Bel niente, fuffa, mangiafuoco: quanto colore e semplificazione! | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Il dibattito

Bel niente, fuffa, mangiafuoco: quanto colore e semplificazione!



È cominciato il “tiro al piccione” sulle startup, dice il Segretario generale di Italia Startup, rispondendo alla provocazione di Camisani Calzolari. «L’ecosistema è sano. Come dimostrano la dura selezione che c’è all’inizio, gli investimenti e il credito»

di Federico Barilli

03 Lug 2014


Federico Barilli
Ci si è messa per prima Barbara Palombelli Startup: parola magica che non ha prodotto un bel niente“, poi Flavio BriatoreLe startup? Una fuffa, aprite una pizzeria”, buon ultimo è arrivato Marco Camisani Calzolari: “Le startup sono un teatrino con troppi mangiafuoco“. 

Un vero e proprio tiro al piccione, da parte di persone che, con rispetto parlando, non sono molto addentro al settore e sentenziano in modo eccessivamente colorato e semplificato.

L’ecosistema italiano delle startup, come tutti gli ecosistemi (quelli naturali così come quelli economici), è fatto di tante componenti, alcune negative, altre positive, ma è certamente vivo e sano. Porto quattro esempi concreti per dimostrarlo.

► La selezione delle idee imprenditoriali da parte degli incubatori strutturati e seri è durissima. E gran parte delle startup che poi diventano adulte passano da lì. I 25mila euro citati da Calzolari sono concessi alle startup neoincubate dopo un processo selettivo che consente, mediamente, a 1 idea d business su 100 di entrare al primo stadio di incubazione (early stage). 

►  La selezione prosegue anche dopo ed è altrettanto dura. Solo 2 o 3 delle startup incubate su 10 arrivano ai round di finanziamento successivo, che siano effettuati dagli stessi incubatori o da business angels o da venture capitalist. E questi tre soggetti non regalano niente a nessuno. Con clausole contrattuali spesso stringenti per chi viene finanziato. I team devono essere solidi. Il progetto convincente. Il mercato già avviato. Le prospettive reali e concrete. 

► Anche il mondo industriale non fa sconti a nessuno. Tre esempi recenti: Cerved Group che entra nel capitale di Spazio Dati; Gruppo CGN che entra nell’equity di ModeFinance; Technogym che investe nella startup FitStadium. Tre progetti di corporate venture capital seri, che hanno comportato due diligence complesse e un’inevitabile selezione nell’individuazione della startup che fa al caso dell’impresa matura.

Digital360 awards
Presenta il tuo progetto digitale ad una platea di CIO delle più importanti aziende
Digital Transformation
Open Innovation

► Perfino il mondo bancario, criticato per essere lontano dal mondo delle startup, ora sta investendo. Grazie al provvedimento relativo al Fondo di garanzia statale, sono oltre 50 i milioni di euro prestati a medio termine dalle banche a quasi 120 startup (in meno di 1 anno), con tagli medi di investimento superiori ai 300mila euro. E la prospettiva potrebbe essere che a fine anno l’importo dei prestiti bancari a supporto delle startup innovative raggiunga quello degli investimenti cosiddetti istituzionali (business angels + venture capital) che è pari a oltre 100 milioni.

Le competizione quindi è severa e chi ci vuole provare deve sapere che anche in questo sistema non ci sono vie facili e semplificate.

Il teatrino delle startup non esiste. Esiste un mercato delle startup. E come tutti i mercati ha i suoi attori, le sue regole, le sue selezioni e le sue opportunità.

Non c’è dubbio che l’Italia sia indietro quanto a investimenti in giovani imprese innovative rispetto ad altri Paesi. Ma è altrettanto indubbio che i processi di selezione siano duri quanto quelli degli altri Paesi. Il nostro ha però una carta in più che alcune imprese consolidate hanno già iniziato a giocare ed è quello del corporate venture capital: se il sistema industriale (made in Italy e non solo) comincia a investire seriamente in questo ecosistema (e i segnali ci sono tutti) allora potremmo recuperare gran parte del gap e diventare anche noi una startup nation, con un modello originale oltre che sano. 

* Federico Barilli è Segretario generale di Italia Startup

Federico Barilli

È Direttore di Italia Startup. È stato Direttore Generale di Confindustria Digitale e Direttore di Assinform.