Blockchain per l'efficientamento energetico: la tecnologia usata da 2 italiani con l'aiuto di Steve Wozniak - Economyup

CLIMATE TECH

Blockchain per l’efficientamento energetico: la tecnologia usata da 2 italiani con l’aiuto di Steve Wozniak



Nata dall’idea degli imprenditori Jacopo Visetti e Jacopo Vanetti, Efforce è una piattaforma di efficienza energetica abilitata dalla blockchain. Chiave di volta del progetto sono i Wozx, token che possono essere scambiati fra chi finanzia un progetto, e un algoritmo. Qui un approfondimento sull’implementazione del progetto

di Pierluigi Sandonnini

24 Nov 2022

Steve Wozniak e le tecnologie per l'efficientamento energetico

Avete avuto un’idea nel campo dell’efficientamento energetico e non sapete quale modello di business adottare? Innanzitutto, bisogna sapere che i progetti nel campo dell’efficientamento energetico sono i più difficili da realizzare. Fino a qualche tempo fa non c’era riuscito nessuno, a causa dei ritorni sugli investimenti troppo lontani nel tempo e agli alti costi di realizzazione, di fatto alla portata solo di aziende molto grandi. Poi qualcuno c’è riuscito, qualcuno che ha un nome e uno storia molto importanti nel mondo della new economy: Steve Wozniak, co-fondatore di Apple insieme a Steve Jobs. Ma l’idea nella quale Woz ha creduto e nella quale ha voluto investire è partita da due giovani imprenditori italiani, Jacopo Visetti e Jacopo Vanetti. Questa è la storia di Efforce e di come in soli quattro anni è diventata una azienda con 40 dipendenti e uffici negli Stati Uniti, Milano, Londra e Malta.

Immagine che contiene persona, tuta, gruppo, interniDescrizione generata automaticamente

Il team di Efforce

Efforce, che cos’è

Efforce è una piattaforma di efficienza energetica abilitata dalla crittografia e fa parte di un’ondata di aziende nate negli ultimi anni allo scopo di incoraggiare comportamenti rispettosi del pianeta con gli strumenti delle valute digitali, o criptovalute. Aziende come KlimaDAO e la svizzera Toucan, che lavorano per aggiungere crediti di carbonio sulla blockchain, e nuove iniziative, come SolarCoin, una moneta digitale che incentiva la costruzione di centrali solari.

WHITEPAPER
Pharma: come gestire grandi volumi di dati eterogenei e non strutturati?

La tecnologia alla base di Efforce

In effetti, la chiave per la credibilità del progetto e la sua successiva scalabilità sta proprio nell’abbattere il tempo di ritorno degli investimenti per l’efficientamento energetico e rendere questi progetti abbordabili a una platea più vasta di imprese di piccole dimensioni. Come? Con la blockchain, adottando un valore di scambio, ovvero il token “Wozx”, e con un algoritmo in grado di trasformare la promessa di efficientamento energetico in valore.

Abbiamo già detto che l’idea è venuta a due imprenditori italiani. Racconta Jacopo Visetti: “Abbiamo avuto un incontro con Steve nella Silicon Valley e gli è piaciuta l’idea. Voleva cambiarla un po’, quindi ci siamo seduti a un tavolo per un certo numero di settimane e abbiamo sviluppato l’idea, poi alla fine gli abbiamo chiesto di salire a bordo”.

C’è da dire che Efforce non è la prima avventura post-Apple di Wozniak, che ha fatto di tutto, da gestire una conferenza sui fumetti a fondare una startup edtech.

Comprendere il settore dei servizi energetici è la chiave per capire come funziona Efforce. Le società di servizi energetici riqualificano gli edifici, sia case che aziende, per renderli più efficienti. Cose come migliorare l’isolamento, sostituire le lampadine con modelli più ecologici, adeguare finestre e porte.

I clienti tendono a ricevere il servizio gratuitamente e quindi i soldi che risparmiano sulle bollette energetiche vengono divisi tra loro e la società di servizi energetici.

È un sistema consolidato: molte grandi società di servizi, come Thames Water e General Electric, hanno anche una divisione di servizi energetici. Mentre la crisi energetica spinge le bollette sempre più in alto, c’è più interesse per nuovi modi di finanziare i servizi energetici; ed è qui che entra in gioco Efforce.

Dai crediti di carbonio ai crediti energetici

Efforce vuole rendere possibile scambiare megawatt di energia risparmiata nello stesso modo in cui ora scambiamo tonnellate di CO2 risparmiate come crediti di carbonio, l’industria da cui proviene Visetti.

Sulla sua piattaforma, gli utenti possono investire in progetti di risparmio energetico. I risparmi finanziari realizzati vengono poi condivisi tra coloro che hanno finanziato il progetto.

È un modo per ampliare il capitale iniziale a cui le persone hanno accesso per i retrofit dell’efficienza energetica, ma significa anche che meno risparmi vanno direttamente al proprietario dell’edificio.

“Allo stesso modo, quando si risparmia una tonnellata di CO2 come credito di carbonio, per ogni megawatt che si può risparmiare, è possibile scambiarlo”, afferma Visetti.

La piattaforma di Efforce emette agli utenti token equivalenti ai megawatt che hanno contribuito a risparmiare investendo in progetti di efficienza. Questi token possono quindi essere scambiati – alla fine, idealmente – dice Visetti, in modo simile a come vengono scambiati i crediti di carbonio.

L’elemento crittografico

Come con molte delle startup che si trovano all’incrocio tra cripto e clima, l’importanza della crittografia non è immediatamente evidente.

Però si spiega facilmente se si pensa che per ottenere l’accesso alla piattaforma in cui possono investire in progetti di risparmio energetico, le persone devono acquistare Wozx, un token di governance.

“Perché abbiamo avuto bisogno di un token?”, si domanda Visetti. “Perché questo è un progetto basato sulla comunità”. I titolari di Wozx, infatti, possono votare quei progetti di efficienza energetica sui quali ritengono dovrebbe salire la piattaforma. Attualmente ci sono 5.000 persone con accesso alla piattaforma e 500 di loro stanno sostenendo attivamente i retrofit energetici.

Efforce, come funziona

Per capire a cosa è dovuto il successo di una idea imprenditoriale come Efforce bisogna osservarne il meccanismo dall’interno. Si tratta di una webapp, un marketplace basato sulla blockchain. Qualsiasi utente può accedere alla piattaforma, iscriversi e acquistare i token “Wozx” (da nome di Wozniak?). Cosa sono? Pensiamo al modello di business delle cosiddette “ESCo”, le Energy Service Company, ovvero quelle imprese che forniscono servizi tecnici, commerciali e finanziari per realizzare interventi di efficienza energetica. I costi degli interventi delle aziende ESCo sono inizialmente gratuiti per l’azienda cliente che paga con i soldi risparmiati in bolletta. L’azienda che ha effettuato l’intervento, però, per tornare a investire deve attendere molto tempo, perché il rientro dell’investimento iniziale è diluito in anni. È proprio qui che si inserisce Efforce, che calcola il valore del risparmio generato a monte dell’intervento e lo trasforma in un bene scambiabile, il Wozx appunto. Questo valore serve all’azienda ESCo per ridurre i tempi di recupero del credito e alle imprese clienti di finanziare interventi che altrimenti sarebbero impossibili.

Perché acquistare i Wozx?

Chi acquista i token Wozx e perché? Dalla vendita dei token l’azienda riesce a finanziare interventi di efficientamento energetico andando a risparmiare nel tempo sui costi di gestione. L’azienda ESCo riesce a portare a termine il progetto ricevendo il pagamento a breve termine. Colui che ha acquistato i token emessi per quel progetto specifico, e quindi ne è titolare, vede incrementare il loro valore al crescere del risparmio energetico accumulato dall’azienda. Semplificando: se il risparmio energetico annuale per l’azienda fosse di 10.000 euro e ci fossero in circolazione 1.000 “Wozx”, il singolo token aumenterebbe il suo valore di 10 euro l’anno.

Chi sono i fondatori di Efforce: il veterano Wozniak


Descrizione generata automaticamente

Steve Wozniak non ha bisogno di presentazioni: icona della Silicon Valley, con le sue idee ha contribuito a plasmare l’industria informatica grazie al suo design della prima linea di prodotti Apple Apple, Apple I e II, e ha influenzato il popolare Macintosh. Nel 1976, Wozniak e Steve Jobs fondarono Apple Computer Inc. con il personal computer Apple I di Wozniak. L’anno seguente fu introdotto il personal computer Apple II, dotato di un’unità di elaborazione centrale, una tastiera, grafica a colori e un’unità floppy disk. La leggenda aveva inizio…

Immagine che contiene persona, tuta, uomo, abbigliamentoDescrizione generata automaticamente

Jacopo Visetti, oltre a essere co-fondatore di Efforce, è project lead; è un pioniere nei mercati dell’efficienza energetica. Dopo anni di esperienza come analista quantitativo, ha fondato AitherCO2, azienda leader nel mercato dell’efficienza energetica. È visiting professor in diverse università del mondo, partecipa regolarmente come relatore a eventi sul risparmio energetico e ha fornito consulenza sui meccanismi del mercato ambientale alle aziende Fortune 500 e al Senato dello Stato della California. Visetti si è laureato in Finanza presso l’Università Cattolica di Milano e in Macroeconomia presso l’Università di Harvard.

Immagine che contiene persona, uomo, tutaDescrizione generata automaticamente

Jacopo Vanetti è CTO & Tech Expert, nonché co-fondatore di Efforce

Programmatore già all’età di 10 anni, combinando la passione per la programmazione con la voglia di creare è diventato un imprenditore e ha fondato una software house nel 2008 e nel 2011 una società di sviluppo di pagamenti online. Nel 2016 gli è stato conferito il Premio Nazionale Innovazione dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Insieme a Visetti ha dimostrato di saper guardare al futuro, imboccando una strada che, viste le premesse, non può che essere promettente e scalabile.

 

WHITEPAPER
Mobilità sostenibile: una guida a progetti, incentivi e ruolo chiave di sharing e veicoli elettrici
Pierluigi Sandonnini

Ho una formazione ibrida, tecnologica e umanistica. Nuove tecnologie I&CT e trasformazione digitale sono i miei principali campi di interesse. Ho iniziato a lavorare nella carta stampata, mi sono fatto…