Fundraising, queste sono le startup (e scaleup) europee che hanno raccolto di più nel 2016 | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Finanziamenti

Fundraising, queste sono le startup (e scaleup) europee che hanno raccolto di più nel 2016



Dalla svedese Spotify fino alla rivale russa di Uber, passando per la britannica Deliveroo. Un report di Dealroom ha stilato la classifica di tutte le società che hanno raccolto capitali superiori a cento milioni di euro nel vecchio continente. Ecco quali sono e cosa fanno

di Redazione EconomyUp

31 Gen 2017


Oltre cento milioni di investimenti ottenuti, singolarmente, nel 2016. Startup o scaleup, chiamatele come volete. Fatto sta che queste realtà innovative hanno fatto parecchio gola agli investitori durante l’anno appena concluso, guadagnandosi il titolo di regine del fundraising. A stilare la classifica è un report di Dealroom, che mette in fila tutte le società che hanno raccolto capitali a tre cifre.

Dalla svedese Spotify, alla londinese Deliveroo, passando per la scozzese Skyscanner e la spagnola Cabify. Ecco quali sono e cosa fanno.

Spotify – 909 M€
Nata a Stoccolma nel 2006 dall’iniziativa di Daniel Ek e Martin Lorentzon, è attualmente valutata circa 8 miliardi di dollari. Con il suo servizio di streaming di musica, video e podcast, raggiunge oltre 100 milioni di utenti nel mondo (di cui circa 30 milioni paganti) e pare si prepari all’IPO. Ha collezionato ben 8 round d’investimento, per una cifra complessiva di circa 1,5 miliardi di dollari, sebbene il suo modello di business non sempre convince per il basso margine di guadagno (e le perdite) dovute alle commissioni elevate che Spotify paga all’industria musicale.

Gett – 330 + 91 M€ (in due diversi round)
È uno dei rivali di Uber e offre servizi di trasporto on-demand. Nata nel 2010, headquarter a Tel Aviv, sede legale a New York ma poi di fatto europea, perché è in Europa, tra UK e Russia, che ha attualmente la sua più forte diffusione: a Londra la metà dei yellow cab lavorano con Gett. Ha già superato i 500 milioni di dollari complessivi di investimenti, che nel 2016 hanno raggiunto il massimo con 300 milioni investiti da Volkswagen e altri 91 da Sberbank, la più grande banca Russa.

GFG – 330 M €
Global Fashion Group è una delle startup della moda di Rocket Internet, e non è tra quelle che stanno andando meglio. Offre un servizio di online shopping nei mercati emergenti, attraverso altri marchi/piattaforme: Dafiti in America Latina, Lamoda in Russia, Namshi nel Medio Oriente, The Iconic in Australia, Jabong in India e Zalora nel sud-est asiatico.

Quest’ultimo round da 330 milioni di euro nel 2016, in cui la stessa Rocket Internet ha messo 100 milioni, è stato un cosiddetto down round, cioè un investimento in cui la valutazione data alla società (1,1 B $) è stata di gran lunga inferiore al precedente ultimo round in cui era stata valutata circa 3,5 miliardi di dollari.

Continua a leggere su StartupBusiness

Redazione EconomyUp