Open innovation, all'hackathon di Vodafone vince un'app della realtà virtuale | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

LA GARA

Open innovation, all’hackathon di Vodafone vince un’app della realtà virtuale

05 Lug 2017

L’azienda ha chiamato a raccolta decine di giovani sviluppatori e startupper per innovare l’app My Vodafone. Vincitore il team “Mib” con un progetto basato su geolocalizzazione e virtual reality: una nuova funzione permetterà ai clienti di ricevere notifiche personalizzate e andare a caccia di premi

Una grande azienda di telefonia, Vodafone, chiama a raccolta informatici, sviluppatori e startupper per rinnovare una sua applicazione: un gesto di open innovation, metodo in base al quale le imprese ricercano spunti innovativi anche all’esterno del proprio perimetro aziendale, che si è concretizzato nella terza edizione di “My Vodafone Hack”. Si è trattato appunto di una maratona digitale organizzata da Vodafone Italia per innovare l’app My Vodafone, che si è tenuta al Vodafone Village di Milano il 3 e 4 luglio. Una sfida contro il tempo per sviluppare una nuova funzione e rendere così l’esperienza di utilizzo di My Vodafone App ancora più completa e coinvolgente per il cliente.

A vincere, dopo una maratona di 24 ore, è stato il Team “MIB”, composto da Federico Amoruso, Marianne Craman, Federico Dionisio, Elia Maracani, Angelo Nardella ed Elisa Negri. Il gruppo ha presentato una funzione innovativa per l’app My Vodafone basata sulla geolocalizzazione e la virtual reality. “Vodafone Find” permette ai clienti, da un lato, di ricevere notifiche personalizzate quando si trovano in determinati luoghi in Italia. Dall’altro, di andare a caccia di premi, offerte e sorrisi, seguendo una mappa e scattando un selfie con il logo di Vodafone che compare in virtual reality, da condividere poi sui social.

La giuria ha premiato il Team “MIB” per l’innovatività e la completezza della proposta che ha toccato tutti gli aspetti, dallo sviluppo grafico e informatico alle prospettive commerciali.

Al My Vodafone Hack hanno partecipato 63 giovani: 30 ragazze e 33 ragazzi, tra universitari, neolaureati, sviluppatori e startupper con competenze di digital design, digital marketing e una forte passione per il mondo IT. I concorrenti sono stati divisi in 11 squadre con l’obiettivo di creare una nuova funzionalità dell’app My Vodafone, che rappresenta il principale strumento di contatto con i clienti di Vodafone Italia.

Durante le 24 ore di brainstorming e sviluppo ci sono stati momenti dedicati a speech motivazionali da parte di personalità quali Carlo Purassanta, Amministratore Delegato di Microsoft Italia e Angelo D’Alessandro, founder e COO di Buddybank, e attività notturne, dall’incontro con alcuni clienti per testare i primi prototipi, alla “Sfida Marshmallow“, format internazionale per fare team building.

Oltre al Team “MIB”, sono stati premiati i Team VodUp e VodaBomb, tutti con smartphone top di gamma Huawei.

Dopo il successo delle prime due edizioni Vodafone Italia si è affidata nuovamente alla capacità innovativa dei giovani, sempre in un’ottica di crowdsourcing e co-creation, per migliorare la customer experience dei suoi clienti. L’app My Vodafone è il pilastro su cui si basa la strategia di gestione dei clienti di Vodafone Italia. Basti pensare che su 100 milioni di interazioni mensili, 3 su 4 sono in digitale (92%) e più della metà passa dall’app My Vodafone.

Articolo correlato