XPrize Ibm Watson: spazio a 10 startup italiane per il premio da 5 milioni di dollari (tra 4 anni) | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

La gara

XPrize Ibm Watson: spazio a 10 startup italiane per il premio da 5 milioni di dollari (tra 4 anni)

19 Ott 2016

Prende il via la selezione per il contest internazionale di idee innovative sull’Intelligenza Artificiale. Per candidarsi c’è tempo fino al 15 gennaio 2017, poi la competizione si svilupperà in una serie di round. Ma l’assegnazione dei premi avverrà soltanto nell’estate 2020

Ci saranno anche 10 startup italiane a concorrere per la prossima edizione dell’XPrize Ibm Watson, una competizione globale che mette in palio 5 milioni di dollari e che nasce con l’obiettivo di incentivare lo sviluppo di tecnologia in ambito Intelligenza Artificiale (AI). Il percorso però è insolitamente lungo: i vincitori saranno proclamati solo nell’estate del 2020.

La selezione dei partecipanti italiani è iniziata in questi giorni e si concluderà entro il 15 gennaio 2017. Sarà il primo gradino per arrivare alla scelta finale dopo un serrato confronto tra tutte le proposte giunte a livello internazionale. 

La Fondazione XPrize, in collaborazione con Ibm – azienda che sta investendo fortemente nel sistema di cognitive computing Watson – ha indicato come “ambassador” italiano Emilia Garito, Ceo di Quantum Leap, società leader in Italia per le attività di trasferimento tecnologico. A Emilia Garito spetterà il compito di scegliere i dieci italiani che rappresenteranno il nostro Paese in una delle competizioni internazionali più qualificate e più connesse allo sviluppo e all’innovazione tecnologica del futuro.

“E’ una grande opportunità per valorizzare le eccellenze italiane legate al mondodell’Intelligenza Artificiale. Una sfida internazionale – spiega Garito – che consentirà a un gruppo selezionato di startupper italiani di competere a livello globale e di partecipare attivamente allo sviluppo di un futuro migliore per tutta l’umanità. Le applicazioni dell’AI stanno già cambiando il mondo, il modo di vivere di tutti i giorni. La scelta premierà le startup che sapranno coniugare l’Intelligenza Artificiale con nuove e più efficienti soluzioni per migliorare la qualità della vita. C’è un senso etico da progettare,  coltivare e soprattutto preservare sulla nuova frontiera dell’interazione uomo-macchina”.

La competizione mira proprio a dimostrare come dalla collaborazione tra uomini e macchine intelligenti si possano affrontare e vincere alcune tra le più grandi sfide del mondo, in alcune delle aree più importanti della vita delle persone: la salute, l’educazione, l’energia, la mobilità.

Chi vorrà partecipare alla selezione, dovrà inviare la sua candidatura (riferimenti e contatti, oltre a una breve illustrazione dell’idea, in non più di 800 caratteri) all’indirizzo:info@quantumleap-ip.com

La Fondazione XPrize è una delle maggiori organizzazioni internazionali votata a promuovere lo sviluppo dell’innovazione attraverso la formula di una competizione globale: una gara planetaria di idee e di soluzioni innovative. Sono diversi i premi in palio. E diverse le aziende che li sponsorizzano. Ibm, che da anni ha sviluppato la sua Fondazione Watson per investire in “cognitive computing” e Intelligenza Artificiale, ha scelto di sostenere con un premio di 5 milioni di dollari una ricerca mirata a individuare nuovi progetti di Intelligenza Artificiale rivolti al miglioramento delle condizioni di vita nei campi della salute, dell’educazione, dell’energia e dell’ambiente.

LA SELEZIONE. XPrize Ibm Watson è una competizione che si svilupperà nel corso di quasi quattro anni, con quattro round di confronto e dimostrazioni successive. Il percorso è stato avviato in queste settimane e avrà un suo primo step il 15 gennaio 2017, quando si chiuderanno le iscrizioni al premio. Per accelerare la fase di individuazione delle startup e per avere maggiore garanzia della preliminare selezione delle stesse, in tutti Paesi sono stati scelti dalla Fondazione degli “Ambassador” che a loro volta individueranno gli sfidanti: tutti esperti, sviluppatori, innovatori di sistemi di software nel mondo dell’Intelligenza Artificiale.

LA COMPETIZIONE. Il primo round della competizione, a cui parteciperanno tutti i soggetti selezionati dagli ambassador nazionali, si svolgerà a ottobre 2017. Dopo le prime eliminazioni ci sarà un secondo round a ottobre 2018 e la semifinale, per selezionare i tre finalisti mondiali, a settembre 2019. In aprile 2020 l’assegnazione dei premi.

IL PREMIO. Il montepremi di 5 milioni di dollari sarà diviso tra i primi tre classificati: 3 milioni di dollari al primo classificato e 1 milione ciascuno agli altri due.

 

 

Luciana Maci
Giornalista

Ho partecipato al primo esperimento di giornalismo collaborativo online in Italia (Misna). Sono dal 2013 in Digital360 Group, prima in CorCom, poi in EconomyUp. Scrivo di innovazione ed economia digitale

Articoli correlati