Automotive, contrordine da Apple: "Non costruiremo driverless car" | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

STRATEGIE

Automotive, contrordine da Apple: “Non costruiremo driverless car”

di Luciana Maci

24 Ago 2017

La multinazionale stava lavorando allo sviluppo di un’automobile a guida autonoma, in diretta concorrenza con Google, Tesla e altri player tecnologici. Ora però il capo progetto Bob Mansfield avrebbe deciso, in contrasto con alcuni manager, di virare sulla fabbricazione di sistemi tecnologici per conto terzi

Contrordine: Apple non farà la “Apple Car”. O meglio, dovrebbe dedicarsi alla costruzione di sistemi per auto a guida autonoma, ma non alla fabbricazione di una driverless car in proprio. Lo riferiscono indiscrezioni del New York Times, secondo le quali la decisione scaturisce da pareri contrastanti tra i vertici della multinazionale tecnologica su questo argomento. 

♦ ANNI DI LAVORO – Il big di Cupertino è al lavoro da qualche anno alla fabbricazione di un’automobile a guida autonoma. Nel 2015 il Guardian aveva rivelato che stava costruendo la sua iCar ed era addirittura già pronto a testare i primi prototipi in un luogo sicuro da individuare nell’area della Baia di San Francisco.

Auto senza conducente, Apple Car verso i primi test

Uno dei suoi obiettivi era sfidare Google, all’opera sulla Google Car, ma anche e soprattutto le tante case automobilistiche interessate al business. I dipendenti di Apple impegnati in questa attività hanno sperimentato una serie di nuove tecnologie, dal cruscotto in realtà aumentata a un sistema operativo completamente nuovo, battezzato “CarOs” che consente di sostituire il volante dell’auto con una sfera ruotante, in grado di offrire una capacità di movimento più ampia. I tecnici hanno inoltre cercato modi di nascondere il vettore Lidar ( tecnica di telerilevamento che permette di determinare la distanza di un oggetto o di una superficie utilizzando un impulso laser), spesso utilizzato dalle auto a guida autonoma che ottenere informazioni sull’ambiente che le circonda.

♦ I CONTRASTI – Tuttavia i manager di Apple non sono riusciti a trovare un accordo sulla strategia aziendale da perseguire. Il guru del design della società, Jony Ive, voleva puntare su un veicolo a guida totalmente autonoma come quello in costruzione da parte di Waymo, spinoff di Google.

Nasce Waymo, società di driverless car lanciata da Google

D’altra parte il manager alla guida del progetto originale, Steve Zadesky, voleva che la Apple Car fosse semi-autonoma, come i veicoli di Tesla quando sono controllati dalla funzione “autopilota”. L’attuale capo-progetto, Bob Mansfield, ha preferito virare verso la costruzione di sistemi per driverless car, anche se potranno essere installati in veicoli non fabbricati da Apple. A questo scopo l’azienda ha ottenuto di recente un permesso per testare le auto innovative in California.

♦ Driverless Cars, Auto a guida autonoma

I primi tentativi di creare le auto “che si guidano da sole” sono cominciati negli anni Settanta, ma l’assenza di tecnologie adeguate ha fatto sì che, per anni, restassero solo progetti. Con lo sviluppo di computer molto piccoli e potenti, del sistema GPS e soprattutto dell’Intelligenza Artificiale, le auto a guida autonoma stanno per diventare una realtà. Nomi eccellenti dell’industria automobilistica quali Bmw, Audi, Volvo, Mercedes, Toyota, Nissan, Jaguar, Land Rover Fca si stanno dando da fare in questo senso. Ma, com’era prevedibile, il mercato attrae anche i big della tecnologia.

Intelligenza artificiale, ecco come rivoluzionerà il mondo delle auto

“Nel lungo periodo nessuno comprerà un’auto che non sia autonoma: possedere un veicolo che non si guida da solo sarà come avere un cavallo. Potrai tenerlo e usarlo per ragioni sentimentali, ma non per un uso quotidiano” ha detto Elon Musk, numero uno di Tesla, società statunitense dell’automotive e dell’energia. Non a caso Tesla, insieme a Google, è uno dei colossi internazionali più impegnati nello sviluppo della self driving car o driveless car. Entrambi stanno investendo milioni di dollari in questo tipo di tecnologia e nei team di Ricerca e Sviluppo che se ne devono occupare. Fino ad oggi anche Apple era della partita, prima di ripensare alla propria strategia aziendale. Persino un outsider come Uber, player della marketplace economy, sta sperimentando l’AI per le self driving car. Dopo aver assunto centinaia di ingegneri e alcuni meccanici, la startup di San Francisco, nata per fornire un’applicazione per chiamare un autista da smartphone, ha annunciato una flotta di Volvo a guida totalmente autonoma per il 2021. La società sembra convinta che, per quella data, gli autisti al suo servizio si estingueranno a Pittsburg, la località dove ha intenzione di cominciare i primi test.

  • 14 Share
Luciana Maci
Giornalista

Ho partecipato al primo esperimento di giornalismo collaborativo online in Italia (Misna). Sono dal 2013 in Digital360 Group, prima in CorCom, poi in EconomyUp. Scrivo di innovazione ed economia digitale

Articoli correlati