Startup italiane all'estero: 10 milioni all'olandese Kryptomon

VIDEOGIOCHI & BLOCKCHAIN

Startup italiane all’estero: 10 milioni all’olandese Kryptomon



Kryptomon, fondata ad Amsterdam da due italiani (Umberto Canessa Cherchi e Bartolomeo De Vitis), ha chiuso un round da 10 milioni di dollari a otto mesi dalla fondazione. Ha creato un videogioco basato sulla blockchain che unisce le meccaniche di Pokemon con quelle di Tamagotchi e CryptoKitties

31 Mag 2022


A soli 8 mesi dalla costituzione, Kryptomon, startup fondata da italiani in Olanda, fornitrice di un videogioco basato sulla blockchain che unisce le meccaniche di Pokemon con quelle di Tamagotchi e CryptoKitties, ha concluso un round di private funding del valore di 10 milioni di dollari. Il round è stato guidato da NFX , con ulteriori fondi provenienti da PLAYSTUDIOS ($MYPS), Tal Ventures, Griffin Gaming Partners e Vikram Pandit, ex-CEO di Citigroup.

Il finanziamento della realtà basata in Olanda arriva dopo il successo del lancio della Fase 1 di Kryptomon all’inizio del 2022, alimentato da due vendite record di Mystery Box sul marketplace NFT di Binance. Dalla sua nascita la community Kryptomon si è espansa fino a raggiungere quasi 500 mila follower sui social feed generando un volume di 13 milioni di dollari in transazioni di NFT in meno di 5 mesi.

Il finanziamento, si legge in un comunicato, fornisce a Kryptomon le basi per concentrarsi sulla prossima fase di implementazione del gameplay, compreso un sistema di combattimento tra allenatori.

Una startup fondata da italiani a Amsterdam

La società è stata costituita ad Amsterdam da Umberto Canessa Cerchi, già co-founder di una startup a Roma, “Save One Seat”,  insieme a Bartolomeo De Vitis.

WHITEPAPER
Customer Data Platform: cos'è e perché apre una nuova era per i marketer
Big Data
CRM
Umberto Canessa Cherchi, co- founder di Krytpomon

“Cosa posso dire agli startupper italiani? La prima cosa che mi viene in mente – scrive il founder su Linkedin in risposta a Gianmarco Carnovale, socio de “Le Cicogne”, startup fondata a Roma da Monica Archibugi, moglie di Umberto –  è il non restare chiusi nei propri confini, sia riguardo al team, agli early adopters e in seguito ai VC. Credo che il fatto di esser basati in Olanda e anche un po’ fuori dall’ecosistema olandese ci abbia spronato a guardare ad altri lidi e abbiamo imparato che alla fine non importa dove tu sia o quale sia la tua nazionalità, se hai un team forte, una buona early execution, il mondo è aperto”.

Che cosa fa Kryptomon

Nel metaverso di Kryptomon, i player giocano come “Allenatori” che si prendono cura delle loro creature NFT, che hanno un codice genetico unico e mutevole composto da 38 parametri randomizzati che determinano le loro caratteristiche fisiche e comportamentali. I Kryptomon sono in grado di imparare, ammalarsi, avere fame e proteggere i loro allenatori durante le loro avventure nel mondo reale. A loro volta, gli allenatori dovranno curare, nutrire e addestrare i loro Kryptomon per crescere e prepararsi al meglio alle battaglie che li attendono. Kryptomon mira a fare parte del prossimo passo nell’evoluzione dei giochi crypto e del Metaverso, utilizzando la blockchain, la genetica digitale e le tecnologie basate sulla geolocalizzazione.

Kryptomon reinventa i giochi basati sulla blockchain, creando un metaverso interattivo composto di creature NFT viventi e collezionabili all’interno di un mondo incentrato sulla propria community. Unendo il fascino nostalgico ai videogiochi moderni, Kryptomon mantiene la qualità del world building dei Pokémon incorporando la tecnologia blockchain vista in titoli come Splinterlands. La vastità del mondo virtuale del progetto dà la priorità alla gameplay experience incoraggiando l’esplorazione mentre i giocatori possono scoprire NFT, $KMON coin e add-on conquistabili attraverso i treasure hunt mensili in realtà aumentata. Inoltre, gli “allenatori” di Kryptomon possono vendere, scambiare e creare NFT attraverso il KMarket dove è possibile anche acquistare la loro prima creatura. Il recente investimento consentirà di continuare lo sviluppo del gioco e di pianificare i suoi passi successivi al lancio dello stage 1, avvenuto all’inizio di febbraio. Kryptomon sta inoltre espandendo le sue meccaniche di Play & Earn, unendo il gameplay del Metaverso con il mondo reale.

Chi sono gli investitori

NFX è il principale investitore che ha guidato il round di finanziamento. In qualità di venture firm specializzata in pre-seed e seed-stage, il roster di NFX spazia in tutti i settori industriali e ha fatto parte dei primi investitori in aziende come Lyft, Playtika, Patreon e innumerevoli altre. Agli investimenti di NFX si aggiungono quelli di PLAYSTUDIOS, azienda leader nello sviluppo e publisher nel mobile gaming, famosa per permettere ai suoi giocatori di guadagnare benefits nel mondo reale attraverso i suoi playAWARDS Play-and-Earn loyalty platform. Tra gli investitori di Kryptomon figura inoltre Vikram Pandit, ex-CEO di Citigroup.

“Kryptomon ha il potenziale di lasciare un segno indelebile nel Metaverso e nell’ecosistema dei giochi Play-and-Earn”, ha spiegato Gigi Levy Weiss, General Partner di NFX. “NFX è orgogliosa di contribuire a un progetto che mette al primo posto la costruzione di community e che si pone come pioniere nel reinventare l’integrazione tra il gameplay del mondo reale e gli asset digitali”.

“Siamo incredibilmente orgogliosi di questo round di finanziamento che ha ampiamente superato il nostro obiettivo iniziale di 8 milioni di dollari dopo la prima fase di lancio del gioco”, afferma Umberto Canessa, Fondatore e CEO di Kryptomon. “Questo sostegno da parte di NFX e degli altri investitori è un trampolino di lancio per continuare a sviluppare il nostro progetto aiutandolo a diventare un vero mondo immersivo, sfruttando una tecnologia blockchain davvero senza precedenti. Questo ci permette la realizzazione di una comunità e universo di gioco che abbiamo sognato di creare fin dall’infanzia.