Smartika, aumento di capitale da 4,5 milioni: entra un VC inglese

La piattaforma italiana di prestito tra privati accoglie l'ingresso di nuovi soci, tra cui il fondo londinese Hamilton Ventures che entra nella compagine societaria attraverso il proprio veicolo di private equity AFTH. Le nuove risorse saranno puntate sul rafforzamento di IT, credito, comunicazione e marketing

Fintech

Aumento di capitale da 4,52 milioni di euro per Smartika, la piattaforma italiana di social lending fondata nel 2012 da Maurizio Sella. L’operazione, già autorizzata da Banca d’Italia, è stata coordinata dalla Hamilton Ventures di Londra, boutique di merchant banking focalizzata su investimenti nei settori hi tech e fintech e vigilata dalla Financial Conduct Authority (FCA).

La compagine della società, oltre a Maurizio Sella e al gruppo di investitori e imprenditori che hanno supportato Smartika fin dalla sua nascita, si ingrandisce anche con soci provenienti dall’estero. Il fondo Hamilton Ventures, fondato nel 2009 e guidato da Gustavo Perrotta e da Peter Middleton, ha anche preso parte direttamente all’aumento di capitale attraverso il veicolo di private equity che gestisce, AFTH. Inoltre, all’aumento hanno partecipato anche la holding di investimento Tp&Partners, l’investitore Luigi Cosenza e altri investitori.

Smartika, che afferma di aver chiuso il 2015 con un fatturato di circa 300 mila euro e conta su una community di 5.791 prestatori attivi, oltre 4.100 prestiti erogati per un importo di 20,8 milioni di euro, utilizzerà le nuove risorse a disposizione - si legge in una nota - “per consolidare la leadership nel peer to peer lending in Italia rafforzare la struttura organizzativa, in particolare attraverso il potenziamento dell’area IT, delle aree Credito, Comunicazione e Marketing".

Nello specifico - spiegano dalla società - “si agirà nell’area IT con investimenti sulla sicurezza in primis e sulla scalabilità della piattaforma a sostegno di volumi in forte crescita, nell’area Credito per migliorare la prevedibilità e la rapidità del processo di approvazione del credito e nel Marketing per rendere il servizio dei prestiti tra privati di Smartika più conosciuto sul mercato”. 

Le nuove forme dell’economia e della finanza, basate sul connubio internet-condivisione, stanno prendendo piede anche nel nostro paese e, in un momento in cui le erogazioni di prestiti personali ammontano a 25 miliardi di euro di cui 1,3 miliardi viene concesso online, pensare che l’erogato complessivo dei prestiti tra privati potrà espandersi nei prossimi 2-3 anni fino a quota 300 milioni di euro è più che realistico” ha commentato Maurizio Sella, presidente di Smartika.

Con l’aumento di capitale cambia anche la governance di Smartika: presidente del consiglio di amministrazione è il fondatore Maurizio Sella, amministratore delegato Luciano Manzo e consiglieri di amministrazione sono Tommaso Pompei, Gustavo Perrotta, Pierluigi Loy Donà, Stephen Andrew Fitch e Pierpaolo Guzzo.

Articoli Correlati

Crowdfunding in Italia verso il raddoppio: vale 56,8 milioni. Grazie (anche) al Fintech

La ricerca

Il crowdfunding "salva" un carteggio di Verdi

Raccolta fondi online

Lending Crowdfunding, quali opportunità in Italia?

Appuntamenti