Sgnam, quando una startup accelera grazie al cloud | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

SALTO DI QUALITÀ

Sgnam, quando una startup accelera grazie al cloud

20 Mag 2014

Sgnam, piattaforma per ordinazioni online, è la prima neo-impresa ad accedere al programma Aruba Cloud Startup dopo essere stata incubata da Nana Bianca. Ha così potenziato l’infrastruttura nei picchi di traffico e risparmiato sui costi

Il cloud può accelerare il successo di una startup. È il caso di Sgnam, piattaforma real-time web e mobile per ordinare a domicilio da ristoranti e pizzerie presenti in zona e prima startup ad accedere al programma Aruba Cloud Startup: attraverso un credito cloud di 6.000 euro, la giovane realtà bolognese ha iniziato a beneficiare della flessibilità delle soluzioni Aruba – società italiana che offre servizi di data center, web hosting, e-mail, Pec e registrazione domini – ottimizzando le prestazioni e migliorando il proprio servizio

Il progetto di Sgnam è stato lanciato da due giovani studenti a fine 2012 ed oggi è presente in 4 città italiane, con un team di 7 persone con età media 25 anni. Attiva tra l’Emilia Romagna e la Toscana, Sgnam ha realizzato una piattaforma web e mobile che permette di ordinare cibo a domicilio dai locali convenzionati più vicini al cliente, ovviando alle imprecisioni e alla povertà d’offerta legate a un classico approccio telefonico. Infatti un tablet, con un applicativo creato ad hoc per la gestione degli ordini, permette una comunicazione diretta tra ristoratore e cliente e, di conseguenza, un feedback immediato in termini di validazione dell’ordine e di tempo di consegna.

Il tratto innovativo di questa startup, che ad oggi vanta oltre 7.500 ordini, con vendite che superano i 100.000 euro, è aver puntato tutto su una tecnologia completamente digitale. La strategia non è passata inosservata agli occhi dell’incubatore tecnologico Nana Bianca, che si è subito mostrato interessato alla startup, consentendole l’accesso al programma Aruba Cloud Startup: in questo modo Sgnam ha iniziato ad usufruire di un credito cloud di 2.000 euro all’anno per tre anni (Formula Boost).

In questo modo i giovani startupper hanno potuto riscontrare personalmente quale impatto avrebbe avuto sul loro business il passaggio dall’infrastruttura fisica al cloud. Di fatto il Cloud di Aruba ha rappresentato la soluzione ideale per Sgnam e la sua tipologia di business: infatti, rispetto ad altri siti che possono contare su flussi di visite più o meno costanti, Sgnam è soggetta ad un traffico irregolare legato a specifici picchi, ad esempio durante gli orari di pranzo e cena o nel corso dei weekend. Grazie ad Aruba, Sgnam oggi usufruisce di una capacità di calcolo imparagonabile a quella offerta da una macchina fisica: può pertanto potenziare la propria infrastruttura solo nei momenti di maggior traffico e di conseguenza  risparmiare notevolmente sui propri costi.

A livello di risultati, Sgnam ha già riscontrato un netto miglioramento relativo alle prestazioni del proprio sito, godendo di un upload di pagina più veloce ed eliminando i sovra caricamenti del database: ottimizzazioni che favoriscono anche l’utente finale, basti pensare che il tempo medio per ogni ordine si è abbassato di circa 22 secondi.

“Il passaggio dal server fisico al cloud si è dimostrato davvero immediato – ha commentato Lorenzo Lelli, co-fondatore di Sgnam –  non avendo richiesto più di in un paio d’ore nel corso di una notte. Anche la semplicità di utilizzo della soluzione ci ha stupiti: siamo stati operativi sin da subito, sia grazie all’immediatezza dell’interfaccia, sia perché avevamo preso parte ai workshop formativi sul cloud tenuti da Aruba nel corso di Smau, e tanto è bastato.”

“Siamo orgogliosi dell’ingresso di Sgnam all’interno del programma Aruba Cloud Startup – ha dichiarato Stefano Sordi, Direttore Marketing di Aruba – e di come la flessibilità del nostro Cloud sia andata incontro alle esigenze di un business così dinamico. Siamo stati anche noi una startup e conosciamo le difficoltà che possono insorgere quando si avvia il proprio business, per questo continuiamo a puntare sulle realtà italiane più innovative con la speranza di accompagnarle con il nostro know how in un percorso di crescita che le conduca sempre più in alto”.

di Maria Castiglione

Articoli correlati