CREATIVITÀ | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Manifesto

CREATIVITÀ

11 Nov 2013

C’è una tecnologia unica e inimitabile che si chiama creatività. È facile da esportare ma difficile da copiare. Non ha limiti di applicazione. E farà la differenza nella competizione internazionale. L’Italia ha tutte le carte in regola per cogliere questa opportunità ed essere protagonista: la nostra storia e la nostra cultura ci rendono credibili, dal mens sana in corpore sano dei Romani, al Rinascimento, alle eccellenze del design, della moda e dei food di oggi

Nerio Alessandri, fondatore e amministratore delegato di Technogym
In uno scenario in cui l’innovazione si muove sempre più velocemente ed in cui il web sta rendendo le informazioni una commodity – disponibili a tutti in maniera facile e veloce – la vera nuova tecnologia che farà la differenza  nella competizione internazionale sarà rappresentata dalla creatività delle persone.

Fino a qualche decennio fa il fattore competitivo su cui si concentravano investimenti, risorse e tecnologie era rappresentato dall’innovazione di prodotto, poi si è passati all’innovazione di processo, poi all’innovazione sui servizi fino ad arrivare all’innovazione sul modello di business.

Un percorso evolutivo che evidenzia un preciso filo conduttore: la tecnologia è sempre più integrata all’esperienza ed allo stile di vita della persona, che finalmente torna al centro. Rimettere l’uomo al centro significa investire in capitale umano ed in qualità della vita per creare le condizioni culturali, sociali ed ambientali necessarie ad essere competitivi – sia come singole aziende, sia come sistema Paese – nella nuova economia della creatività.

Sono molto convinto che l’Italia abbia tutte le carte in regola per cogliere questa opportunità ed essere protagonista; la nostra storia e la nostra cultura ci rendono credibili, dal mens sana in corpore sano dei Romani, al Rinascimento, alle eccellenze del design, della moda e dei food di oggi. Se riusciremo a mettere a sistema le nostre unicità ci possiamo posizionare come primo produttore mondiale di benessere, la benzina della creatività.

di Nerio Alessandri, fondatore e amministratore delegato di Technogym

  • ComputArte

    Che la creatività sia un valore , lo sanno in molti …soprattutto coloro che non ne hanno tanta, ma che hanno la tecnologia per spiare… e come è strutturata la rete e la tecnologia atta a fruirne, tradurre la creatività in bit ( anche solo scriverla in un documento elettronico ) potrebbe essere fatale…

Articoli correlati