BANCHE E INNOVAZIONE

Intelligenza artificiale e banche, come usarla: il caso BCC ICCREA con Appian



Indirizzo copiato

BCC Iccrea, il maggiore gruppo bancario cooperativo italiano, ha adottato la piattaforma Appian per assicurarsi un rapido e continuo miglioramento dei processi. Ecco quali problemi vengono individuati e risolti grazie all’applicazione dell’AI e del machine learning

Pubblicato il 31 gen 2024



bcc iccrea
BCC ICCREA usa l'AI per migliorare i processi

IGruppo BCC ICCREA ha deciso di intraprendere un percorso di digitalizzazione e automazione dei principali processi utilizzando l’intelligenza artificiale (AI).

L’AI sta rivoluzionando il settore bancario B2B attraverso l’automazione dei processi, l’analisi predittiva e la personalizzazione dei servizi. Le banche la stanno adottando per ottimizzare le operazioni, ridurre i costi e migliorare l’esperienza cliente. L’intelligenza artificiale facilita l’analisi di grandi volumi di dati per identificare tendenze, prevedere il rischio di credito e personalizzare offerte per i clienti aziendali. Inoltre, sta migliorando la sicurezza tramite sistemi antifrode avanzati e consente lo sviluppo di assistenti virtuali per un supporto clienti efficiente e tempestivo.

Come nasce e cosa fa BCC Iccrea

Uno degli istituti bancari che ha deciso di intraprendere questo percorso di digitalizzazione e automazione è BCC Iccrea , il maggiore gruppo bancario cooperativo, l’unico gruppo bancario nazionale a capitale interamente italiano e il quarto gruppo bancario in Italia per attivi, con un totale dell’attivo consolidato, al 30 settembre 2023, attestato a 171,5 miliardi di euro secondo i dati riportati nel sito aziendale.

Il Gruppo si è costituito il 4 marzo 2019 nell’ambito della Riforma del Credito Cooperativo italiano (Legge n. 49 del 2016 e successive modifiche), che ha previsto l’obbligo per tutte le BCC di aderire ad un Gruppo Bancario Cooperativo. Figura del tutto nuova nel panorama bancario italiano ed europeo, il Gruppo ha raccolto l’eredità di quasi sessant’anni di storia di Iccrea Banca.

Il caso del Gruppo BCC ICCREA con Appian

Gruppo BCC ICCREA è dunque un esempio concreto di come Intelligenza Artificiale, data fabric e automazione dei processi stiano già contribuendo a una radicale trasformazione degli istituti bancari più dinamici. La banca ha scelto Appian per intraprendere un percorso di digitalizzazione e automazione dei principali processi.

Cosa fa Appian

Appian è un’azienda di software che automatizza i processi aziendali. La Appian AI Process Platform include quello che serve per progettare, automatizzare ed ottimizzare anche i processi più complessi, dall’inizio alla fine.

Le organizzazioni si affidano ad Appian per migliorare i loro flussi di lavoro, unificare i dati ed ottimizzare le operazioni, con il risultato di una crescita migliore e di una customer experience superiore.

Perché BCC ICCREA ha adottato la piattaforma Appian

Con l’obiettivo di migliorare l’assistenza ai clienti, l’erogazione più veloce dei servizi e la riduzione della complessità e delle attività manuali associate alla conformità normativa, il Gruppo bancario che oggi raccoglie 116 istituti federati ha adottato la piattaforma Appian per assicurarsi un rapido e continuo miglioramento dei processi attraverso il monitoraggio dei principali indicatori di performance e una più efficace reingegnerizzazione delle modalità di erogazione dei servizi.

Ad oggi, una trentina di applicazioni di differenti complessità è stata realizzata con Appian. Ad esempio, si poggiano sul data fabric tutti i processi di compliance (valutazione del rischio, pianificazione, esecuzione e monitoraggio delle verifiche) e un’applicazione antiriciclaggio che sfrutta l’IA (NLP/NLU) e in cui la tecnologia Appian collega i diversi sistemi integrati. Attingendo a fonti Web e ad archivi digitalizzati di fonti cartacee, la soluzione analizza oltre 2.200 testate giornalistiche nazionali e locali per trovare eventuali notizie avverse riguardanti un cliente della banca.

Il Gruppo BCC ICCREA ha anche adottato una soluzione di machine learning per la gestione delle operazioni bancarie potenzialmente sospette: l’algoritmo apprende i pattern di comportamento di un cliente e riconosce le deviazioni che possono generare sospetti. Questa soluzione riduce drasticamente i falsi positivi e assegna un punteggio di priorità agli eventi che effettivamente richiedono una verifica.

La piattaforma di Appian ha consentito, poi, di creare un’applicazione per il Pog (Product, Oversight and Governance), una normativa di Banca D’Italia in base alla quale il ciclo di vita dei prodotti bancari deve essere tracciato, ispezionabile e monitorato.

Articoli correlati

Articolo 1 di 4