare a combattere l’astensionismo



Ci attende un’inedita campagna elettorale in piena estate. Il digitale, erò, non si ferma e può avere un ruolo importante per ridurre il pericolo più grave: l’astensionismo

di Antonio Palmieri

Pubblicato il 22 Lug 2022


Photo by Element5 Digital on Unsplash
Recriminare su ciò che poteva essere e non è stato è ora inutile. Siamo arrivati alla fine improvvisa e “disordinata” (eufemismo) della legislatura. Si vota il 25 settembre e, in democrazia, il voto non è una patologia.
Da deputato in carica, ho grande preoccupazione per i mesi che ci attendono da qui a fine anno. Le enormi difficoltà da affrontare le conosciamo tutti e a ciò si unisce il fatto che nell’era globale le campagne elettorali e le elezioni politiche non sono più solamente nazionali, con tutte le conseguenze e le responsabilità che ne conseguono per tutti gli attori in campo, politici e mediatici.
Ci attende una inedita campagna elettorale in piena estate. Di come potrebbe svolgersi ho parlato in un colloquio con Lanfranco Palazzolo, di Radio Radicale e di come il digitale possa aiutare a combattere l’astensionismo avevo scritto in un post di tecnologia solidale di qualche settimana fa.
Quindi, andiamo incontro alla realtà. Lo facciamo accompagnati da una notizia di tecnologia solidale. È stata prorogata al primo di agosto la scadenza per partecipare al contest di Maker Faire Rome e Sanofi che premia l’innovazione al servizio della disabilità. Chi ha buoni progetti, si faccia avanti. Nonostante la campagna elettorale…

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Antonio Palmieri

Antonio Palmieri, fondatore e presidente di Fondazione Pensiero Solido. Sposato, due figli, milanese, interista. Dal 1988 si occupa di comunicazione, comunicazione politica, formazione, innovazione digitale e sociale. Già deputato di…