"Saranno unicorni": chi ce l'ha fatta e chi ci proverà nel 2016 | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Top 50

“Saranno unicorni”: chi ce l’ha fatta e chi ci proverà nel 2016

08 Gen 2016

New York Times e Cb Insights hanno diffuso ad agosto 2015 la lista delle 50 startup internazionali più promettenti. A fine anno 6 hanno superato il miliardo di dollari di valutazione: 4 americane, una tedesca e una cinese. Quante altre diventeranno “grandi” nel 2016? Qui la lista completa delle candidate

Ad agosto 2015 il New York Times in partnership con CB Insights, società che raccoglie dati sul venture capital a livello internazionale, ha diffuso una ricerca nella quale elencava 50 potenziali unicorni,  termine con il quale si indicano le rare neo imprese che superano il miliardo di dollari di valutazione. Per valutare le chance di una startup di diventare “miliardaria” è stato usato un particolare algoritmo chiamato Mosaic. 

Qui la lista completa delle 50 startup internazionali più promettenti in grado di diventare unicorni

Qui è scaricabile il white paper sugli unicorni di CB Insights: chi sono i migliori, chi sono i loro investitori, quali sono i trend d’investimento, quante e quali exit, quali chance ha una startup di diventare un unicorno

A fine 2015 New York TimesCB Insights hanno pubblicato un aggiornamento, dal quale è emerso che sei startup presenti nella lista sono riuscite a fare il balzo in avanti, diventando a tutti gli effetti unicorni. Si tratta di quattro startup statunitensi, una tedesca e una cinese. Campi d’azione: Fintech (tecnologia applicata ai servizi finanziari), HR Tech (tecnologia applicata al campo delle risorse umane), food  declinato in varie modalità (consegne o e-commerce), cybersecurity ed e-commerce. Altre 4 della lista che riuniva le 50 startup più promettenti hanno registrato un incremento da quando la classifica è stata pubblicata, pur non arrivando a sfondare la fatidica soglia di 1 miliardo: sono una società dell’HR Tech, due che si occupano di Internet Software e Services e un’altra impegnata nel’Healthcare. Tutte e 4 statunitensi. Nessuna italiana nella lista dei nuovi unicorni.

Ecco le magnifiche 6. 

Avant (Usa) – Startup attiva nel Fintech, sta cambiando il modo in cui i clienti ottengono denaro in prestito dalle banche. Utilizza algoritmi avanzati per rendere più facile il procedimento attraverso il quale si possono ottenere prestiti online. Ha ricevuto 1,719 miliardi di dollari di finanziamenti (settembre 2015). Principali investitori: RRE Ventures, August Capital, KKR. 

Ele.me (Cina) – Piattaforma per ordinare cibo online, consente agli utenti tramite sito web o app di cercare i ristoranti nelle vicinanze e effettuare gli ordini. Non c’è bisogno di registrazione al sito. Ele.me non si occupa delle consegne. Ha ricevuto 1,085 miliardi di dollari di finanziamenti (novembre 2015). Principali investitori: Horizons Ventures, GSR Ventures, Matrix Partners China. 

Gusto (Stati Uniti) – La ex ZenPayroll, basata a San Francisco, offre un servizio che consente alle aziende di compilare le buste paga in pochi minuti da qualsiasi dispositivo abilitato. Tutte le tasse governative sono calcolate in automatico e senza necessità di documenti cartacei. Ha raccolto 108,4 milioni di dollari. Principali investitori: Emergence Capital Partners, General Catalyst Partners, A-Grade.  

HelloFresh (Germania) – Offre agli utenti un nuovo modo di cucinare. Ogni settimana l’utente può scegliere sul sito alcune ricette da provare e la società invierà ulteriori dettagli e gli ingredienti per prepararle. Ha ottenuto 278,2 milioni di dollari di fondi (settembre 2015). Tra i principali investitori c’è anche il colosso tedesco delle consegne di cibo online Rocket Internet, oltre a Insight Venture Partners e Phenomen Ventures. 

Okta (Usa) – La ex SaaSure fornisce un servizio di cybersecurity, in particolare di gestione in mobilità e di gestione dell’identità integrata che connette le persone in modo sicuro e semplice alle loro applicazioni da qualsiasi dispositivo.  Basata a San Francisco, ha raccolto fondi per 229,3 milioni di dollari (agosto 2015) da Greylock Partners, Khosla Ventures, Floodgate. 

Thumbtack.com (Usa) – Si tratta di un marketplace dove i consumatori possono trovare, confrontare e prenotare i servizi locali. La società fornisce una directory complessiva, stima i costi e propone professionisti di vari settori quali idraulici, personal trainer e fotografi di matrimoni. Anch’essa basata a San Francisco, ha raccolto fondi per 273,9 milioni di dollari (settembre 2015).  Tra i principali investitori c’è anche Google Capital, oltre a Sequoia Capital e MHS Capital. 

Le altre quattro startup della lista New York Times-Cbs Insight che hanno dimostrato di crescere nel corso del 2015, pur non tagliando l’ambito traguardo di unicorni, sono: Greenhouse Software (HR Tech), piattaforma che automatizza e semplifica i processi di assunzione di nuovi talenti; Intercom, nuovo modo per le aziende di Internet di comunicare con i clienti in maniera personalizzata; One Medical Group, che offre un nuovo approccio al sistema sanitario in grado di mettere insieme persone, applicazioni tecnologiche e talenti; e Optimizely, piattaforma di ottimizzazione per il web. Tutte società, manco a dirlo, con sede a San Francisco. 

Guardando alla lista completa delle 50 startup internazionali più promettenti in grado di diventare unicorni, emerge che la stragrande maggioranza sono statunitensi. Ci sono però anche 4 cinesi, due indiane, una dal Brasile e una dal Sudafrica. Insomma una parte dei Brics, i Paesi emergenti, può vantare almeno una startup che punta a diventare un unicorno. Solo due le startup europee presenti nell’elenco: una olandese, Elastic, che fa Internet Software & Services, e la startup tedesca già citata, HelloFresh. Nessuna italiana nella lista.

Tra i campi di attività, 9 sono classificate come startup dell’e-commerce, 6 sono nel’Healthcare, tre si occupano di droni/satelliti, 4 operano nel Fintech. Molte sono legate ai servizi per il software e la moblitià.E cominciano ad emergere le startup di HR Tech.  

 

keyboard_arrow_right
keyboard_arrow_left

17zuoye

Edtech

China

Temasek Holdings, H Capital, Shunwei Fund

 

3D Robotics

Drones/Satellites

United States

Foundry Group, Maveron, Mayfield Fund

 

Airware

Drones/Satellites

United States

RRE Ventures, Google Ventures, First Round Capital

 

Avant

Fintech

United States

RRE Ventures, August Capital, KKR

 

Beepi

E-commerce

United States

Foundation Capital, Sherpa Ventures, Redpoint Ventures

 

Betterment

Fintech

United States

Bessemer Venture Partners, Menlo Ventures, Red Swan Ventures

 

Coinbase

Fintech

United States

Union Square Ventures, Andreessen Horowitz, BBVA Ventures

 

Collective Health

Healthcare

United States

Founders Fund, Formation 8, New Enterprise Associates

 

Cyanogen

Mobile Software & Services

United States

Twitter Ventures, Qualcomm Ventures, Benchmark Capital

 

Decolar

Internet Software & Services

Brazil

Sequoia Capital, Insight Venture Partners, Accel Partners

 

Deliveroo

On-Demand

United Kingdom

Accel Partners, Hoxton Ventures, Index Ventures

 

DigitalOcean

Internet Software & Services

United States

Andreessen Horowitz, IA Ventures, CrunchFund

 

Dollar Shave Club

E-Commerce

United States

Venrock, Battery Ventures, Felicis Ventures

 

DoorDash

On-Demand

United States

Khosla Ventures, Sequoia Capital, KPCB

 

Edaijia

On-Demand

China

Matrix Partners China, Lightspeed China Partners, Warburg Pincus

 

Elastic

Internet Software & Services

Netherlands

Boxgroup, SV Angel, Spark Capital

 

Ele.me

On-Demand

China

Horizons Ventures, GSR Ventures, Matrix Partners China

 

Flatiron Health

Healthcare

United States

First Round Capital, Google Ventures, SV Angel

 

Freshdesk

Internet Software & Services

United States

Accel Partners, Google Capital, Tiger Global Management

 

Greenhouse Software

HR Tech

United States

Benchmark Capital, Thrive Capital, Resolute.vc

 

Gusto

HR Tech

United States

Emergence Capital Partners, General Catalyst Partners, A-Grade

 

Grofers

On-Demand

India

Sequoia Capital India, Tiger Global Management

 

Harry’s Razor Company

E-Commerce

United States

Thrive Capital, BoxGroup, Red Swan Ventures

 

HelloFresh

E-Commerce

Germany

Insight Venture Partners, Phenomen Ventures, Rocket Internet

 

HotelTonight

On-Demand

United States

Accel Partners, Battery Ventures, GGV Capital

 

Intercom

Internet Software & Services

United States

The Social+Capital Partnership, Iconiq Capital, Bessemer Venture Partners

 

Mixpanel

Internet Software & Services

United States

Andreessen Horowitz, Sequoia Capital, Y Combinator

 

Munchery

E-Commerce

United States

Greycroft Partners, Menlo Ventures, Sherpa Ventures

 

Okta

Cybersecurity

United States

Greylock Partners, Khosla Ventures, Floodgate

 

One Medical Group

Healthcare

United States

Benchmark Capital, DAG Ventures, Oak Investment Partners

 

Optimizely

Internet Software & Services

United States

Bain Capital Ventures, Kapor Capital, Lowercase Capital

 

OYO Rooms

Internet Software & Services

India

Sequoia Capital India, Lightspeed Venture Partners, Softbank Corp.

 

PillPack

Healthcare

United States

Slow Ventures, Accomplice, Founder Collective

 

Planet Labs

Drones/Satellites

United States

Lux Capital, Data Collective, Industry Ventures

 

Postmates

On-Demand

United States

Spark Capital, Matrix Partners, SoftTechVC

 

Practice Fusion

Healthcare

United States

Artis Ventures, KPCB, Industry Ventures

 

Privia Health

Healthcare

United States

Goldman Sachs, Health Enterprise Partners

 

Raise Marketplace

E-Commerce

United States

Bessemer Venture Partners, Listen Ventures, New Enterprise Associates

 

Skyhigh Networks

Cybersecurity

United States

Greylock Partners, Salesforce Ventures, Sequoia Capital

 

Sonos

Hardware

United States

Index Ventures, e.ventures, Elevation Partners

 

Squarespace

Internet Software & Services

United States

Accel Partners, Index Ventures, General Atlantic

 

Stack Exchange

Internet Software & Services

United States

Spark Capital, SV Angel, Founder Collective

 

Stitch Fix

E-Commerce

United States

Baseline Ventures, Benchmark Capital, Lightspeed Venture Partners

 

Taboola

Internet Software & Services

United States

Comcast Ventures, Pitango Venture Capital, Baidu

 

Takealot Online

E-Commerce

South Africa

Tiger Global Management

 

Thumbtack

E-Commerce

United States

Sequoia Capital, MHS Capital, Google Capital

 

Upwork Global

HR Tech

United States

Jackson Square Ventures, Benchmark Capital, Stripes Group

 

Uxin Pai

E-Commerce

China

DCM Ventures, Legend Capital, Tencent

 

Wealthfront

Fintech

United States

Ribbit Capital, Red Swan Ventures, Spark Capital

 

Zuora

Internet Software & Services

United States

Benchmark Capital, Northgate Capital, Tenaya Capital

 

 

 

 

 

 

 

di Luciana Maci

Articoli correlati