Co-innovazione: come la mette in pratica Cisco nel nuovo centro dedicato alla cybersecurity | Economyup

CYBERSECURITY

Co-innovazione: come la mette in pratica Cisco nel nuovo centro dedicato alla cybersecurity



Il primo centro di co-innovazione Cisco dedicato alla sicurezza informatica in Europa apre a Milano negli spazi del Museo Nazionale Scienza e Tecnologia Leonardo da Vinci, entrando a far parte della rete mondiale dei Co-Innovation Center Cisco

28 Gen 2020


Il Cybersecurity Co-Innovation Center di Cisco, azienda multinazionale specializzata nell’evoluzione delle tecnologie di rete, apre a Milano presso il Museo Nazionale Scienza e Tecnologia Leonardo da Vinci ed entra a far parte di una rete mondiale di centri di co-innovazione Cisco (da Toronto a Sydney passando per Tokyo e Singapore).

Non solo un centro di innovazione, ma di co-innovazione

Si tratta di un centro di “co-innovazione” e non semplicemente di “innovazione”, in quanto si vuole sottolineare la dimensione collaborativa alla base del progetto, dove tutti gli stakeholder (pubblici e privati) del settore saranno coinvolti nella creazione di studi e soluzioni, quanto più condivise e collettive possibili, favorendo un’interconnessione di know-how e competenze.

Obiettivo: mettere la sicurezza al centro della digitalizzazione

Nel centro di co-innovazione si lavorerà in particolare su alcuni aspetti chiave della cybersecurity: la sicurezza avanzata dell’IoT (Internet of Things), la privacy e la sicurezza nei servizi dei cittadini, la protezione delle filiere di valore e delle infrastrutture nazionali critiche (utility, banche, ecc.). “Sette mesi dopo l’annuncio, prende vita una struttura che rappresenta per i nostri clienti e partner, per le istituzioni e tutto l’ecosistema Cisco, un luogo in cui creare innovazione sui temi della sicurezza della privacy. Questo aiuterà a rafforzare l’Italia in un’arena strategica per il suo futuro, la cybersecurity. Mettere la sicurezza al centro della digitalizzazione si riflette positivamente su cittadini ed imprese, creando fiducia nello sviluppo tecnologico che è indispensabile per la crescita di un Paese” commenta Agostino Santoni, Amministratore Delegato di Cisco Italia.

L’inaugurazione di Cybersecurity Co-Innovation Center

Il centro è stato inaugurato alla presenza del Ministro per l’Innovazione Tecnologica e la Digitalizzazione Paola Pisano, di Roberto Baldoni, Vice Direttore Generale del DIS (Dipartimento Informazioni per la Sicurezza) della Presidenza del Consiglio con delega alla cybersecurity, del Presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana, di Roberta Cocco Assessora alla Trasformazione Digitale e Servizi Civici del Comune di Milano e del Direttore Generale del Museo, Fiorenzo Galli. Per Cisco è intervenuto il CEO Chuck Robbins; al suo fianco anche l’AD di Cisco Italia Agostino Santoni e molti top manager internazionali che hanno sostenuto questa iniziativa.

Il primo centro di Co-Innovazione sulla Cybersecurity in Europa

WHITEPAPER
Chief operating officer: come bilanciare sicurezza informatica e responsabilità operative
Sicurezza
Cybersecurity

Il nuovo centro dialogherà attivamente con tutte le realtà che fanno già parte di “Innovation Exchange”, una rete di luoghi dedicati all’innovazione diffusa sul territorio nazionale.

Un luogo per costruire il futuro

In linea con i pilastri del rinnovato investimento di Cisco nel nostro paese, sicurezza, skill (competenze) e impegno sociale, il Co-Innovation Center si aprirà ai cittadini anche attraverso iniziative di formazione sui temi del digitale e della sicurezza.

Il Museo diventerà una delle Cisco Networking Academy, dove saranno offerti corsi dedicati sia ai giovani che a coloro che già lavorano e desiderano riqualificarsi con le competenze del futuro e dove Cisco donerà attrezzature tecnologiche.

La struttura ospita spazi dedicati agli sviluppatori e ricercatori, laboratori per lo sviluppo e verifica di soluzioni innovative, aree che saranno dedicate a incontri tematici.