Fintech, la Cina userà la blockchain per riscuotere le tasse | Economyup

Fintech, la Cina userà la blockchain per riscuotere le tasse



Pechino ha annunciato che comincerà a utilizzare la “catena dei blocchi”, sistema peer-to-peer per scambio e distribuzione sicura di qualsiasi tipo di dati, per la riscossione dei tributi e l’emissione di fatture elettroniche. È il primo test in assoluto a livello mondiale. E potrebbe fare da traino ad altri Paesi

di Cristina Pozzi

21 Ago 2017


La notizia

Il 31 luglio 2017 il governo cinese ha annunciato che inizierà a utilizzare la blockchain, sorta di sistema peer-to-peer che consente lo scambio e la distribuzione sicura di qualsiasi genere di dati, per la riscossione delle tasse e l’emissione di fatture elettroniche. Solo pochi mesi fa Pechino aveva svelato di essere in fase di test su un progetto legato alla realizzazione di una propria criptovaluta; le due iniziative potrebbero essere collegate e accelerare la diffusione quotidiana di questa tecnologia.

Blockchain: come la “catena dei blocchi” cambierà aziende e startup fintech

WHITEPAPER
Blockchain nel settore energetico: quali opportunità per lo scambio di energia P2P?
Blockchain
Utility/Energy

♦ Perchè è importante

Criptovalute nazionali e blockchain come sistema per le operazioni amministrative potrebbero rappresentare un futuro non troppo lontanto, ma test veri e propri istituzionali non sono ancora stati fatti. La Cina si sta ponendo come pioniera in questo campo e sarà interessante osservare da vicino l’esperimento, che per ora è il primo in assoluto a livello globale.

In molti paesi, Italia compresa, grazie al lavoro importantissimo del Team per la Trasformazione Digitale, stiamo ricorrendo alla digitalizzazione e all’informatizzazione di processi che troppo a lungo sono rimasti statici e spesso risultano complicati e costosi. Sistemi che sono nati in contesti molto diversi da oggi e che diventeranno sempre più un limite alla crescita e all’adattamento a un futuro che sarà pesantemente rivoluzionato da tecnologie come la blockchain, l’intelligenza artificiale, la robotica, la stampa 3d e molte altre. In molti si interrrogano su come riformare modelli di governance e istituzioni e gli esperimenti in corso sono ancora pochi e limitati. Il fatto che un colosso come la Cina si metta in gioco sperimentando è certamente una spinta ad approfondire e capire quale possa essere la strada per il futuro e farà certamente da traino per gli altri paesi che vorranno restare al passo con l’innovazione.

Cristina Pozzi

Co-founder e Amministratore Delegato di Impactscool. Speaker, Advisor e Angel Investor. In passato è stata co-fondatore e Direttore Generale di Wish Days