ClouDesire, 600 mila euro da Tim Ventures per la "startup della nuvola" | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Venture capital

ClouDesire, 600 mila euro da Tim Ventures per la “startup della nuvola”

22 Dic 2015

La società ideatrice di un marketplace per aiutare gli sviluppatori a vendere software su qualsiasi tipo di cloud userà i finanziamenti ottenuti dal corporate venture di Telecom Italia per il lancio di uno store globale di applicazioni software enterprise

Nuovo finanziamento per la “startup del cloud”. ClouDesire, la suite di cloud monetization che consente a grandi e piccoli produttori di software di portare in modo efficace tutte le loro applicazioni software sul cloud, ha annunciato oggi di aver completato un round di 600mila euro che andrà ad alimentare il lancio di uno store globale di applicazioni software enterprise e la crescita internazionale dell’azienda. L’operazione è stata condotta da Tim Ventures, il braccio di Corporate Venture del Gruppo Telecom Italia

ClouDesire consente ad ogni applicazione software di diventare SaaS (Software-as-a-Service) e di essere venduta e distribuita su qualsiasi cloud in pochi minuti, senza riscrivere codice, con il pieno supporto Docker. 

“Siamo pronti a lavorare insieme al nostro nuovo partner per continuare a crescere ed innovare” ha affermato Eddy Fioretti, Ceo e co-fondatore di ClouDesire “Questo investimento arriva al momento giusto per la nostra crescita: ci servirà per supportare la nostra strategia a lungo termine e per migliorare i servizi per i nostri clienti, i nostri partner e la nostra community. Vorrei ringraziare gli investitori, che hanno creduto nella nostra visione e nella nostra capacità di esecuzione, il nostro team per la passione e la dedizione alle sfide quotidiane, e tutte le persone che continuano a sostenerci fin dai primi giorni”. 

“Abbiamo costruito un prodotto con caratteristiche tecnologiche uniche e di grande valore per il mercato. Adesso potremo aiutare ancora meglio l’enorme comunità di produttori e venditori di software che hanno bisogno di sfruttare i vantaggi del cloud in modo più sicuro e orientato al business” ha dichiarato Andrea Vecchi, Cto e co-fondatore. 

Cloudesire, come dicevamo, è un marketplace che aiuta gli sviluppatori a vendere software su qualsiasi tipo di cloud. Ha già vinto premi importanti (ultimo lo Uk-Italy Springboard), è stata presentata a Wall Street ed è già apprezzata da colossi come Microsoft e Ibm. 

I quattro founder hanno partorito l’idea “osservando il mercato del cloud dal punto di vista delle aziende di medie e piccole dimensioni, che hanno l’esigenza primaria di concentrarsi sul prodotto e sul marketing e per le quali l’infrastruttura di erogazione rappresenta non solo una necessità ma anche un costo”. Dall’inizio del loro percorso sono stati spesso in giro per il mondo: a Montreal per un percorso di internazionalizzazione organizzato dalla Camera di Commercio Italiana in Canada, a Düsseldorf per il prestigioso European Venture Summit 2013, negli Stati Uniti per la missione USACamp organizzata dall’associazione ItaliaCamp, dove appunto hanno partecipato al primo BarCamp nella storia di Wall Street. Per non parlare del percorso di innovazione vinto nel 2014 presso l’allora Working Capital, oggi TIM #WCap, acceleratore di startup di Telecom Italia. E’ stata anche l’unica startup italiana selezionata da Sep (Startup Europe Partnership) per partecipare all’Investors Forum di Bruxelles del 26 marzo 2015. (L.M.)

 

 

Luciana Maci
Giornalista

Ho partecipato al primo esperimento di giornalismo collaborativo online in Italia (Misna). Sono dal 2013 in Digital360 Group, prima in CorCom, poi in EconomyUp. Scrivo di innovazione ed economia digitale

Articoli correlati