Food, Gualtieri: ecco dove serve l'innovazione (a partire dai campi) | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Food, Gualtieri: ecco dove serve l’innovazione (a partire dai campi)



Marco Gualtieri, ideatore di Seeds&Chips (in programma a Milano dall’8 all’11 maggio) spiega perché l’Italia può diventare l’hub internazionale per la trasformazione della filiera. Dall’agricoltura di precisione alle colture idroponiche nei supermercati.

di Giovanni Iozzia

05 Mag 2017


Per una settimana, dal 4 all’11 maggio, Milano prova a replicare con il food quello che da anni succede per il design: coinvolgere la città sui temi dell’alimentazione, ad ampio spettro. Partecipa anche l’ex presidente degli Stati Uniti Barak Obama. Il progetto nasce dall’incontro di due manifestazioni, TuttoFood e Seeds&Chips. “Fare sistema” è la prima ricetta proposta da Marco Gualtieri nella videointervista concessa a EconomyUp in cui racconta la sua visione dell’innovazione nella filiera alimentare, in tutti i punti, dai campi ai supermercati, dall’agricoltura di precisione alle colture idorponiche nei punti punti vendita. Perché il cibo è troppo importante per far stare bene tutti, anche a livello economico. E perché le startup e i Millennials stanno cambiando il mercato dell’alimentazione.

Giovanni Iozzia

Ho studiato sociologia ma da sempre faccio il giornalista e seguo la tecnologia . Sono stato direttore di Capital, vicedirettore di Chi e condirettore di PanoramaEconomy.