Non siamo tutti Jack Dorsey, che ha donato 1miliardo di dollari contro il coronavirus, ma chi può deve dare | Economyup

TECNOLOGIA SOLIDALE

Non siamo tutti Jack Dorsey, che ha donato 1miliardo di dollari contro il coronavirus, ma chi può deve dare



Il fondatore di Twitter ha creato un fondo contro la pandemia dove ha messo quasi un terzo del suo patrimonio. Pochi hanno le sue possibilità economiche ma la sua scelta ci ricorda che siamo esseri relazionali e in situazioni di emergenza chi può deve dare (ciò che può). Anche la tecnologia aiuta a essere solidali

di Antonio Palmieri

10 Apr 2020


Jack Dorsey, founder di Twitter

Non siamo tutti Jack Dorsey. Il fondatore di Twitter ha donato quasi un miliardo di dollari per superare la crisi provocata dal Coronavirus.  Dorsey ha creato un fondo apposito, dove ha convogliato circa 19 milioni di sue azioni di Square, corrispondenti a 997 milioni di dollari, il 28% del suo patrimonio personale.

Non siamo tutti Dorsey, ma la morale che traggo dalla scelta del giovane miliardario americano è che chi può deve dare. In attesa di un intervento statale (mi astengo da commenti) chi può deve dare ciò che può.  

La tecnologia aiuta a essere solidali. Helpmi.me ti permette di destinare un “bond” al tuo negozio di fiducia. Uniteforitaly ti fa scegliere quale ospedale italiano sostenere. Sono solo due esempi di uso della tecnologia per donare. Ce ne saranno decine. Senza dire di chi continua a pagare i propri collaboratori anche se in questo momento non possono lavorare a causa delle restrizioni in essere. 

Chi può deve dare. Perché la vita si conquista donandola, ognuno come può. Siamo esseri relazionali. Da soli affondiamo, perché siamo sulla stessa barca. Lo ricordava qualche giorno fa il Papa. A proposito: buona Santa Pasqua a tutti.

Antonio Palmieri

Antonio Palmieri, milanese, esperto di comunicazione, deputato. Da quando c'è Internet sono curioso della Rete. Dal 2002 cerco di valorizzare le possibilità che il digitale offre per una vita migliore