Ecco come Twitter rende accessibili le immagini | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Tecnologia solidale

Ecco come Twitter rende accessibili le immagini

01 Apr 2016

Il social ha dato la possibilità di inserire una descrizione testuale dell’immagine che accompagna il proprio tweet. In questo modo il contenuto sarà “leggibile” anche da chi non è in grado di vedere, usando le abituali tecnologie assistive

Il mio social preferito è Twitter e uno dei miei campi di attività come deputato attento al digitale è quello della accessibilità. Per questo ho letto con piacere la notizia che Twitter intende favorire la visione delle immagini per le persone che hanno problemi di vista. Come? Dando la possibilità di inserire una descrizione testuale dell’immagine che accompagna il proprio tweet. In questo modo il contenuto sarà “leggibile” anche da chi non è in grado di vedere, usando le abituali tecnologie assistive.

La descrizione dell’immagine potrà avere una lunghezza massima di 420 caratteri. Un bel margine, rispetto ai 140 disponibili per un tweet. Chi è abituato a usare Twitter con questo “esagerato” numero di caratteri a disposizione potrà fare delle descrizioni articolate e magari aggiungere anche un di più di contenuto.

Inoltre la descrizione dell’immagine aiuterà anche ad avere un miglior posizionamento nei motori di ricerca. Insomma, come dico dal 2002, un sito (in questo caso un social) accessibile è più vantaggioso per tutti…

Attenzione, però! Questa novità riguarda le applicazioni di Twitter per iPhone, iPad e Android, ma non è automatica. Se desideri inserire una descrizione della foto devi aggiornare la tua app e quindi abilitare la funzione nella sezione “accessibilità” delle impostazioni. In poche parole, parafrasando il sommo poeta, accessibilità vo cercando che m’è sì cara…e con questa nuova funzione la puoi trovare e condividere. E così arricchire la tua comunicazione e facilitarne la comprensione.

 

di Antonio Palmieri

Articoli correlati