Anche la 1000Miglia corre verso le startup | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Open innovation

Anche la 1000Miglia corre verso le startup

23 Lug 2014

La storica competizione automobilistica inizia una collaborazione con Superpartes Innovation Camp di Brescia per portare nuove idee nel settore automotive. In autunno, in concomitanza con il lancio dell’edizione 2015 della gara, la prima selezione di progetti con un premio da 50mila euro.

Aziende tradizionali che vanno incontro alle startup e viceversa. È così che dovrebbe girare il sistema produttivo in Italia. Ma non accade ancora abbastanza spesso. Qualcosa però comincia a muoversi. L’ultimo caso è la collaborazione tra il mito di qualche epoca fa e una realtà decisamente innovativa. Stiamo parlando dell’accordo di business partnership tra 1000Miglia, la storica competizione automobilistica,  e Superpartes Innovation Campus, Il polo di open innovation bresciano.

[Superstarter, 40 mila euro per le startup “open”]

In particolare, l’accordo vedrà un’importante sinergia tra le esperienze e le competenze del mondo startup portate da Superpartes Innovation Campus e il mondo dell’automotive dove 1000Miglia rappresenta non solo una corsa su strada, ma un laboratorio in cui le case automobilistiche sperimentano innovazioni tecnologiche.

Il primo passo dell’intesa vede il coinvolgimento del Superpartes Innovation Campus in Officina Mille Miglia Motore di idee, concorso rivolto a talenti dai 18 ai 35 anni, italiani ed internazionali. Il migliore progetto presentato riceverà un premio in denaro di 50 mila euro messo in palio da Officina Mille Miglia. Mentre il polo bresciano fornirà un periodo di incubazione nel quale i vincitori potranno usufruire degli spazi del campus e del supporto dei soci che lavoreranno gomito a gomito con gli startupper per condividere le proprie competenze di business e di tecnologia. L’obiettivo? Mettere sul mercato una startup competitiva nel settore automotive.

[Google car, 8 domande sull’auto che si guida da sola]

Le candidature al contest sono state 26. Gli esiti della selezione e la short list con i cinque progetti considerati migliori saranno comunicati all’inizio del prossimo autunno, in concomitanza con il lancio dell’edizione 2015 della Mille Miglia.Il che sottintende anche l’ingresso di Superpartes nella compagine del progetto Officina Mille Miglia: la compagnia, in qualità di incubatore, sarà al fianco di 1000Miglia nello sviluppare il progetto vincitore e trasformarlo in un’azienda vera e propria.

Il connubio crea valore per entrambe le realtà. 1000Miglia può aggiungere alla sperimentazione idee più giovani e innovative. Superpartes si può fregiare della collaborazione e offrire possibilità a un giovane team che poi verrà incubato e fatto partire anche grazie all’appoggio e al supporto economico di 1000Miglia.

[Startup, ecco i 10 luoghi comuni da sfatare secondo Emil Abirascid]

Ed è proprio questa l’idea che i giovani europei di oggi portano avanti. Qualche settimana fa a Venezia, in occasione di Restart Europe, uno dei tavoli di lavoro degli innovatori ha proposto di istituire degli scambi tra startup e aziende: il manager dell’impresa tradizionale che affronta un periodo di lavoro in una startup e viceversa. Perché – hanno spiegato durante l’incontro – le grandi aziende hanno tanto da imparare e assorbire dall’energia positiva e dalle idee innovative degli startupper. E questi ultimi possono imparare da imprese radicate e con una struttura ben delineata.

di Giulia Cimpanelli

Articoli correlati