Banche italiane, un Comitato sul Digitale per valutare l'impatto delle tecnologie | Economyup

DIGITAL TRANSFORMATION

Banche italiane, un Comitato sul Digitale per valutare l’impatto delle tecnologie



Lunedì 23 settembre primo incontro tra ABI, l’associazione delle banche italiane, e sindacati sul rinnovo del contratto. Una delle principali novità è l’istituzione di una cabina di regia per governare il digitale e valutarne l’impatto sul lavoro. Ecco come dovrebbe funzionare e le perplessità dei sindacati

20 Set 2019


In un momento di svolta per le banche italiane, ricordiamo che dal 14 settembre è entrata in vigore la direttiva europea PSD2 sull’open banking, l’Abi (Associazione Bancaria Italiana) propone la creazione di un Comitato sul Digitale per gestire l’impatto delle nuove tecnologie sull’industria bancaria. È questa la grande novità del rinnovo del contratto dei bancari, al centro dell’incontro tra l’associazione di categoria e i sindacati lunedì 23 settembre. In agenda altri appuntamenti il 10 e il 24 ottobre su un tema che ovviamente coinvolge l’occupazione negli istituti di credito: sono circa 15mila gli esuberi solo nelle principali banche e altri se ne aggiungeranno nei prossimi mesi.

Banche italiane, come sarà e cosa farà il Comitato sul Digitale

L’idea di stabile quella che è stata battezzata come “la cabina di regia per governare il digitale” nelle banche italiane è stata lanciata in una lettera inviata da Salvatore Poloni, Presidente del Comitato per gli affari sindacali e del lavoro dell’Abi, ai sindacati. Si tratta, in sostanza, di un comitato che ha l’obiettivo di studiare l’impatto delle nuove tecnologie e della digitalizzazione sul comparto bancario. L’Abi, propone, dunque, la creazione di un organismo bilaterale paritetico composto da rappresentanti per ogni organizzazione sindacale che ha siglato il contratto nazionale e da un uguale numero di componenti Abi. Il comitato, che dovrebbe riunirsi ogni tre mesi, dovrebbe partire in via sperimentale e potrebbe elaborare eventuali proposte da sottoporre alle parti anche per possibili adeguamenti del contratto collettivo nazionale di lavoro.

Come l’innovazione sta cambiando (anche) il rapporto tra banche e PMI

Perché Abi vuole istituire un Comitato sul Digitale

La digitalizzazione e l’innovazione tecnologica sono importanti prospettive per un rinnovo contrattuale che sappia affrontare i grandi cambiamenti – si legge in una nota di Abi -, fornendo alle aziende e alle persone che vi lavorano gli strumenti per gestire in modo sostenibile la rapida evoluzione dei contesti produttivi, dei mercati e dei trend comportamentali della clientela.

WEBINAR
Digital360: partecipa al live streaming sui risultati della relazione finanziaria semestrale 2020
Amministrazione/Finanza/Controllo
CIO

Il nuovo contratto – puntualizza l’Associazione Bancaria Italiana – dovrà guardare alle nuove generazioni per attrarre i giovani esperti nelle professionalità emergenti del mondo dell’innovazione, che si affacciano al lavoro con esigenze diverse da quelle più tradizionali. Ecco perché un comitato sul digitale potrebbe risultare importante.

Leggi tutti gli articoli sulla trasformazione digitale in banca

Banche italiane, i dubbi dei sindacati sul Comitato sul digitale

In una nota congiunta, i sindacati hanno reso noti i dubbi sulla proposta avanzata da Abi. “Non ci convincono i requisiti e le competenze che Abi vorrebbe assegnare alla cabina di regia, che non potrà mai essere un semplice momento di monitoraggio, ma un luogo di contrattazione e di confronto sulle trasformazioni inerenti la digitalizzazione sia in fase nazionale sia nei gruppi e nelle aziende” spiegano. Ci sono poi dubbi su come le nuove tecnologie potrebbero influire sul contratto nazionale: “Non permetteremo fughe in avanti di quelle aziende che potrebbero cercare di realizzare, richiamando l’introduzione di nuove tecnologie, forme atipiche, parasubordinate o ibride di attività lavorative in deroga alle regole del contratto nazionale” riporta la nota sindacale. No, infine, alla forma sperimentale proposta da Abi: “Siamo completamente contrari. Niente sperimentazione, una volta raggiunta un’intesa sulle competenze e ruoli in sede di cabina di regia, la stessa dovrà essere parte integrante e stabile del nuovo contratto nazionale”.

Banche e lavoro, esuberi e assunzioni crollate dal 2012

Dei 290mila colletti bianchi che lavorano negli istituti della galassia Abi, quasi il 40% ha oltre 50 anni, e un altro 34% ha tra 40e 50 anni: i giovani 20-40enni sono dunque in minoranza, solo il 26% del totale, e solo il 2,8% ha una posizione dirigenziale. Del resto, negli ultimi 7 anni le assunzioni di nuove leve sono crollate, passando dalle 6.657 del 2012 alle 1.538 del 2018. Nonostante il rallentamento del turnover, però, la questione esuberi resta aperta: solo tra i due maggiori gruppi bancari italiani, Intesa Sanpaolo e Unicredit, sono oltre 15mila (9mila dei quali già usciti); a questi se ne aggiungono però altri 15mila tra Mps, Banco Bpm, Ubi Banca, Bper, Crédit Agricole, Carige e Bnl.