La "medicina Draghi" farà bene alle startup | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Three-comma club

La “medicina Draghi” farà bene alle startup

22 Apr 2016

L’economia europea è stata a lungo caratterizzata da propensione al rischio molto bassa e tassi di risparmio molto alti: dinamiche che hanno impigrito il continente. La politica dei tassi bassi della Banca Centrale Europea, se perpetuata, renderà i risparmiatori più propensi a investire in imprese innovative per cercare rendimenti

Mario Draghi
La medicina Draghi fa bene alle startup europee? Il combinato di interessi a zero e di acquisto di titoli con rilascio di liquidità, sostiene le imprese innovative?

La battaglia portata avanti dal Presidente della Banca Centrale Europea è innanzitutto una sfida culturale.

La FED, la banca centrale USA, ha usato per prima l’arma di una politica monetaria espansionistica, subito dopo la crisi dei mutui sub-prime e del settore finanziario del 2007. A conti fatti, con alcuni angoli che non commentiamo, l’economia americana si è ripresa e alcuni settori innovativi come quello delle biotecnologie sono cresciuti prepotentemente in borsa e il numero di IPO, di quotazione di nuove imprese, è stato impressionante.

·       La FED ha agito con la leva monetaria su una nazione con una propensione al rischio molto elevata e un tasso di risparmio tra i più bassi tra i paesi OCSE.

La BCE ha applicato, seppur con un colpevole ritardo dovuto a differenze interne al suo direttivo, la medesima ricetta. I risultati, i benefici per le startup, si vedono appena.

·       La BCE ha agito su un gruppo di nazioni con una propensione al rischio molto bassa e con tassi di risparmio molto alti. In particolare, paesi come l’Italia hanno tassi di risparmio tra i più alti del mondo.

La FED ha creato ricchezza, la BCE sembra stia creando povertà. Per fare un esempio, il mitico popolo dei Bot-people, i cittadini che sottoscrivevano i titoli di stato del debito italiano, a rischio prossimo alla zero, si sono portati a casa rendimenti tra il 4 e 8% negli ultimi anni, a seconda del periodo. Ciò permetteva al risparmiatore di avere quell’extra reddito per gli extra consumi. Ora i tassi stanno a zero e nessun extra per extra consumi. Da ciò, e non solo, deflazione e crescita bassa.

Ecco, l’abbondante presenza di tassi alti per troppo tempo, ha impigrito un intero continente, Italia in testa. Uno dei modi per risvegliare l’animal spirit imprenditoriale, passa per la garanzia di averli bassi ancora a lungo. Più Draghi resiste alle pressioni, più le immense risorse detenute dalle famiglie andranno verso la ricerca di rischio e di rendimento, e approderanno anche alle startup innovative. Nuove grandi ricchezze saranno generate.

Lunga vita ai tassi bassi, faranno cambiare i comportamenti degli europei e soprattutto degli italiani.

Articoli correlati