Terremoto, ecco la raccolta fondi via smartphone di Satispay | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Terremoto, ecco la raccolta fondi via smartphone di Satispay

02 Nov 2016

La campagna lanciata dall’app per scambiarsi denaro all’indomani della prima scossa nel Centro Italia è ancora attiva e ha superato quota 34mila euro. Le donazioni, gestite da 1Caffè Onlus, sono devolute al 100% alla Croce Rossa Italiana. Ecco come contribuire

Scambiarsi denaro attraverso il cellulare non è ancora un’abitudine per gli italiani. Ma chi lo fa, ha un particolare occhio di riguardo per chi soffre. Lo dimostrano i primi risultati della campagna di raccolta fondi a sostegno delle popolazioni del Centro Italia colpite dai terremoti di agosto e di ottobre lanciata dall’app Satispay.

Satispay, dall’App ai Pos: crescita di una startup fintech

All’indomani della prima scossa, quella del 24 agosto, l’applicazione per scambiarsi soldi e fare acquisti mediante smartphone ha permesso ai suoi iscritti di effettuare donazioni a favore della Croce Rossa Italiana collegandosi all’indirizzo https://tag.satispay.com/terremoto. La raccolta fondi, in cui è 1Caffè Onlus a gestire le donazioni e a devolverle al 100% alla CRI, è ancora attiva e ha superato, al primo novembre, la quota di 34mila euro.

Leggi anche: Terremoto, cosa possono fare l’innovazione e le startup per ridurre danni e sofferenze

In assoluto potrebbe non sembrare una cifra molto elevata, ma se si tiene conto che tutto il transato del p2p mobile, ovvero il trasferimento di denaro tra privati attraverso cellulare, nel 2015 non ha superato i 10 milioni di euro (fonte: Osservatorio Mobile Payment & Commerce della School of Management del Politecnico di Milano), il numero è da considerare significativo. Chi vuole donare, deve andare all’indirizzo https://tag.satispay.com/terremoto, inserire l’importo che vuole devolvere e inviare la richiesta di pagamento, confermandola successivamente sulla propria app Satispay. 

Maurizio Di Lucchio

Articoli correlati