Fintech, le 10 banche che investono di più al mondo nella trasformazione digitale | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

LA CLASSIFICA

Fintech, le 10 banche che investono di più al mondo nella trasformazione digitale

18 Gen 2018

Dal 2013 al 2017 Goldman Sachs ha scommesso più di tutti nel settore (37 miliardi di dollari), seguita da Citi Banks (25) e J.P. Morgan (14). Pagamenti digitali, prestiti online ed ecommerce i settori più battuti. Piacciono anche le startup. Gli istituti italiani? Ancora un passo indietro rispetto al resto del mondo

Ammontano a 118 miliardi di dollari i capitali investiti dalle principali banche mondiali nel settore del fintech, dal 2013 al 2017. È quanto emerge da un recente rapporto realizzato da Cb Insights, che ha tracciato gli investimenti nel settore della tecnologia associata alla finanza da parte delle cosiddette “bulge bracket banks” (termine con cui vengono definite le più grandi e redditizie banche di investimento multinazionali), negli ultimi cinque anni. A guidare la classifica degli istituti di credito più “innovativi” è Goldman Sachs (37 miliardi di dollari), seguita da Citi Banks (25 miliardi) e J.P. Morgan (14 miliardi).

Nel dettaglio, il report mostra come ognuna di queste banche (dieci per la precisione) abbia una preferenza di investimento specifica nel campo della tecnofinanza. Per esempio J.P. Morgan si è focalizzata sul settore dei pagamenti, mentre Citi Banks ha puntato le sue fiches sulla sicurezza e l’ecommerce. Goldman Sachs ha invece scommesso sul settore dei prestiti e su quello del regtech. Il grafico in basso riassume l’ammontare totale investito dalle prime dieci banche internazionali, dal 2013 al 2017.

Per citare qualche esempio Goldman Sachs, ha investito di recente nelle startup: Better Mortgage (15 milioni a febbraio 2017, 30 milioni a giugno 2016 , in entrambi i casi in coinvestimento); Nav (ammontare non dichiarato, ad aprile 2017); Neyber (lead investor in un round da 115 milioni a settembre 2017). Citi Bank, tramite il proprio fondo di corporate venture capital Citi Ventures, ha invece scommesso su: Clarity Money (11 milioni di dollari in un series b a marzo 2017); Feedzai (ammontare non dichiarato a ottobre 2016).

A stimolare l’appetito dei grandi istituti di credito è anche tutto il mondo della blockchain. Tanto che J.P. Morgan ha deciso di crearne una propria, chiamata Quorum, dopo aver deciso di abbandonare il consorzio R3 (a cui ha aderito di recente anche banca Mediolanum, oltre che Unicredit e Intesa San Paolo in passato), così come avevano fatto già da un po’ Goldman Sachs e Morgan Stanley.

E le banche italiane quanto investono in fintech? Guardando in casa nostra, sembra che il sistema bancario sia ancora in affanno rispetto al processo di trasformazione digitale, con conseguente aumento del rischio di perdere il treno dell’innovazione. Anche se, stando a quanto affermato da Giovanni Sabatini – direttore generale di Abi (Associazione Bancaria Italiana) – durante un recente intervento alla Commissione Finanza della Camera in occasione dell’indagine conoscitiva della tecnologia in ambito finanziario, «le banche italiane oggi pongono il rapporto fintech tra le priorità».

Secondo un censimento realizzato proprio da ABI, sembra che il 70% delle anche italiane analizzate stia lavorando per sviluppare relazioni con le startup fintech. Tradotto in cifre, secondo i numeri di Abilab, sembra che le spese in tecnologia per le banche del nostro Paese abbia raggiunto quota 4,5 miliardi.

  • 52 Share
Fabrizio Marino

Sono stato responsabile della sezione Innovazione e Tecnologia de Linkiesta, ho gestito la comunicazione di Innogest, sono Content Creator per PoliHub. Per EconomyUp mi occupo di innovazione e startup.

Articoli correlati