L'innovazione è di moda: che cosa cambia dietro le sfilate | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

L’innovazione è di moda: che cosa cambia dietro le sfilate



È andato in onda martedì 23 su Reteconomy (Sky816) il secondo appuntamento con il nostro magazine televisivo. A chiusura della Fashion week abbiamo fatto un focus sulle startup del settore, con la storia di Orange Fiber. In studio Alessandro Rimassa e la co-fondatrice di Lovethesign Laura Angius. Ecco come rivedere la puntata on demand

di Redazione EconomyUp

22 Set 2014


L’innovazione va di moda su Economyup, il programma sulle startup, il made in Italy e le eccellenze italiane condotto da Giovanni Iozzia nello studio del Talent Garden di Milano. È andata in onda su Reteconomy la seconda puntata, in cui abbiamo raccontato, tra i vari temi, l’innovazione che c’è dietro le sfilate e i party della Fashion Week milanese appena conclusa. Vi abbiamo fatto vedere anche un servizio su un evento che si è tenuto al Tag, lo Startup Weekend Fashion, a cui Economyup ha partecipato per cogliere le principali tendenze delle imprese innovative.

Clicca qui per rivedere la puntata

Due le storie della settimana. La prima è Orange Fiber, startup creata da due giovani donne siciliane che hanno brevettato un sistema per ricavare un filato dagli scarti degli agrumi: a EconomyUp hanno portato il prototipo del filo, che ricorda la seta, e di un tessuto con esso realizzato. 

L’altra storia di una nuova impresa, ma digitale, è quella di LoveTheSign (in studio con noi la co-fondatrice Laura Angius), piattaforma di e-commerce dedicata all’home design made in Italy: in due anni ha raccolto importanti finanziamenti e costruito una community di 800 mila iscritti.

L’innovazione è di moda anche nelle pubbliche amministrazioni e per la prima volta, a Torino, sindaci e amministratori hanno chiesto stimoli e consigli alle startup sui modi in cui creare nuova occupazione: EconomyUp c’era e ha raccolto i punti di vista del sindaco del capoluogo piemontese, Piero Fassino, e quello di Udine, Furio Honsell.

«Fare startup è un atto sociale», sostiene Alessandro Rimassa, direttore della Scuola di Management e Comunicazione dell’Istituto Europeo di Design, nel libro È facile cambiare l’Italia (se sai come farlo) di cui parla in una intervista in studio. Chiude la puntata Emil Abirascid: nella sua rubrica Startup Reporter ci racconta un modo diverso (e produttivo) di fare l’aperitivo. 

Redazione EconomyUp