L'innovazione fermerà (forse) la crisi, intanto la produttività non cresce… | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Scenari Economici

L’innovazione fermerà (forse) la crisi, intanto la produttività non cresce…

26 Nov 2015

Altri argomenti

Joel Mokyr, della Northwestern University, terrà una lezione a Milano su “Il futuro dell’innovazione” proponendola come ricetta contro la stagnazione: vero, ma solo sul lungo periodo

Joel Mokyr
Il professor Joel Mokyr, della Northwestern University, è stato invitato da Politecnico di Milano e Fondazione Telecom Italia a tenere una lezione su “Il futuro dell’innovazione: sono finiti i bei tempi andati?” La lezione è in programma il 30 novembre dalle 10:30 in Politecnico, in aula F.lli Castiglioni, Via Candiani 72, Milano [dettagli del programma e link per l’iscrizione qui ]



Innovazione. Parola ormai sulla bocca di tutti. Giustamente, perché senza di essa il mondo non va avanti, nel senso che senza di essa non avremmo prodotti migliori e prodotti nuovi, tangibili o intangibili; non avremmo la possibilità di produrre merci e servizi a costi decrescenti, cioè con produttività crescente; non avremmo visto uno spostamento epocale di forza lavoro dalle mansione operaie e impiegatizie che tradizionalmente abbiniamo al funzionamento del capitalismo verso professioni crescentemente più ricche in capitale umano, e quindi (presumibilmente) di maggior soddisfazione per chi lavora. Insomma, è un fatto molto positivo che il professor Mokyr venga a parlarci di una cosa tanto importante.



Sarà bene dire subito che la tesi generale di Mokyr è difficilmente contestabile, e che anzi è essa condivisa da tutti gli economisti: nel lungo periodo è solo l’aumento della produttività, abbinato a gradi e tipi diversi di innovazione, che produrrà crescita. L’errore più grande che si possa fare nel cercare di determinare se vi sarà crescita o meno, dice Mokyr, sta nel dimenticare il ruolo propulsivo della tecnologia. E io sono con lui. Chi non ricorda le risate a crepapelle suscitate dal Club di Roma e dell’MIT all’inizio degli anni Settanta, quando prevedettero l’esaurimento del petrolio entro l’anno 2000? Non capivano il ruolo del progresso tecnico. E quindi non potevano immaginare che un giorno avremmo potuto sfruttare le prospezioni satellitari, le sabbie bituminose del Canada, o lo shale gas, o… Punto. Ma, ci si chiederà, se il punto non è controverso, qual è la materia del contendere? Eccola. È quella nel titolo del talk di Mokyr.



Con l’inizio della crisi da mancanza di credito nel 2007, e la successiva difficoltà dell’economia mondiale a tornare a livelli di crescita del Pil pre-2007, si è diffuso nella professione un quesito grave: forse che una crisi così lunga, una difficoltà così marcata a ‘ripartire’, siano il segno dell’inizio di una fase di stagnazione secolare? [Espressione questa non nuova nella letteratura economica, la quale la registra già negli anni ’30 del secolo scorso, e con la quale si intende indicare una fase protratta di tassi di crescita stabilmente bassi o bassissimi.] Quesito non da poco, per tutti noi che siamo nati e vissuti in un ambiente economico sistematicamente in crescita, in economie miste di Stato e mercato, un modello il quale tra il 1947 e il 2007 ha sperimentato sì delle recessioni e delle stagnazioni, ma sempre di durata e di gravità non comparabili a ciò che sta succedendo dal 2008.



Il professor Mokyr ci dice che le crisi ci sono sempre state, e che anche da questa si uscirà come si è usciti dalle altre, con un meccanismo in cui l’innovazione, le invenzioni e il progresso tecnico giocheranno un ruolo fondamentale. Ora, e come dicevo già all’inizio di questo pezzo, personalmente ritengo che la proposizione sia vera, ma che lo sia a patto che sia riferita al ‘lungo periodo’, cioè a quel lasso di tempo che gli economisti identificano come quello stato di natura in cui i prezzi sono flessibili e vi è piena occupazione di lavoro e capitale. Ecco dunque che tanto più sostenuto, diffuso, rapido e rivoluzionario il processo di innovazione, tanto prima si uscirà da questa stagnazione che molti (tra cui io) definiscono ‘secolare’



Che cosa dicono i critici di questa ‘via’ di uscita dalla stagnazione globale? Essi sostengono, e qui sta il nodo della discussione, che ciò che caratterizza questa lunga crisi è, nonostante il gran parlare di innovazione, sharing economy, digital revolution, disruptive innovation and i-whatever, una sostanziale carenza di aumento della produttività. Senza la quale, e siamo di nuovo tutti d’accordo, niente ripresa. [A meno che, sia detto per inciso, non vi sia una ripresa delle politiche fiscali attive, dicono i sostenitori della tesi della ‘stagnazione secolare’, una ripresa la quale dia il tempo e il motivo alle forze del progresso tecnologico e dell’innovazione di affermarsi in tutta la propria potenza.]



Al che, cosa risponde il professor Mokyr? Beh, questo sarà il cuore della sua lezione, e vorrei lo sentissimo tutti direttamente da lui, lunedi mattina.

 

Altri argomenti

Articoli correlati